Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

binocoli moderni, binocoli vintage, binocoli classici, binocoli militari, binocoli compatti, binocoli giganti ed altro ancora. Questo settore è dedicato totalmente agli appassionati del binocolo a 360°
Marco Buatier
Messaggi: 19
Iscritto il: 10/09/2017, 16:21

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da Marco Buatier »

Caro Blake,
ho sperimentato il tuo stesso travaglio qualche anno fa. Volevo alti ingrandimenti con due occhi per uso naturalistico e non trovavo la quadra.
Ho provato l'APM APO 70 mm a 45°: fantastico ma la messa a fuoco individuale mi avrebbe reso isterico.
Ho visto qualche rifrattore torrettizzato, grazie anche alla cortesia di Giovanni Bruno: ottimi ma di dimensioni/peso improponibili, senza contare la mancanza di impermeabilizzazione.
Alla fine, consigliato da saggi amici del forum, mi sono rassegnato a spendere e mi sono preso il BTX 95, 35x che diventano 60x con l'extender. Lo uso soprattutto all'ingrandimento massimo, se mi serve qualcosa in meno ricorro allo Zeiss 20x60 (che meriterebbe un discorso a parte).
Il BTX mi regala momenti di autentica felicità osservativa, su soggetti fermi ma anche su rapaci in volo: si governa senza problemi ed è dotato di mirino (lo ammetto, uno zoom sarebbe ancora meglio). Mi spiego il costo comparandolo a un rifrattore con torretta di pari diametro: il BTX ti dà prestazioni pari o superiori, a una frazione di peso/dimensioni: i miracoli si pagano.
Oltretutto ora è disponibile il modulo da 115, che ti dà luminosità in più ed è ancora assolutamente maneggevole (l'ho provato).
Qualunque strumento tu scelga, buone osservazioni.
Ciao
Marco
Osserviamo con: Canon 10 x 42 L IS, Swarovski CL Companion 10 x 30, Nikon EII 8 x 30, Pentax Papilio 8,5 x 21, Zeiss 20 x 60 S, Swarovski BTX.
blake 69
Buon utente
Messaggi: 684
Iscritto il: 24/12/2016, 12:40

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da blake 69 »

Marco, il tarlo c’è , ed è evidente. Appena passeremo in zona gialla andrò a provarlo per farmi un idea . Ho letto che il 115 e diaframmato a 110. Anche lì, da provare entrambi per capire quale faccia più al caso nostro . Grazie della testimonianza.
Swarovski NL8x42- nn serve altro appeso al collo per essere appesi al cielo.

APM 70 ED 45 - Morpheus 12,5 mm - UFF 18 mm
Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 921
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da stevedet »

-SPECOLA-> ha scritto: 12/04/2021, 12:55 Riguardo al sistema di messa a fuoco centrale, è almeno dalla fine degli anni '80 del secolo scorso, che i costruttori giapponesi propongono binocoli giganti da 100 mm CF, di buona qualità:

viewtopic.php?p=100380#p100380

Recensione binocolo SkyMaster 14x100

SkyMaster 14×100 BCF

https://www.afdgenova.com/easyStore/Sch ... COD=105007
A dire il vero, entrambi i binocoli citati confermano ciò che avevo scritto e cioè che sono proposti con sistema CF fino a 20x ed IF nella versione 25x. D'altronde, non sono le dimensioni del binocolo a rendere critica la MAF centrale; sono gli ingrandimenti raggiunti che rendono le tolleranze meccaniche sempre più stringenti.
Poi sicuramente il tuo Oberwerk 25x100 CF andrà benissimo e non ti darà mai problemi, :thumbup: anche perché immagino che tu lo maneggerai con attenzione.
Non so, non sono un esperto; ipotizzo che i costruttori preferiscano non rischiare, non sapendo mai come i loro binocoli verranno usati e trasportati e dunque, arrivati alla fatidica soglia dei 25x, optano quasi sempre per una più robusta MAF individuale.
blake 69
Buon utente
Messaggi: 684
Iscritto il: 24/12/2016, 12:40

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da blake 69 »

