Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Recensioni di binocoli, suggerimenti, comparative, reportage, consigli per gli acquisti e altro ancora
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9627
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

@Westley

ok, grazie per la puntualizzazione.
Adesso ho compreso che la frase
Gestione del controluce da rivedere seriamente.
che hai scritto nel tuo intervento del 31/05/2024, 22:40 in questo forum, corrisponde a quello che hai poi postato sull'altro venerdì scorso.
Essendo che avevo letto che il tuo binocolo l'avevi reso subito, considerando che tra i due post è trascorsa una settimana, pensavo che si trattasse di due situazioni differenti.
Tutto chiaro adesso.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9627
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

piergiovanni ha scritto: 12/06/2024, 13:44 Ciao, io avro' modo di provare il nuovo 20x42, spero a fine mese, ci sarà modo quindi di approfondire la questione e se si tratta di un esemplare specifico o di tutta la gamma.
Inutile dire che si tratta di una questione davvero importante, per cui il tuo giudizio inciderà molto nella scelta dei futuri acquisti di un buon numero di appassionati.
Non vedo l'ora di leggerti per saperne di più.
Grazie Piergiovanni per stare sempre sul pezzo.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 295
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Westley »

@piergiovanni
Tralasciando quello che fanno gli americani..
Che è meglio..
Ma quando provasti il SIG 16X42 versione grigia, non hai notato il glare?
È troppo evidente ed invasivo..
Ciao
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 10001
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piergiovanni »

-SPECOLA-> ha scritto: 12/06/2024, 13:48
piergiovanni ha scritto: 12/06/2024, 13:44 Ciao, io avro' modo di provare il nuovo 20x42, spero a fine mese, ci sarà modo quindi di approfondire la questione e se si tratta di un esemplare specifico o di tutta la gamma.
Inutile dire che si tratta di una questione davvero importante, per cui il tuo giudizio inciderà molto nella scelta dei futuri acquisti di un buon numero di appassionati.
Non vedo l'ora di leggerti per saperne di più.
Grazie Piergiovanni per stare sempre sul pezzo.
Diciamo che spesso ricevo richieste un po' assurde, tipo ricordarmi a memoria come va un prodotto rispetto a un altro recensito un anno prima o discutere su formati differenti. Ieri un signore mi ha chiesto se sia meglio l'NL PURE 8x42 o il Kowa Highlander 32x82. Sostanzialmente quando si prova un formato un po' particolare senza metro di paragone penso sia molto difficile trarre delle conclusioni "comparative", di fatto, non mi pare molto utile confrontare un 12x36 con un 16x42 o un 15x56 con un 20x100 giacchè sono formati completamente differenti.
Penso che un prodotto vada anche inquadrato nel settore specifico per cui è stato progettato, quindi se vedo bagliore diffuso in un binocolo a tetto costosissimo fatto anche per guardare i rapaci in controluce , quel problema potrebbe essere molto importante per un birdwatcher, cosi' come un binocolo con campo curvo non sarebbe molto apprezzato da un astrofilo.

Riguardo l'esemplare di SIG SAUER posso solo ribadire quanto ho scritto nell'articolo, avevo notato un po' di luce diffusa anche visibile nella pupilla ma non che potesse totalmente rovinarne l'utilizzo.
Piergiovanni Salimbeni - tester e giornalista
Canale Youtube https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Siti Web
Binomania.it-Recensioni di binocoli, spotting scope, telescopi astronomici e altro ancora
https://www.binomania.it

La Rivista della Luna -Missioni, Geologia, Storia, Guida all'osservazione e altro ancora
https://www.rivistaluna.com/

Termicienotturni.it-Recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna
https://www.termicienotturni.it
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 10001
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piergiovanni »

Westley ha scritto: 12/06/2024, 14:23 @piergiovanni
Tralasciando quello che fanno gli americani..
Che è meglio..
Ma quando provasti il SIG 16X42 versione grigia, non hai notato il glare?
È troppo evidente ed invasivo..
Ciao
Come scritto nella figura 5, analizzando la pupilla di uscita avevo notato la presenza di un po' di luce diffusa ma onestamente non cosi' invasiva come tu hai evidenziato, ma si dovrebbe provare un 16x42 della Kite per avere almeno un metro di paragone, se si prova anche con un 14x, secondo me è molto difficile fare dei paragoni.
Piergiovanni Salimbeni - tester e giornalista
Canale Youtube https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Siti Web
Binomania.it-Recensioni di binocoli, spotting scope, telescopi astronomici e altro ancora
https://www.binomania.it

La Rivista della Luna -Missioni, Geologia, Storia, Guida all'osservazione e altro ancora
https://www.rivistaluna.com/

Termicienotturni.it-Recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna
https://www.termicienotturni.it
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9627
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

piergiovanni ha scritto: 12/06/2024, 14:24 Riguardo l'esemplare di SIG SAUER posso solo ribadire quanto ho scritto nell'articolo, avevo notato un po' di luce diffusa anche visibile nella pupilla ma non che potesse totalmente rovinarne l'utilizzo.
Sì Piergiovanni e questa cosa non mi è parsa degna di nota visto che ricalca un po' anche la mia esperienza con il binocolo stabilizzato BRESSER OIS 16x42 di cui ho già scritto.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Ldls
Messaggi: 3
Iscritto il: 11/06/2024, 10:21

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Ldls »

Salve buongiorno!!

Prima di tutto, mi scuso per la traduzione del messaggio dallo spagnolo all'italiano.

Come ho già affermato in altri forum (Birdforum) sono un recente possessore di un SIG SAUER Zulu6 FDE HDX OIS 16X42mm.
La qualità ottica complessiva del binocolo è, a mio modesto parere, notevole (nitidezza generale, controllo delle aberrazioni cromatiche, distorsioni geometriche, messa a fuoco, peso, ecc.).

A mio avviso, il difetto principale di esso è il cattivo comportamento in determinate condizioni prima di sorgenti luminose frontali o laterali in condizioni di controluce, in cui si genera una sorta di fastidiosa nebbia bianca che si propaga dalla zona inferiore del cerchio visivo verso l'alto e che si apprezza notevolmente in determinate condizioni di controluce (ad esempio quando ci sono zone fortemente illuminate sopra ed fuori dal cerchio della visione).

