Il mio nuovo acquisto Made in Russia: Intes-Micro Alter M500

Telescopi, accessori, montature per l'astronomia
Rispondi
Fedele
Buon utente
Messaggi: 50
Iscritto il: 07/04/2021, 12:06

Il mio nuovo acquisto Made in Russia: Intes-Micro Alter M500

Messaggio da Fedele »

Ho trovato usato, nella mia zona, questo Intes.Micro. Eccellenti visioni di Luna e Pianeti. Ora lo faccio mettere a nuovo da qualcuno e vediamo un po.
Allegati
219555517_10222600472314619_2717922620585613722_n.jpg
218824791_10222600474234667_3575933731494750814_n.jpg
216641768_10222600473354645_750402415793537437_n.jpg
219051797_10222600472874633_9056999241863200826_n.jpg
219211653_10222599867419497_6755142022773029894_n.jpg
219211653_10222599867419497_6755142022773029894_n.jpg (9.87 KiB) Visto 331 volte
220781022_10222599800897834_6284783981151082466_n.jpg
220781022_10222599800897834_6284783981151082466_n.jpg (7.32 KiB) Visto 331 volte
219945060_10222599748736530_8955219479421536643_n.jpg
219945060_10222599748736530_8955219479421536643_n.jpg (4.52 KiB) Visto 331 volte
Faber
Buon utente
Messaggi: 841
Iscritto il: 16/06/2012, 17:34

Re: Il mio nuovo acquisto Made in Russia: Intes-Micro Alter M500

Messaggio da Faber »

Bello l’Intes Micro. Ne ho avuto uno in configurazione Maksutov Newton.
Unico neo: il peso eccessivo, per il resto molto buono.
Fabio Bergamin

Osservo con binocolo:
Kowa XD 8.5x44
Osservo con telescopio:
Telescopi Takahashi e oculari (Pesanti e leggeri...)
Osservo con microscopio
Leitz SM-LUX
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2056
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Il mio nuovo acquisto Made in Russia: Intes-Micro Alter M500

Messaggio da Giovanni Bruno »

Io in tempi diversi ne ho avuti addirittura due, incredibilmente bello e performante, zero luce diffusa ed un campo meravigliosamente piatto.

La maniglia perfettamente baricentrica ne esalta anche la trasportabilità, nonostante pesa un poco di più di un C5 e di un MAK da 127mm, grazie alla maniglia, si movimenta meglio ed in scioltezza e sicurezza.

Quanto lo hai pagato?

:thumbup: :wave:
Fedele
Buon utente
Messaggi: 50
Iscritto il: 07/04/2021, 12:06

Re: Il mio nuovo acquisto Made in Russia: Intes-Micro Alter M500

Messaggio da Fedele »

l ho preso proprio memore delle tue discussioni su altri forum.
Si quando ho impugnato il tubo della maniglia ho pensato subito a te che ne raccontavi le doti. Confrontato con il SW MAk 127 la differenza in termini di nitidezza e contrasto è enorme enorme, almeno per lo SW in mio possesso.
Le visioni di Luna e Giove sono state ottime a livello di un buon rifrattore apo. A più alti ingrandimenti la situazione peggiora un po.
Il mio esemplare datato, presenta un po di durezza e scattosità sulla messa a fuoco e ho visto che il menisco si muove. Ora l'ho consegnato a Costruzioni ottiche Toscano per farlo sistemare e mettere a nuovo...vediamo un po che cosa esce fuori.
ma già in queste condizioni lo star test è molto buono e le visioni incredibili, sopratutto la Luna a bassi ingrandimenti
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 204
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

Re: Il mio nuovo acquisto Made in Russia: Intes-Micro Alter M500

Messaggio da giodic »

Complimenti! Non solo uno strumento ottimo dal punto di vista ottico, ma anche molto bello sotto l'aspetto puramente estetico... :thumbup:
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - W.O. Megrez 120 ED - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch-7 8x30 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Lunt
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2056
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Il mio nuovo acquisto Made in Russia: Intes-Micro Alter M500

Messaggio da Giovanni Bruno »

Dopo aver venduto il mio eccellente ed amatissimo RUMAK INTES MICRO M603 da 152/1520mm + torretta a 45° erettiva, che usavo in prevalenza per il terrestre, per finanziare l'acquisto del mio attuale APM SD APO da 100mm a 45°, devo dire che non sono pentito dell'operazione.

L'M603 era indubbiamente più potente come risoluzione, 152mm sono ben altra cosa che 100mm, ma la travolgente luminosità del SD pareggia, sia in terrestre che sul cielo, alla grande la poco minore risoluzione.

Per non parlare del deep sky dove l'SD si copre di gloria.

Per i pianeti, rispetto al C11 CPC HD è poca roba sia il RUMAK da 152mm che il 120ED.

Beati quelli che con un'APO da 70mm ci raccontano di sfracelli planetari, avranno una vista bionica beati loro. :thumbup: :wave:
Rispondi