Marco Buatier ha scritto: 12/04/2021, 13:47 Caro Blake,
ho sperimentato il tuo stesso travaglio qualche anno fa. Volevo alti ingrandimenti con due occhi per uso naturalistico e non trovavo la quadra.
Ho provato l'APM APO 70 mm a 45°: fantastico ma la messa a fuoco individuale mi avrebbe reso isterico.
Ho visto qualche rifrattore torrettizzato, grazie anche alla cortesia di Giovanni Bruno: ottimi ma di dimensioni/peso improponibili, senza contare la mancanza di impermeabilizzazione.
Alla fine, consigliato da saggi amici del forum, mi sono rassegnato a spendere e mi sono preso il BTX 95, 35x che diventano 60x con l'extender. Lo uso soprattutto all'ingrandimento massimo, se mi serve qualcosa in meno ricorro allo Zeiss 20x60 (che meriterebbe un discorso a parte).
Il BTX mi regala momenti di autentica felicità osservativa, su soggetti fermi ma anche su rapaci in volo: si governa senza problemi ed è dotato di mirino (lo ammetto, uno zoom sarebbe ancora meglio). Mi spiego il costo comparandolo a un rifrattore con torretta di pari diametro: il BTX ti dà prestazioni pari o superiori, a una frazione di peso/dimensioni: i miracoli si pagano.
Oltretutto ora è disponibile il modulo da 115, che ti dà luminosità in più ed è ancora assolutamente maneggevole (l'ho provato).
Qualunque strumento tu scelga, buone osservazioni.
Ciao
Marco

Visto che li hai avuti entrambi,che mi puoi dire come comparativa ottica,campo,luminosita,nitidezza,microcontrasto e differenze eventuali tra i due?! thanks
Swarovski NL8x42- nn serve altro appeso al collo per essere appesi al cielo.

APM 70 ED 45 - Morpheus 12,5 mm - UFF 18 mm
Marco Buatier
Messaggi: 19
Iscritto il: 10/09/2017, 16:21

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da Marco Buatier »

Blake,
Ho avuto - e ho -solo il BTX 95. Ho provato entrambi, fianco a fianco, in negozio una sera all'imbrunire.
Ho riscontrato la maggiore luminosità del 115 ma non ho trovato la differenza drammatica. Sul resto non saprei dirti.
In quasi due anni di uso assai frequente del 95, di solito a 60 x, solo in 3 o 4 occasioni mi sarebbe servita un'apertura maggiore, per esplorare zone di canneto in ombra. Va detto che non osservo quasi mai al crepuscolo.
Circa la "diaframmatura" a 110 mm del 115 credo valga a 35 x, mentre con l'extender l'apertura viene sfruttata completamente.

Visto che ti piacciono i tarli: perchè, in alternativa al BTX, non prendi in considerazione lo Zeiss stabilizzato? Potresti usare il tuo APM sulle lunghe distanze, fuoco all'infinito, e lo Zeissone a distanze medie. 20x a mano libera, nitidissimi e contrastatissimi, sono impagabili. Mi hanno consentito osservazioni "da spotting" in una marea di occasioni in cui non avevo il cannocchiale o mancava il tempo di montarlo. Si trova usato sui 2.500 euro.
Se l'idea di girare con l'APM e in più lo Zeissone (e il tuo NL, ovviamente) ti fa inorridire, beh...
abbiamo scherzato. Certo però che poter scegliere ogni volta fra 8, 20 e 40 o 50x..,
Ciao
Marco
Osserviamo con: Canon 10 x 42 L IS, Swarovski CL Companion 10 x 30, Nikon EII 8 x 30, Pentax Papilio 8,5 x 21, Zeiss 20 x 60 S, Swarovski BTX.
blake 69
Buon utente
Messaggi: 684
Iscritto il: 24/12/2016, 12:40

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da blake 69 »

Vorrei stare su di un set up minimalista:un indagatore a bassi ingrandimenti,che onestamente nn trovo piu appagante come un tempo,e un "grande fratello",come primo attore.Stop! metallo aria e vetro,il silicio degli stabilizzati mi e' di troppo,ma e' una limite personale. Tra l'altro ho letto l'estrazione pupillare che mi taglia fuori a priori.Meglio cosi.

Appena riapriranno le gabbie andro' a visionare un BTX 95per formarmi un idea sul campo.E chissa',che nel frattempo Specola ci faccia la sorpresa con il 25x100 elencandone le qualita'.Aspettiamo.
Swarovski NL8x42- nn serve altro appeso al collo per essere appesi al cielo.