Questo bagliore simile alla nebbia che appare in condizioni di luce con notevole contrasto, diventa evidente e si diffonde (dal basso verso l'alto), soprattutto quando l'area di visione del binocolo viene lentamente spostata dal basso verso l'alto ed è notevolmente evidente quando viene attivata la modalità "scansione" 1 di stabilizzazione, aumentando ancora di più quando viene attivata la modalità "obiettivo" 2 di stabilizzazione.

Allo stesso modo, nella visione notturna con sorgenti luminose (ad esempio un paesaggio urbano notturno con lampioni accesi), si osservano piccoli riflessi a forma curva o anulare che derivano da sorgenti luminose che si trovano ai limiti del cerchio visivo (soprattutto più in basso) e anche immediatamente al di fuori del cerchio visivo.

Tali difetti non si verificano con altri binocoli che possiedo (Olympus e Vortex) di qualità medio/bassa.

Poiché un'immagine vale 1000 parole, allego le immagini della suddetta foschia.

Le immagini sono state scattate con fatica, a mano e con il cellulare. L'area messa a fuoco (con il binocolo completamente in ombra) è una piccola pianta posta all'ombra in fondo a un terrazzo, in cui mezzo metro sopra e chiaramente al di fuori dell'area di osservazione si estende uno sfondo distante fortemente illuminato.

Un saluto a tutti.
Allegati
PXL_20240614_095406075.jpg
PXL_20240614_100019355.jpg
rigel
Buon utente
Messaggi: 930
Iscritto il: 31/08/2012, 13:44

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da rigel »

...una parola sola........terribile!.............non mi interessa se non lo fa sempre ma solo occasionalmente.
Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 295
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Westley »

rigel ha scritto: 14/06/2024, 14:10 ...una parola sola........terribile!.............non mi interessa se non lo fa sempre ma solo occasionalmente.
@rigel
confermo tutto..sono le mie stesse impressioni
con il binocolo SIG SAUER ZULU 6 HDX 16X42
Nella stragrande maggioranza delle osservazioni lo fa, ho anche cambiato posti e angolazioni della luce,ma senza vedere miglioramenti.

È impossibile non notare tale difetto a meno che non si sia in mala fede.
Ultima modifica di Westley il 14/06/2024, 20:55, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
T1Z1AN0
Buon utente
Messaggi: 313
Iscritto il: 31/10/2022, 18:12

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da T1Z1AN0 »

Ldls ha scritto: 14/06/2024, 13:33 Salve buongiorno!!

Prima di tutto, mi scuso per la traduzione del messaggio dallo spagnolo all'italiano.

Come ho già affermato in altri forum (Birdforum) sono un recente possessore di un SIG SAUER Zulu6 FDE HDX OIS 16X42mm.

Le immagini sono state scattate con fatica, a mano e con il cellulare. L'area messa a fuoco (con il binocolo completamente in ombra) è una piccola pianta posta all'ombra in fondo a un terrazzo, in cui mezzo metro sopra e chiaramente al di fuori dell'area di osservazione si estende uno sfondo distante fortemente illuminato.

Un saluto a tutti.
Ciao Ldls, benvenuto!
Ti puoi presentare nella sezione apposita.
Oltre a te anche un amico del forum ha evidenziato questo problema, sempre su Sig Sauer 16x42 HDX.
Sarebbe utile capire se accade su tutti gli HDX o solo su alcuni.
Hai contattato il venditore da cui l’hai acquistato? Hai avuto una risposta?
O lo hai comprato su Amazon.com?
Questa recensione sembra la tua.

2,0 su 5 stelleAcquisto verificato

Esperienza di acquisto negativa e prodotto

Recensito negli Stati Uniti il 10 giugno 2024

Colore: FDEStyle: 16X42mm

Binocolo SIG SAUER Zulu6 FDE HDX OIS 16X42mm

Acquisto effettuato per la spedizione dagli Stati Uniti alla Spagna.

Ordine effettuato il 30 aprile 2024, inviato con notevole ritardo il 10 maggio, non ha raggiunto il suo destinatario fino al 4 giugno in quanto è stato paralizzato nel dipartimento doganale spagnolo per 3 settimane per errore, riconosciuto per iscritto dal vettore designato da Amazon (UPS).

Incidenti anche con il pagamento effettuato con carta di credito perché è stato rifiutato dagli algoritmi di sicurezza della mia banca per 3 giorni.

L'esperienza di acquisto può quindi essere descritta come profondamente negativa: non farò mai più un acquisto su Amazon.com in futuro.

Analisi del binocolo:

Il prodotto spedito non era nuovo, era un'unità usata o restituita, come si può dedurre dagli adesivi sui sigilli della scatola che erano notevolmente sporchi, come se l'apertura fosse stata fatta molto tempo fa. Con macchie di sporco e grasso su tutte le lenti e gli oculari. Batteria collegata e in uso, senza il sigillo di sicurezza dello stesso. Tappi per oculari graffiati (di scarsa qualità, tra l'altro) così come tracce di sporco generale sul corpo del binocolo e all'interno della borsa per il trasporto.

Per quanto riguarda le prestazioni del prodotto, e come ha già affermato alcuni altri utenti come AdAstra, si afferma che la qualità ottica del binoculare e il suo basso livello di aberrazioni cromatiche sono offuscati da una notevole predisposizione al bagliore e alla perdita di contrasto non appena l'unità è leggermente orientata contro la luce e la visione viene spostata verticalmente verso l'alto. Questo difetto aumenta se vengono utilizzate le 2 modalità di stabilizzazione.

Allo stesso modo, in un uso notturno con luci nel campo visivo, ad esempio in un uso notturno in un paesaggio urbano con fonti di luce nell'area osservata, si verificano flash continui e fastidiosi a forma di anello intorno a ogni fonte di luce ai bordi dell'area di osservazione.

