Confronto tra Zeiss 25x planapo e acromatico ph2

Principi di funzionamento, manutenzione, modifica e autocostruzione dei microscopi e dei loro accessori

Moderatore: Enotria

Rispondi
Bellotti E.
Messaggi: 27
Iscritto il: 05/03/2022, 22:53

Confronto tra Zeiss 25x planapo e acromatico ph2

Messaggio da Bellotti E. »

Buonasera a tutti, in questo post porto a confronto due obiettivi Zeiss: un 25x ph2 0,45 acromatico e il famigerato planapocromatico 25x 0,63. Ovviamente potete già immaginare chi è il vincitore. Su ebay sono riuscito a trovare questo Zeiss planapo ad un prezzo sospettosamente basso (70$), di solito si trovano tra i 130€ e i 230€. Il venditore mi ha mandato diverse foto delle lenti e mi ha assicurato che era privo di graffi e delaminazione. È proprio la delaminazione il principale problema di questi obiettivi, soprattutto quando sono molto vecchi. Questo in particolare deve avere molti anni sulle spalle, dato che è la versione con an=0,63 anziché il più nuovo (comunque sempre almeno degli anni '80) con an=0,65.
I due obiettivi
I due obiettivi
Bellotti E.
Messaggi: 27
Iscritto il: 05/03/2022, 22:53

Re: Confronto tra Zeiss 25x planapo e acromatico ph2

Messaggio da Bellotti E. »

Lo Zeiss 25x ph2 ha sempre fatto parte del mio Zeiss standard 16, fin da quando l'ho acquistato. Con l'upgrade al contrasto interfereziale (la seconda serie) ho sentito il bisogno di adeguare gli obiettivi, infatti quelli di fase non rendono bene in dic (... E ora ne ho la conferma). Quindi nonostante il condensatore inko dic possieda due anelli di fase, penso che in futuro smetterò quasi del tutto di usarli. Comunque, appena ho avuto il planapo nelle mie mani l'ho subito ispezionato col cannocchiale di Bertrand, e sono rimasto piacevolmente stupito della totale assenza di delaminazione. L'unica pecca che ho riscontrato è un anello sottile di "sporcizia" simile a condensa in tutto il bordo esterno della lente frontale, e proprio al centro quello che sembra un detrito (non credo sia un graffio). Per il momento ho deciso di godermelo così, senza pulirlo, vista la resa.
Questo è il confronto, ho usato la seconda diatomea del famoso test di K Kemp, dovrebbe essere Lirella lyra. Le immagini sono zoomate sul soggetto per meglio confrontare i particolari.
Campo chiaro
Campo chiaro
Come potete vedere l'aberrazione cromatica non è il miglioramento che si nota maggiormente, bensì l'incredibile risoluzione.
Bellotti E.
Messaggi: 27
Iscritto il: 05/03/2022, 22:53

Re: Confronto tra Zeiss 25x planapo e acromatico ph2

Messaggio da Bellotti E. »

La vera rivoluzione l'ho notata in dic comunque, non che non si noti il netto miglioramento in campo chiaro, ma solo perché ormai utilizzo solo il dic per l'osservazione.
Dic
Dic
L'immagine parla da sola. Non ho utilizzato la post-produzione perciò le immagini sono un singolo scatto così come è stato acquisito dalla fotocamera(5Mp). Come regolazione ho mantenuto totalmente aperto l'iride del condensatore, ho regolato il condensatore secondo Kohler e ho utilizzato il prisma II del condensatore inko.
Bellotti E.
Messaggi: 27
Iscritto il: 05/03/2022, 22:53

Re: Confronto tra Zeiss 25x planapo e acromatico ph2

Messaggio da Bellotti E. »

Ecco invece una immagine non zoomata presa in dic con lo zeiss 25x planapo. Questa volta il fuoco è su una Stauroneis (sempre del test di Kemp) probabilmente con il ridimensionamento che applica il sito non si potrà apprezzare, ma i dot sono risolti(almeno sul piano focale).
Planapo 25x dic full image
Planapo 25x dic full image
Che dire, sono molto soddisfatto, e spero di riuscire a fare l'upgrade a tutti i miei obiettivi, prima o poi.
Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 1399
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Confronto tra Zeiss 25x planapo e acromatico ph2

Messaggio da 500paolo »

Belle immagini, ma e' normale per il dic quella sfumatura da chiaro a scuro obliqua?
Io ho la versione planapo 25x 0.65 con anello verde, pagato circa 85 euro 5-6 anni fa, e' arrivato in perfette condizioni. Ti sconsiglio di aprirlo per pulirlo, con quelle aperture numeriche sicuro al rimontaggio perderesti qualcosa in termini di risoluzione, io lo terrei così visto le prestazioni.
Bellotti E.
Messaggi: 27
Iscritto il: 05/03/2022, 22:53

Re: Confronto tra Zeiss 25x planapo e acromatico ph2

Messaggio da Bellotti E. »

Buonasera Paolo non è assolutamente mia intenzione aprirlo, la "sporcizia" è sulla lente frontale all'estero. Penso che un giorno potrei limitarmi a pulirlo, delicatamente con alcol isopropilico e cotton fioc, ma per ora mi accontento. Non vorrei dovermi pentire e combinare guai. La sfumatura è una scelta mia, mi sembrava di ottenere una risoluzione migliore, regolando di poco l'altezza del condensatore ottengo uno sfondo uniforme. Adesso sono alla ricerca di un planapo 40x a secco e di un 63x plan apo o plan neofluar, penso saranno i prossimi upgrade.
Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 1399
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Confronto tra Zeiss 25x planapo e acromatico ph2

Messaggio da 500paolo »

Chiedevo non avendo il dic.
Un pl apo 40x piacerebbe anche a me, ma gia' col mio semplice apo 40x 0.95 trovo la distanza di lavoro troppo risicata, basta un piccolo detrito nel campione e la messa a fuoco crea le cascate del Niagara sotto il copri vetrino. Inoltre non so se non si debba convenientemente passare all'immersione con tale ingrandimento, siamo al limite per il secco e un pl apo 40x 1.30 dovrebbe essere stupendo come risoluzione e contrasto.
Bellotti E.
Messaggi: 27
Iscritto il: 05/03/2022, 22:53

Re: Confronto tra Zeiss 25x planapo e acromatico ph2

Messaggio da Bellotti E. »

Capisco il problema della scarsa distanza di lavoro alla quale ti riferisci, io però penso che non lo sentirei molto. Utilizzo solo vetrini preparati, con diatomee montate direttamente sotto al coprivetrino. Vorrei avere solo un obiettivo ad immersione, anche perché ho poco tempo e quindi non posso permettermi di sprecarlo pulendo l'olio. Ci sarebbero quelli ad immersione in acqua ma costano un occhio.
Rispondi

Torna a “Ottica, meccanica, manutenzione e riparazione del microscopio”