APM 70 ED 45 - Morpheus 12,5 mm - UFF 18 mm
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 8085
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da -SPECOLA-> »

stevedet ha scritto: 12/04/2021, 14:59 A dire il vero, entrambi i binocoli citati confermano ciò che avevo scritto e cioè che sono proposti con sistema CF fino a 20x ed IF nella versione 25x.
Ciao,
i binocoli giganti giapponesi che ho menzionato, sono CF (GALAXIAS 1014, 1020 e 1025, Skymaster 14x100 e 20x100):

download/file.php?id=19617&mode=view (il catalogo è del 1991)

È il cinese Sky-Watcher Acuter 25×100 ad essere un binocolo dotato di sistema di messa a fuoco indipendente (IF).
stevedet ha scritto: 12/04/2021, 14:59 D'altronde, non sono le dimensioni del binocolo a rendere critica la MAF centrale; sono gli ingrandimenti raggiunti che rendono le tolleranze meccaniche sempre più stringenti.
Poi sicuramente il tuo Oberwerk 25x100 CF andrà benissimo e non ti darà mai problemi, :thumbup: anche perché immagino che tu lo maneggerai con attenzione.
Non so, non sono un esperto; ipotizzo che i costruttori preferiscano non rischiare, non sapendo mai come i loro binocoli verranno usati e trasportati e dunque, arrivati alla fatidica soglia dei 25x, optano quasi sempre per una più robusta MAF individuale.
Personalmente penso che la scelta del sistema di messa a fuoco indipendente (IF) sia più dovuta alla maggiore facilità di avere strumenti impermeabilizzati, rispetto ad un binocolo di pari formato, dotato di sistema di messa a fuoco centrale (CF), che non per questioni di robustezza meccanica.
Infatti i binocoli giganti giapponesi che ho indicato, non hanno nemmeno la barra centrale, che invece nel binocolo cinese è presente; inoltre lo Sky-Watcher Acuter 25×100 è un binocolo IF impermeabilizzato (waterproof).
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1768
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da Giovanni Bruno »

Ciao MARCO, sono contento che dopo aver provato il mio pesante 80ED + torretta ZEISS a 45°, hai poi preso il leggero SWARO BTX da 95mm, sicuramente un'oggetto degno di ogni considerazione e desiderio.

Le mie torrette ZEISS angolate a 45° hanno il peccato originale di essere costruite in pesantissimo OTTONE, saranno immortali nei secoli, ma il peso è davvero notevole.

Ultimamente ho fatto un simil BTX montando la torretta ZEISS a 45° su un ultraleggero rifrattorino SW da 70/500mm, otticamente non malaccio, del peso di soli 1500 grammi, ma con torretta ZEISS più due oculari si è subito oltre i 3Kg. :thumbup: :wave:
Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 921
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da stevedet »

Il Btx è sicuramente uno strumento straordinario, come tutti gli strumenti Swarovski, tuttavia si porta dietro il difetto di tutti i cannocchiali torrettizzati e cioè il fatto che l'obiettivo è uno solo. Nelle osservazioni a lunga distanza, non cambia nulla, ma osservando soggetti non troppo lontani, verrà a mancare l'effetto parallasse che regala quella visione tridimensionale che solo un vero binocolo può dare, effetto che è il risultato del cosiddetto "merging" elaborato dal cervello tra le due immagini sx e dx prese da due angolazioni leggermente diverse.
Personalmente io non sono in grado di fare questo merging, per ragioni che non sto qui a spiegare, ma chi ha una normale visione binoculare gode di questo vantaggio che migliora la percezione degli oggetti nello spazio ed è il motivo per cui la natura ha generalmente dotato gli animali di occhi distanti sul piano orizzontale.
blake 69
Buon utente
Messaggi: 684
Iscritto il: 24/12/2016, 12:40

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da blake 69 »

stevedet ha scritto: 13/04/2021, 11:29 Il Btx è sicuramente uno strumento straordinario, come tutti gli strumenti Swarovski, tuttavia si porta dietro il difetto di tutti i cannocchiali torrettizzati e cioè il fatto che l'obiettivo è uno solo. Nelle osservazioni a lunga distanza, non cambia nulla, ma osservando soggetti non troppo lontani, verrà a mancare l'effetto parallasse che regala quella visione tridimensionale che solo un vero binocolo può dare, effetto che è il risultato del cosiddetto "merging" elaborato dal cervello tra le due immagini sx e dx prese da due angolazioni leggermente diverse.
Personalmente io non sono in grado di fare questo merging, per ragioni che non sto qui a spiegare, ma chi ha una normale visione binoculare gode di questo vantaggio che migliora la percezione degli oggetti nello spazio ed è il motivo per cui la natura ha generalmente dotato gli animali di occhi distanti sul piano orizzontale.