A parte quanto descritto, la qualità ottica generale e le modalità di stabilizzazione sono corrette, sempre al sicuro da quanto sopra
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 10001
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piergiovanni »

Nell'esemplare testato non si vedeva una luce diffusa così eccessiva, lo avrei rimandato indietro e chiesto spiegazioni. Appena avrò tempo andrò a prendere il backup del materiale riguardante questo testo per postare qualche foto ripresa tramite la mirrorless.
Certamente se vedevate cosi, avete fatto benissimo a restituirlo.
Piergiovanni Salimbeni - tester e giornalista
Canale Youtube https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Siti Web
Binomania.it-Recensioni di binocoli, spotting scope, telescopi astronomici e altro ancora
https://www.binomania.it

La Rivista della Luna -Missioni, Geologia, Storia, Guida all'osservazione e altro ancora
https://www.rivistaluna.com/

Termicienotturni.it-Recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna
https://www.termicienotturni.it
Ldls
Messaggi: 3
Iscritto il: 11/06/2024, 10:21

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Ldls »

Le immagini mostrate diversi messaggi fa sono, a mio modesto parere, il risultato della situazione più estrema: l'osservazione di una zona buia o meno illuminata, quando al di sopra del cerchio visivo e al di fuori di esso ci sono zone intensamente illuminate.

Al di fuori di questa situazione, anche se il binocolo è diretto verso una zona molto illuminata, anche in controluce, la qualità dell'immagine è corretta e il lavoro di stabilizzazione è sempre eccezionale come potrebbe essere dimostrato con l'immagine (non so perché non posso allegare più immagini jpg di meno di 750Kb).

E da quello che ho potuto leggere in diversi forum, sospetto che questo difetto possa interessare tutti i cugini stabilizzati presumibilmente progettati da KAMAKURA: SIG SAUER, BRESSER, ALPEN, KITE, ecc.; Molti di essi sono oggetto di analisi e recensioni su diversi siti web, tra cui questo, in cui però questo difetto non è stato rilevato o non è stata data sufficiente importanza.

Saluti.
PXL_20240614_165519751.pdf
(487.65 KiB) Scaricato 22 volte
Ultima modifica di Ldls il 14/06/2024, 21:34, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 10001
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piergiovanni »

Ho appena chiesto altre opinioni ad altri possessori di SIG SAUER, citero' qui le loro impressioni appena mi risponderanno.
Buona serata
Piergiovanni Salimbeni - tester e giornalista
Canale Youtube https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Siti Web
Binomania.it-Recensioni di binocoli, spotting scope, telescopi astronomici e altro ancora
https://www.binomania.it

La Rivista della Luna -Missioni, Geologia, Storia, Guida all'osservazione e altro ancora
https://www.rivistaluna.com/

Termicienotturni.it-Recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna
https://www.termicienotturni.it
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 3259
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Le due foto postate non lasciano alcun dubbio, metà del campo oculare viene totalmente rovinato dalla luce diffusa e su un binocolo di oltre 1.200€ è del tutto inaccettabile.

Mi ero invaghito del SIG SAUER HDX 20x42, ma quelle foto e le troppe recensioni negative mi hanno totalmente fatto cessare ogni desiderio di acquisto. :thumbup: :wave:
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 3259
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Aspetto comunque la recensione di Piergiovanni prevista per fine mese, che sono certo, dirà una parola importante e spero definitiva, per il bene e per il male. :thumbup: :wave:
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 4236
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piero »

certo che è ben strano: io ho il kite 16x42 che non credo sia poi così diverso ma non mi è mai capitata una roba del genere.
Mi è successo di incorrere in riflessi interni ma solo in condizioni molto particolari e cioè in inverno con sole incidente molto basso e molto laterale, praticamente allo stesso livello del binocolo, ove bastava sportarsi di pochi cm per annullarlo
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Samuele
Buon utente
Messaggi: 1416
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Samuele »

Obiettivi più incassati?
Vetri diversi?
Certo è che se ci si limita ad elogiare la stabilizzazione, bisogna attendere qualcuno dalla Spagna perché se ne parli ... :(
Francesco
Buon utente
Messaggi: 391
Iscritto il: 01/04/2013, 13:00
Località: Catania

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Francesco »

Confermo in toto quanto scritto sopra da Piero anche per quanto riguarda il mio Bresser OIS 16x42.
L’ultimo passo della ragione umana è riconoscere che vi è un Mistero con un’infinità di cose che la superano (Pascal)
Avatar utente
T1Z1AN0
Buon utente
Messaggi: 313
Iscritto il: 31/10/2022, 18:12

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da T1Z1AN0 »

Però il binocolo italiano era messo peggio dello spagnolo (che non ho capito se è stato restituito):

“Nella stragrande maggioranza delle osservazioni lo fa, ho anche cambiato posti e angolazioni della luce,ma senza vedere miglioramenti.”

“Al di fuori di questa situazione, anche se il binocolo è diretto verso una zona molto illuminata, anche in controluce, la qualità dell'immagine è corretta”

Quindi c’è variabilità.
Ldls
Messaggi: 3
Iscritto il: 11/06/2024, 10:21

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Ldls »

Ciao di nuovo e mi scuso, ancora una volta, per i possibili errori nella traduzione dallo spagnolo all'italiano.

Sto ancora testando il binocolo, che ho ricevuto circa 10 giorni fa, e non ho ancora deciso se tornerò su Amazon.

Dopo molte prove, e sempre a mio modesto parere nel caso qualcuno riesca a riprodurle, a produrre con la massima intensità l'effetto della foschia (che a mio avviso, poiché aumenta con l'attivazione delle modalità di stabilizzazione 1 e 2, potrebbe essere correlata ad un effetto indesiderato prodotto dalla lente o dal gruppo di lenti su cui agisce la stabilizzazione), È necessario dirigere il binocolo, sempre all'ombra, verso una superficie o un oggetto relativamente poco illuminato su cui c'è uno sfondo molto più luminoso, che può essere al di fuori del cerchio visivo del binocolo.

Il contrario (dirigere il binocolo su una superficie meno illuminata sotto la quale ce n'è una molto più illuminata, anche al di fuori del cerchio visivo) è, per ragioni logiche, meno frequente, anche se può verificarsi, v.gr ad esempio, se attraverso di essa si osserva il telaio superiore di una finestra con una forte illuminazione esterna.

In tali situazioni, se il binocolo viene spostato nella direzione dell'area o dello sfondo più illuminato (di solito verso l'alto), la suddetta nebbia si diffonde dalla parte inferiore del cerchio visivo al centro di esso. A proposito, ho anche notato che se si usa il binocolo capovolto, ruotato di 180º, l'effetto diminuisce, cosa che trovo assolutamente deplorevole.

Le situazioni più estreme, insomma, si verificherebbero quando si mette a fuoco con il binocolo sul telaio inferiore (o superiore) di una finestra con forte illuminazione dall'esterno; o la parte inferiore interna di una parete ombreggiata su cui c'è una forte illuminazione di fondo.

Oltre alle situazioni di cui sopra, l'effetto può verificarsi in misura maggiore o minore in situazioni più normali, come ad esempio quando si osservano paesaggi all'aperto: ad esempio, una zona boschiva all'ombra sulla quale, anche al di fuori del cerchio visivo, c'è un cielo intensamente illuminato.

Come ho detto prima, non ho osservato alcun effetto simile sugli altri due binocoli che possiedo (Olympus e Vortex) di qualità medio/bassa, tanto meno sul telescopio Kowa TSN 883, che in tali situazioni produce immagini eccezionali.

Al di fuori di tali situazioni problematiche, le prestazioni del binocolo sono notevoli.

Saluti.
rigel
Buon utente
Messaggi: 930
Iscritto il: 31/08/2012, 13:44

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da rigel »

Ldls ha scritto: 15/06/2024, 22:20 A proposito, ho anche notato che se si usa il binocolo capovolto, ruotato di 180º, l'effetto diminuisce,
Ah bèh!!....però è una bella soluzione!!..... :lol: :lol:


Scherzi a parte, complimenti per averla pensata.....davvero!....... :thumbup:
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 3259
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Ricordo a tutti, ma in modo particolare a PIERGIOVANNI, che a tuttora nessuno ci ha spiegato cosa rappresente esattamente la sigla del vetro HDX.

Quindi in occosione della promessa recensione del SIG SAUER 20x42 HDX, oltre a verificare la gravità o meno del GLARE, verificare anche se e quanto il vetro HDX abbia un numero di ABBE capace di avere degli effetti ANTI-ABERRAZIONE CROMATICA.

Ormai il produttore deve votarsi alla massima trasparenza su questo preciso aspetto ....HDX.... altrimenti tra il glare e l'incertezza sulle virtù dei vetri utilizzati vedrà un crollo delle vendite. :thumbup: :wave:
Avatar utente
T1Z1AN0
Buon utente
Messaggi: 313
Iscritto il: 31/10/2022, 18:12

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da T1Z1AN0 »

Mi sto leggendo un po’ di post di birdforum ed ho scoperto che il sig. Denco citato è parecchio conosciuto ed attivo. È molto sensibile al GLARE ed ha stilato una classifica di buoni e cattivi. Ve la incollo:

Torniamo questo thread sull'argomento. A questo punto del filo, riassumiamo cosa cercare in un binocolo per evitare l'abbagliamento ed elenchiamo alcuni dei membri del binocolo che hanno trovato resistenti all'abbagliamento e inclini all'abbagliamento. Aggiungeremo a questo elenco man mano che vengono annotati binocoli più resistenti all'abbagliamento e inclini all'abbagliamento.

Binocolo resistente all'abbagliamento

1) Zeiss FL 8x56

2) Swarovski SLC 8x56

3) La maggior parte degli 8x56 (Big EP)

4) La maggior parte dei Leica (ben sconcertati)

5) La maggior parte dei 42 mm di Zeiss SF, in particolare i 10x42 (SF 32 mm non sono così resistenti all'abbagliamento)

6) Fujinon HC 8x42

7) Opticron Aurora 8x42

8) La maggior parte degli EDG è soprattutto il 7x42

9) Canon 10x42 IS-L

10) Swarovski Habicht 7x42

11) Meopta Meostar 7x42 SLC

12) Nikon EII 8x30

Binocolo Prone All'abbagliante

1) Nikon M7 8x30

2) Swarovski Habicht 8x30

3) Hawk Frontier EDX 8x32

4) Swarovski EL 8x32

5) Kowa 8x25 SVII

6) Swarovski NL's

7) Zeiss 10x42 HT
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 10001
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piergiovanni »

Giovanni Bruno ha scritto: 16/06/2024, 7:32 Ricordo a tutti, ma in modo particolare a PIERGIOVANNI, che a tuttora nessuno ci ha spiegato cosa rappresenta esattamente la sigla del vetro HDX.

Quindi in occasione della promessa recensione del SIG SAUER 20x42 HDX, oltre a verificare la gravità o meno del GLARE, verificare anche se e quanto il vetro HDX abbia un numero di ABBE capace di avere degli effetti ANTI-ABERRAZIONE CROMATICA.

Ormai il produttore deve votarsi alla massima trasparenza su questo preciso aspetto ....HDX.... altrimenti tra il glare e l'incertezza sulle virtù dei vetri utilizzati vedrà un crollo delle vendite. :thumbup: :wave:
Ciao Giovanni, molte aziende non dichiarano perchè usano determinate sigle e quali vetri sono stati utilizzati, prova a chiedere a Swarovski, Zeiss e Leica :mrgreen: Ad esempio Kowa mi ha confermato la presenza di vetro BK7 nel prisma di Porro del loro nuovo spotting ma di certo non rilasciano ulteriori specifiche. Lo stesso accade sempre piu' sovente in astronomia, nota ad esempio Sky-Watcher e le ultime dichiarazioni inesistenti sui vetri usati.
Riguardo il "crollo delle vendite" direi che SIG SAUER non ha di problemi, forse non sei molto appassionato di tiro e di armi ma SIG SAUER è nota come la BARILLA qui in Italia, è uno dei maggiori produttori di armi negli USA e rifornisce Marina e Esercito. Ha una grande reputazione sia all'estero sia in Italia tra i tiratori. Se un astrofilo deve comprare uno stabilizzato magari acquista Kite o Bresser, un cacciatore o tiratore comprerà SIG SAUER solo per il marchio.
Gli stabilizzati venduti da SIG SAUER sono usati da molti cacciatori e tiratori e professionisti dell'esercito e della sicurezza e anche il distributore italiano Bignami fa fatica a riceverne qui in Italia perchè le partite sono sempre esaurite. Sto ancora aspettando il nuovo 20x42 perchè la prima partita è stata totalmente venduta e stanno aspettando che sia disponibile per l'esportazione. Dovrebbe scrivo "dovrebbe" arrivare a fine mese, poi si faranno come sempre tutte le prove del caso. Buona domenica.
Piergiovanni Salimbeni - tester e giornalista
Canale Youtube https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Siti Web
Binomania.it-Recensioni di binocoli, spotting scope, telescopi astronomici e altro ancora
https://www.binomania.it