Questo aspetto “ tridimensionale “ nn l avevo considerato. Da approfondire e nn sottovalutare sul conteggio finale . Grazie
Swarovski NL8x42- nn serve altro appeso al collo per essere appesi al cielo.

APM 70 ED 45 - Morpheus 12,5 mm - UFF 18 mm
Marco Buatier
Messaggi: 19
Iscritto il: 10/09/2017, 16:21

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da Marco Buatier »

Stevedet,
è vero che un rifrattore, pur torrettizzato, non può dare la tridimensionalità di un binocolo.
L'importanza di questo fattore, però, varia a seconda dell'uso che si fa dello strumento.
Da birdwatcher, mi interessa di osservare quanti più dettagli possibile di soggetti specifici, spesso in movimento.
A questo scopo la messa a fuoco centrale mi è molto più utile della tridimensionalità dell'immagine, quindi preferisco il BTX a un binocolone IF.
Se devo rimproverare qualcosa al BTX non è la mancanza di tridimensionalità ma l'ingrandimento fisso. Ho esitato a lungo prima di prenderlo perché temevo che avrei rimpianto il mio vecchio cannocchiale con lo zoom. Non è stato così: la visione binoculare cambia radicalmente l'esperienza osservativa, vale la pena di accontentarsi di 35 o 60x fissi. Inoltre c'è il mirino che aiuta a inquadrare i soggetti, sia fissi che in volo. Però: un conto è prendere un soggetto, che magari a occhio nudo non vedi, col binocolo e poi recuperarlo col cannocchiale. Un conto è trovarlo direttamente col cannocchiale a 20x e portartelo poi a 60 o 70.
Mi manda ai matti il fatto che Zeiss non abbia prodotto la versione binoculare dell'Harpia, che ha lo zoom nel corpo obiettivo.
Quello sarebbe il sogno mostruosamente proibito mio e, credo, di molti birdwatcher.
Diglielo a Zeiss, Pier, diglielo!
Osserviamo con: Canon 10 x 42 L IS, Swarovski CL Companion 10 x 30, Nikon EII 8 x 30, Pentax Papilio 8,5 x 21, Zeiss 20 x 60 S, Swarovski BTX.
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9472
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da piergiovanni »

Marco Buatier ha scritto: 13/04/2021, 15:44
Diglielo a Zeiss, Pier, diglielo!
Ciao Marco, chissà che prima o poi vedremo un bel binocolo naturalistico di alta qualità sopra i 15X. :mrgreen:
Io posso solo esporre la mia esperienza con il BTX.
Ovviamente quando lo usai per mesi venivo da anni di osservazioni con il Kowa Highlander Prominar e del Kowa 883, insomma ero abituato bene.
Se dovessi citare in sintesi pregi e difetti direi che:
1)Ha il pregio di far utilizzare due occhi e di rendere le osservazioni meno affaticanti , similmente a molti cinesoni tipo Siebert che già nei primi anni 2000 avevano creato degli spottings copes con la torretta binoculare
2) E' modulare e si inserisce alla perfezione nello zaino (ma non è una novità, perché ci aveva già pensato Nikon con la serie Monarch)
3) Ha una messa a fuoco rapida e perfetta per le osservazioni naturalistiche.

Tuttavia non l'ho scelto per i seguenti motivi:

1)Rispetto ai miei binocoli da 80mm era poco luminoso, all'atto pratico nell'osservazione degli ungulati al crepuscolo, la differenza con l'Higlander era schiacciante.
2) Ha un mero ingrandimento fisso (e un altro se si usa il moltiplicatore) che reputavo troppo selettivo per le mie osservazioni naturalistiche
3) Come Stevedet notavo un deciso effetto 3d nel Docter Aspectem
4) Per le mie osservazioni di rapaci, anche nell'uso diurno preferisco uno zoom per spaziare da 23 ingrandimenti sino a 70X. Anche per questo motivo poi ho optato per l'Harpia perchè in estate posso sfruttare i 23X e un campo ...gigantesco.

Un progetto vincente potrebbe essere un sistema zoom con messa a fuoco rapida, sarebbe perfetto, anche se come mi hanno fatto notare molti amici d'oltreoceano, se già guardi a 70X, in linea di massima, vuole dire che i soggetti sono distanti, quindi meglio usare la profondità di campo di un binocolo e sfruttare la messa a fuoco singola, ma comprendo che anche in questo caso siamo nel campo delle scelte personali, dato che io a 60X con il Kowa 883 guardavano anche gli insetti :mrgreen:
Anche per questo motivo molti utilizzano due binocoli + lo spotting scope, o un binocolo 12x-15X e lo spotting scope.
Piergiovanni Salimbeni
Iscrivetevi al nuovo canale Youtube! https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo dei binocoli, delle ottiche sportive, fotografiche e altro ancora!
https://www.binomania.it
blake 69
Buon utente
Messaggi: 684
Iscritto il: 24/12/2016, 12:40

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da blake 69 »

Tutto vero,ma il Kowa Higlander e il Docter Aspectem nn li carichi a tracolla,il BTX come l'APM 70 gia assemblati ti permettono di errare per boschi tranquillamente. Distinguerei tra trasportabili e non . Questo fa la differenza sui "terrestri",perche',il piu' delle volte la poesia dell'osservazione terrestre si trova in zone intrauterine ,accessibili solo camminando.

Oggi coll'APM puntavo il monte Matajur a 70 km di lontananza,vedevo perfettamente la chiesetta,e la gente che passeggiava sulla neve. Cavolo quanto e' nitido il "piccoletto".Mi sorprende ogni volta. Poi tornavo sui cigni a pochi metri di distanza sulla sponda del fiume,che spettacolo!L'NL ormai lo lascio sempre a casa.


Il BTX lo vedo come un "all around" molto ma molto versatile. Decidero' una volta provato fianco a fianco del mio . Coloro che lo possiedo ne parlano in maniera entusiasmante.Ieri notte leggevo un intervista di un cacciatore che,appunto,dopo aver provato Kowa Higlander e Docter Aspectem ha scelto il BTX per la trasportabilita' e il focus centrale.Una scelta obbligata.
Swarovski NL8x42- nn serve altro appeso al collo per essere appesi al cielo.

APM 70 ED 45 - Morpheus 12,5 mm - UFF 18 mm
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1768
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da Giovanni Bruno »

Quella del focus centrale è un'argomento di assoluta priorità per le osservazioni terrestri, talmente prioritario da indurmi ad usare molto spesso gli APO ed i CATADIOTTRICI + torretta a 45°, oppure il servizievole IBIS 20x80 ED DIRITTO, invece del divino APM ED APO da 82mm a 45°.

Troppe volte ho dovuto passare da osservare un animale a meno di 50 metri e poi subito dopo un'AEREO, oppure un RAPACE a molti chilometri, la lentezza di messa a fuoco di un binocolone angolato troppo spesso fa fallire un'osservazione a lunghissima distanza ed in rapido movimento.

Nessun dubbio che un'angolato APO da 80-100mm sia straluminoso, ma la lentezza di messa a fuoco è un problema più che reale. :thumbup: :wave:
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 8085
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Terrestre alti ingrandimenti di qualita' e focus centrale

Messaggio da -SPECOLA-> »

Quoto Giovanni Bruno,
nell'impiego terrestre la messa a fuoco simultanea sui due oculari è davvero impagabile in termini di piacevolezza della visione e di rapidità di azione.
Riguardo al peso dell'IBIS 25x80ED IF, il Sig. Romagnoni di RPoptix mi ha confermato che il peso è dovuto al fatto che per avere quella grande qualità, ottica e di conseguenza schema ottico, sistema di lenti e meccanica, portano ad un peso piu importante, simile a quello di binocoli più grandi, come per esempio un 25x100.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/
Rispondi

Torna a “BINOCOLI”