La Rivista della Luna -Missioni, Geologia, Storia, Guida all'osservazione e altro ancora
https://www.rivistaluna.com/

Termicienotturni.it-Recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna
https://www.termicienotturni.it
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 10001
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piergiovanni »

T1Z1AN0 ha scritto: 16/06/2024, 8:06 Mi sto leggendo un po’ di post di birdforum ed ho scoperto che il sig. Denco citato è parecchio conosciuto ed attivo. È molto sensibile al GLARE ed ha stilato una classifica di buoni e cattivi. Ve la incollo:

Torniamo questo thread sull'argomento. A questo punto del filo, riassumiamo cosa cercare in un binocolo per evitare l'abbagliamento ed elenchiamo alcuni dei membri del binocolo che hanno trovato resistenti all'abbagliamento e inclini all'abbagliamento. Aggiungeremo a questo elenco man mano che vengono annotati binocoli più resistenti all'abbagliamento e inclini all'abbagliamento.

Binocolo resistente all'abbagliamento

1) Zeiss FL 8x56

2) Swarovski SLC 8x56

3) La maggior parte degli 8x56 (Big EP)

4) La maggior parte dei Leica (ben sconcertati)

5) La maggior parte dei 42 mm di Zeiss SF, in particolare i 10x42 (SF 32 mm non sono così resistenti all'abbagliamento)

6) Fujinon HC 8x42

7) Opticron Aurora 8x42

8) La maggior parte degli EDG è soprattutto il 7x42

9) Canon 10x42 IS-L

10) Swarovski Habicht 7x42

11) Meopta Meostar 7x42 SLC

12) Nikon EII 8x30

Binocolo Prone All'abbagliante

1) Nikon M7 8x30

2) Swarovski Habicht 8x30

3) Hawk Frontier EDX 8x32

4) Swarovski EL 8x32

5) Kowa 8x25 SVII

6) Swarovski NL's

7) Zeiss 10x42 HT
Ciao Tiziano, come vedi non ci sono binocoli che forniscono una pupilla di uscita molto piccola che è un fattore che si deve essere in grado di gestire, di fatto, piu' piccola è la pupilla di uscita maggiormente si farà fatica a mettere in asse gli occhi e potrebbero sorgere maggiori problemi di aloni, glare o luce diffusa soprattutto perchè eventuale luce diffusa dovrebbe essere "incanalata" in un cerchio di immagine dato da una pupilla piu' piccola. La pupilla di uscita insieme al rapporto focale di un binocolo sono un altro fattore da considerare quando si analizzano i "bagliori" di un binocolo. Diciamo che personalmente trovo piu' normale trovare un po' di glare in un 16x28, 18xs50 di corta focale che in un 8x42 da 2500 euro. A parità di ottica un ipotetico 10x50 e 20x50, quello con la pupilla di uscita piu' piccola avrà quasi sempre problemi di confort osservativo e di presenza di luce diffusa che spesso dipende da una errata posizione degli occhi e dai fattori sopraccitati oltre che da questioni inerenti la composizione dei prismi, i rivestimenti e il treno ottico. Gli astrofili sono piu' bravi a gestire le pupille di uscita piccole. Tra i migliori strano io inserirei anche il NOCTIVID, da miei comparative contro lo Zeiss SF e SWAROVSKI EL, il Noctivid è risultato ottimo nelle osservazioni in controluce.
Piergiovanni Salimbeni - tester e giornalista
Canale Youtube https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Siti Web
Binomania.it-Recensioni di binocoli, spotting scope, telescopi astronomici e altro ancora
https://www.binomania.it

La Rivista della Luna -Missioni, Geologia, Storia, Guida all'osservazione e altro ancora
https://www.rivistaluna.com/

Termicienotturni.it-Recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna
https://www.termicienotturni.it
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 10001
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piergiovanni »

piergiovanni ha scritto: 16/06/2024, 8:41
T1Z1AN0 ha scritto: 16/06/2024, 8:06 Mi sto leggendo un po’ di post di birdforum ed ho scoperto che il sig. Denco citato è parecchio conosciuto ed attivo. È molto sensibile al GLARE ed ha stilato una classifica di buoni e cattivi. Ve la incollo:

Torniamo questo thread sull'argomento. A questo punto del filo, riassumiamo cosa cercare in un binocolo per evitare l'abbagliamento ed elenchiamo alcuni dei membri del binocolo che hanno trovato resistenti all'abbagliamento e inclini all'abbagliamento. Aggiungeremo a questo elenco man mano che vengono annotati binocoli più resistenti all'abbagliamento e inclini all'abbagliamento.

Binocolo resistente all'abbagliamento

1) Zeiss FL 8x56

Ciao Tiziano, come vedi nella lista citata non ci sono binocoli che forniscono una pupilla di uscita molto piccola che è un fattore che si deve essere in grado di gestire, comprendere e accettare, di fatto, piu' piccola è la pupilla di uscita maggiormente si farà fatica a mettere in asse gli occhi e potrebbero sorgere maggiori problemi di aloni, glare o luce diffusa soprattutto perchè eventuale luce diffusa dovrebbe essere "incanalata" in un cerchio di immagine dato da una pupilla piu' piccola.
Il diametro della pupilla di uscita insieme al rapporto focale di un binocolo sono un altro fattore da considerare quando si analizzano i "bagliori" di un binocolo. Dipende ovviamente anche dalla costruzione interna: annerimento, deflettori, eventuali riflessi della cella obbiettivo, gabbia prisma, che tipo di prisma, etc.etc. ma una pupilla di uscita molto grande, di solito è salvifica.

Diciamo che personalmente trovo piu' normale trovare un po' di glare in un 16x28, 18x50 di corta focale che in un 8x42 da 2500 euro.

A parità di ottica due ipotetici 10x50 e 20x50, quello con la pupilla di uscita piu' piccola avrà quasi sempre problemi di confort osservativo e di presenza di luce diffusa che spesso dipende da una errata posizione degli occhi ma soprattutto dai fattori sopraccitati oltre che da questioni inerenti la composizione dei prismi, i rivestimenti e il treno ottico. Spesso i costruttori riducono il problema con un deflettore che occlude la luce nel punto medio della faccia del prisma dove si generano maggiori riflessi. Quasi mai nulla è lasciato al caso.

Gli astrofili sono piu' bravi a gestire le pupille di uscita piccole ma non è possibile porre rimedio quando la luce diffusa è costretta a incanalarsi in una pupilla piu' piccola. Anche il Docter 40x80 si gestisce con meno facilità che un 20x80. Tra i migliori binocoli io inserirei anche il NOCTIVID, da miei comparative contro lo Zeiss SF e SWAROVSKI EL, il Noctivid è risultato ottimo nelle osservazioni in controluce.
Anche per questo motivo, pur non sapendolo, che molti adorano i 7x42 o gli 8x56...sono formati, generosi, in tutti i sensi e quella ampia pupilla di uscita concede di espiare anche qualche peccato...
Piergiovanni Salimbeni - tester e giornalista
Canale Youtube https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Siti Web
Binomania.it-Recensioni di binocoli, spotting scope, telescopi astronomici e altro ancora
https://www.binomania.it

La Rivista della Luna -Missioni, Geologia, Storia, Guida all'osservazione e altro ancora
https://www.rivistaluna.com/

Termicienotturni.it-Recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna
https://www.termicienotturni.it
Samuele
Buon utente
Messaggi: 1416
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Samuele »

piergiovanni ha scritto: 14/06/2024, 19:00 Nell'esemplare testato non si vedeva una luce diffusa così eccessiva, lo avrei rimandato indietro e chiesto spiegazioni. Appena avrò tempo andrò a prendere il backup del materiale riguardante questo testo per postare qualche foto ripresa tramite la mirrorless.
Certamente se vedevate cosi, avete fatto benissimo a restituirlo.
Piergiovanni, mi sono appena accorto che però l'esemplare che tu hai testato non era la versione HDX col nuovo sistema doppio di stabilizzazione.
Quindi sono due binocoli diversi e non è escluso che gli abbagliamenti di cui si discute siano da imputare proprio alle modifiche introdotte.
Fra l'altro continuo a chiedermi, senza aver trovato risposta, perché mai si sia sentita la necessità di questa nuova stabilizzazione doppia al posto di quella precedente che sembrava essere così performante.
Anche in questo caso sarebbe stato più utile che gli utenti ci avessero raccontato anche i profili critici, anziché limitarsi agli elogi :wave:
Avatar utente
astro61
Buon utente
Messaggi: 326
Iscritto il: 22/10/2011, 15:23
Località: Novara

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da astro61 »

piergiovanni ha scritto: 16/06/2024, 8:35 Ciao Giovanni, molte aziende non dichiarano perchè usano determinate sigle e quali vetri sono stati utilizzati, prova a chiedere a Swarovski, Zeiss e Leica :mrgreen: Ad esempio Kowa mi ha confermato la presenza di vetro BK7 nel prisma di Porro del loro nuovo spotting ma di certo non rilasciano ulteriori specifiche. Lo stesso accade sempre piu' sovente in astronomia, nota ad esempio Sky-Watcher e le ultime dichiarazioni inesistenti sui vetri usati.
Riguardo il "crollo delle vendite" direi che SIG SAUER non ha di problemi, forse non sei molto appassionato di tiro e di armi ma SIG SAUER è nota come la BARILLA qui in Italia, è uno dei maggiori produttori di armi negli USA e rifornisce Marina e Esercito. Ha una grande reputazione sia all'estero sia in Italia tra i tiratori. Se un astrofilo deve comprare uno stabilizzato magari acquista Kite o Bresser, un cacciatore o tiratore comprerà SIG SAUER solo per il marchio.
Gli stabilizzati venduti da SIG SAUER sono usati da molti cacciatori e tiratori e professionisti dell'esercito e della sicurezza e anche il distributore italiano Bignami fa fatica a riceverne qui in Italia perchè le partite sono sempre esaurite. Sto ancora aspettando il nuovo 20x42 perchè la prima partita è stata totalmente venduta e stanno aspettando che sia disponibile per l'esportazione. Dovrebbe scrivo "dovrebbe" arrivare a fine mese, poi si faranno come sempre tutte le prove del caso. Buona domenica.
L'amico Giovanni Bruno ha dimenticato semplicemente quello che si è detto un po' di tempo fa in altra discussione, ovvero che un conto sono gli astronomi amatori come noi che hanno specifiche esigenze quando si devono procurare un'ottica di qualsivoglia genere, dimenticando che al resto del mondo quello che a noi sembra importante, ovvero la pura prestazione ottica, non lo è affatto per essi come metro di misura per per la scelta di un strumento osservativo. :thumbup:
DUE OCCHI VEDONO MOLTO MEGLIO DI UNO
C9.25 e S.W. 150/1800 SkyMax su montatura IOPTRON HAZ46, torretta Baader Maxbright II e Zeiss vintage, coppia di Takahashi LE 30mm, coppia di Televue Panoptic 24mm, coppia di GSO Superview 15mm 70°, coppia di Tecnosky UFF 10mm, TS 40mm Paragon ED, Meade serie 4000 Japan 26 e 15mm, Sky Quality Meter-L, Kite APC 16x42, Pentax Papilio II 6.5x21
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 71
Iscritto il: 06/04/2024, 12:00

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Angelo Cutolo »

Avendo ben sette binocoli con P.U. da 3,2 mm a scendere, confermo che la DIP deve essere curata con la massima attenzione.

Però dato per assodato ciò, va anche detto che alcuni binocoli sono più suscettibili al "glare", io sono solito osservare in condizioni che facilitano la comparsa di tale fenomeno (alzo zero, fondo illuminato e Sole basso laterale) e ho notato che questo sembra avvenire più spesso con i prismi a tetto (poi magari si dovrebbe fare un distingo tra abbe-koenig e schmidt-pechan, ma io penso di aver avuto a che fare solo con i secondi), rispetto ai prismi di porro (e porro II).

Ad esempio la prestazione peggiore la da il mio nikon EX 16x50 (porro), che mi palesa delle lunule chiare (ma nulla a che fare con la metà del campo "lavato" come nelle foto ai post precedenti) sul lato opposto a dove si trova il Sole (fuori campo), la situazione osservativa tipica è al tramonto (altezza Sole compresa tra 10° e l'orizzonte), direzione ovest verso i corridoi di approccio alle piste di Malpensa, con il canoncino (porro II) nessun effetto in nessuna situazione così come (quasi) tutti gli altri porro.
L'unico altro porro che mi da problemi di glare (come col nikon, lunule laterali sul lato opposto al Sole) e il WO 22x70, ma solo con i paraluce completamente retratti, nessun problema quando sono estratti.

Ora è vero che questi pochi esempi non possono fare statistica, ma forse una mezza indicazione la danno, possibile che questo fenomeno possa essere "agevolato" da un non sufficiente incassamento degli obiettivi, insieme a una non sufficiente/efficiente bafflatura di fronte i prismi (a tetto)?
Poi immagino che il coating sulle ottiche (prismi compresi) possa accentuare/ridurre il fenomeno in base alla qualità dello stesso.
Binocoli: Orion 2x54 • Ibis Horus 5x25 • Pentax Papilio 6,5x21 • Shuntu 8x20 ED • Vortex Vanquish 8x25 • Vixen Ultima 8x56 • Canon 10x30 IS II • Nikon Action EX 16x50 • William Optics 22x70 apo • Docter Aspectem 40x80 ED
Telescopi: SYW AE-72 76/1400 • LOMO 80/480 • Celestron C8 xlt 203/2030 • Newton Optical 200/1650 • Dobson 406/1830
Avatar utente
astro61
Buon utente
Messaggi: 326
Iscritto il: 22/10/2011, 15:23
Località: Novara

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da astro61 »

Quello che segnali nell'ultima riga è normale ma fondamentale. Se il paraluce in condizioni estreme, con il sole quasi di fronte non ti può salvare, entra in gioco la qualità dei trattamenti dei rivestimenti delle lenti. ;)
DUE OCCHI VEDONO MOLTO MEGLIO DI UNO
C9.25 e S.W. 150/1800 SkyMax su montatura IOPTRON HAZ46, torretta Baader Maxbright II e Zeiss vintage, coppia di Takahashi LE 30mm, coppia di Televue Panoptic 24mm, coppia di GSO Superview 15mm 70°, coppia di Tecnosky UFF 10mm, TS 40mm Paragon ED, Meade serie 4000 Japan 26 e 15mm, Sky Quality Meter-L, Kite APC 16x42, Pentax Papilio II 6.5x21
rigel
Buon utente
Messaggi: 930
Iscritto il: 31/08/2012, 13:44

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da rigel »

piergiovanni ha scritto: 16/06/2024, 8:47
Anche per questo motivo, pur non sapendolo, che molti adorano i 7x42 o gli 8x56...sono formati, generosi, in tutti i sensi e quella ampia pupilla di uscita concede di espiare anche qualche peccato...
Ho quotato solo questa parte del messaggio (sennò diventava "guerra & pace), ma riferendomi alla "comodità e facilità" di visione, oltre alla pupilla di uscita bisognerebbe mettere in prima fila quello che ha l'importanza più grande in questo ambito...e cioè lo schema ottico dell'oculare. Ad esempio il Leica Ultravid 8x50 ha una pu superiore allo Swaro EL 8,5x42 prima serie (e anche una miglior tenuta ai riflessi), ma l'EL rimane in assoluto uno dei binocoli in cui è più facile e comodo guardare....ma questo lo dico non perchè IO lo trovo più facile (ho iniziato quasi 60 anni fa a osservare in Huygens e Kellner da 5mm :lol: :lol: :lol: ) ma da quanto ho visto facendo osservare a migliaia di persone negli anni (durante le serate di astronomia con le associazioni astrofili, nelle uscite birdwatching con i gruppi di EBN, et c etc).....nell'EL tutti vedevano bene subito senza problemi, nell'Ultravid sovente dovevi invece impostarli meglio perchè si ritrovavano con il classico blackout di osservazione (tra l'altro l'EL aveva pure un campo apparente un pochino più grande)......stessa cosa negli oculari per astronomia, se dovessi fare una classifica di "facilità e comodità" di veduta, il Leica 20x WW dell'Apo Televid adattato con un attacco da 2", sbaraglierebbe il campo alla grande, mettendosi dietro Pentax, Nagler, Ethos, Panoptic etc etc (tra l'altro, negli oculari da spotting scope adattati ai telescopi, anche quello della Swarovski 20X andava molto bene per qualità e facilità di visione, mentre lo Zeiss era un pochino più difficoltoso...ma era il 40x WW per il Diascope 85FL)
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9627
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

piergiovanni ha scritto: 14/06/2024, 19:00 Nell'esemplare testato non si vedeva una luce diffusa così eccessiva, lo avrei rimandato indietro e chiesto spiegazioni. Appena avrò tempo andrò a prendere il backup del materiale riguardante questo testo per postare qualche foto ripresa tramite la mirrorless.
Certamente se vedevate cosi, avete fatto benissimo a restituirlo.
Io parlo di BRESSER OIS 16X42 e confermo che la luce diffusa viene dal basso del campo visivo e che come ho già spiegato da quel che ho appurato, nelle poche critiche condizioni nelle quali la luce diffusa si presenta, resta sempre trasparente ed è assolutamente meno invadente rispetto a quanto mostrato in foto, tanto che di fatto io non l'ho mai percepita così dannosa per la visione, tanto da rendere qualcosa non più visibile.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9627
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

piero ha scritto: 15/06/2024, 9:53 certo che è ben strano: io ho il kite 16x42 che non credo sia poi così diverso ma non mi è mai capitata una roba del genere.
Mi è successo di incorrere in riflessi interni ma solo in condizioni molto particolari e cioè in inverno con sole incidente molto basso e molto laterale, praticamente allo stesso livello del binocolo, ove bastava sportarsi di pochi cm per annullarlo
Quoto, ma io ho un BRESSER OIS 16x42.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9627
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Samuele ha scritto: 15/06/2024, 15:39 Obiettivi più incassati?
Vetri diversi?
Certo è che se ci si limita ad elogiare la stabilizzazione, bisogna attendere qualcuno dalla Spagna perché se ne parli ... :(
Per parlare di qualcosa sensatamente, bisogna prima incapparci;
Il detto d'altronde credi che sia un caso se recita che non tutte le ciambelle riescono con il buco?
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9627
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

piergiovanni ha scritto: 16/06/2024, 8:47 Ciao Tiziano, come vedi nella lista citata non ci sono binocoli che forniscono una pupilla di uscita molto piccola che è un fattore che si deve essere in grado di gestire, comprendere e accettare, di fatto, piu' piccola è la pupilla di uscita maggiormente si farà fatica a mettere in asse gli occhi e potrebbero sorgere maggiori problemi di aloni, glare o luce diffusa soprattutto perchè eventuale luce diffusa dovrebbe essere "incanalata" in un cerchio di immagine dato da una pupilla piu' piccola.
Il diametro della pupilla di uscita insieme al rapporto focale di un binocolo sono un altro fattore da considerare quando si analizzano i "bagliori" di un binocolo. Dipende ovviamente anche dalla costruzione interna: annerimento, deflettori, eventuali riflessi della cella obbiettivo, gabbia prisma, che tipo di prisma, etc.etc. ma una pupilla di uscita molto grande, di solito è salvifica.

Diciamo che personalmente trovo piu' normale trovare un po' di glare in un 16x28, 18x50 di corta focale che in un 8x42 da 2500 euro.

A parità di ottica due ipotetici 10x50 e 20x50, quello con la pupilla di uscita piu' piccola avrà quasi sempre problemi di confort osservativo e di presenza di luce diffusa che spesso dipende da una errata posizione degli occhi ma soprattutto dai fattori sopraccitati oltre che da questioni inerenti la composizione dei prismi, i rivestimenti e il treno ottico. Spesso i costruttori riducono il problema con un deflettore che occlude la luce nel punto medio della faccia del prisma dove si generano maggiori riflessi. Quasi mai nulla è lasciato al caso.

Gli astrofili sono piu' bravi a gestire le pupille di uscita piccole ma non è possibile porre rimedio quando la luce diffusa è costretta a incanalarsi in una pupilla piu' piccola. Anche il Docter 40x80 si gestisce con meno facilità che un 20x80. Tra i migliori binocoli io inserirei anche il NOCTIVID, da miei comparative contro lo Zeiss SF e SWAROVSKI EL, il Noctivid è risultato ottimo nelle osservazioni in controluce.
Anche per questo motivo, pur non sapendolo, che molti adorano i 7x42 o gli 8x56...sono formati, generosi, in tutti i sensi e quella ampia pupilla di uscita concede di espiare anche qualche peccato...
:thumbup:
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9627
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Samuele ha scritto: 16/06/2024, 9:44 Fra l'altro continuo a chiedermi, senza aver trovato risposta, perché mai si sia sentita la necessità di questa nuova stabilizzazione doppia al posto di quella precedente che sembrava essere così performante.
Anche in questo caso sarebbe stato più utile che gli utenti ci avessero raccontato anche i profili critici, anziché limitarsi agli elogi :wave:
Perchè ritenuta una caratteristica utile in campo venatorio, altrimenti poi succede un po' quello di cui si parla qui:
viewtopic.php?p=130163#p130163
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
T1Z1AN0
Buon utente
Messaggi: 313
Iscritto il: 31/10/2022, 18:12

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da T1Z1AN0 »

Samuele ha scritto: 16/06/2024, 9:44 Fra l'altro continuo a chiedermi, senza aver trovato risposta, perché mai si sia sentita la necessità di questa nuova stabilizzazione doppia al posto di quella precedente che sembrava essere così performante.
Anche in questo caso sarebbe stato più utile che gli utenti ci avessero raccontato anche i profili critici, anziché limitarsi agli elogi :wave:
Ma la stabilizzazione performante c’è ancora, hanno solo aggiunto una funzione in più. Se il target mode ti sembra inutile basta non usarlo. Io lo trovo utile, anche se non indispensabile
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9627
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Però è bene chiarire che è tutto relativo, perchè infatti leggo di Luna inchiodata con un CANON 12x36, non come con il SIG SAUER ZULU 6 dove la stessa invece ondeggia/beccheggia comunque in scansione, ragion per cui il termine performante potrebbe fuorviare qualche lettore.
Per conto mio in confronto con i binocoli stabilizzati CANON IS la mia esperienza è esattamente il contrario, però essendo anche che c'è chi invece ha un'esperienza diversa, una ragione ci deve ben essere.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 3259
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Ho trovato l'intervento di ANGELO CUTOLO un intervento tecnico di valore, tutto teso ad ipotizzare la eventuale causa del GLARE su molti KAMAKURA.

A mio avviso ha fatto bene a far notare che il suo CANON 10x30 ha zero tendenza al GLARE, e che il 10x30 come tutti i CANON utilizza solo e soltanto due francescani prismi di PORRO II.

Mentre lo schema KAMAKURA prevede dei prismi SCHMIDT-PECHAN + i prismi finali ROMBOID PRISM, insomma, una vera corsa ad ostacoli del flusso luminoso, prima di arrivare agli occhi dell'osservatore ed è notorio che più vetro ci si mette in mezzo e più si paga un pedaggio.

Mi piacerebbe che tutti gli interventi fossero su concetti tecnici come ben fatto da ANGELO. :thumbup: :wave:
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9627
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Io propendo di più verso le considerazioni che ha fatto @Westley [link] e un poco anche al contorno, visto che non tutti i binocoli stabilizzati di questo tipo si comportano in egual misura (per esempio io utilizzo dei BRESSER OIS 16x42 e come ho già scritto, in casi particolari ho notato un po' di luce diffusa ma mai che potesse totalmente rovinarne l'utilizzo), anche se in verità @piergiovanni ha già spiegato alcune cose al riguardo [link].
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Rispondi