Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

notti nuvolose? Si collima il Meade ETX 90 24-10-2012

Rispondi
Avatar utente
piergiovanni
Buon utente
Messaggi: 8797
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

notti nuvolose? Si collima il Meade ETX 90 24-10-2012

Messaggio da piergiovanni » 08/05/2012, 17:38

Ieri sera, verso le 22, stanco di passare nuovamente le ferie natalizie sul divano e dato che le condizioni meteo sono davvero pessime, ho deciso di collimare il piccolo ETX 90 (OTA). Mi ero accorto, un mese fa, durante uno star-test che il piccolo Mak era lievemente scollimato. Per tale motivo, dopo aver contattato Marco Bensi, esperto dei telescopi ETX, ho acquistato una serie di chiavi torx e ho deciso di aprire la culatta del telescopio.

La prima cosa da fare è quella di togliere la manopola di messa a fuoco. Si passa poi a svitare le tre viti. In seguito si sfilerà il tubo ottico dalla culatta. Come visibile nella foto vi sono 6 viti, io ho operato soltanto su quelle che regolano lo spostamento dello specchio primario, ossia quelle "più sollevate" Pare che nell'Etx 125 vi sia una differenza fra le viti: quelle da non toccare sono più grandi e dal taglio piatto mentre quelle per la regolazione sono più piccole. Come stella artificiale ho utilizzato il led che uso d'inverno nelle ciaspolate notture. Ho coperto il faretto con un tappo astronomico al quale ho fatto un piccolo forellino con un ago sottilissimo. E' la stessa procedura che mi consente di collimare alla perfezione il C9.25..


Posiziando il led a qualche decina di metri di distanza, ho osservato il disco di diffrazione.
Dopo un rapida regolazione delle viti si è costretti, ogni volta, a re-inserire la culatta in plastica ed a controllare l'esito della collimazione con l'oculare. In caso contrario sarebbe utile costruire un raccordo filettato per fissare un oculare oppure fare uso di una webcam collegata al monitor del PC. Per chi è pratico di collimazione degli Schmidt Cassegrain, la procedura è identica. La collimazione mi ha "rubato "circa 20 minuti fra regolazioni e controllo. Ricordatevi di posizionare perfettamente la culatta facendo combaciare la sede delle viti. Non avvitate una vite alla volta, ma avvitatele tutte piano piano sino a fissarle. Una nota: il mio telescopio risale al 1999, sono presenti le scritte della collimazione dei tecnici Meade. Ho notato molta polvere, sporco e graffi sullo specchietto, ciò dipende dalla presenza di una apertura sulla culatta posteriore che, oltretutto, penso faceva entrare un po' di luce indesiderata.


Dopo aver pulito lo specchietto e stretto la vite che fissa il sistema di basculamento ho deciso di chiudere l'apertura con del nastro adesivo e con della gomma piuma. Ho anche annerito con un pennello indelebile nero opaco, delle zone chiare... Penso che ordinerò ad Adriano Lolli il paraluce dedicato per completare l'opera...Per ora attendo curioso di testarlo sulla luna. Dato che è perfettamente collimato.

Cari saluti
Allegati
etx1251.jpg
etx2.jpg
etx3.jpg
Piergiovanni Salimbeni
Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it

Autore delle riviste: Itinerari e Luoghi, Nuovo Orione

www.astronomianews.it
www.itinerarieluoghi.it


Osservo con: Zeiss Victory SF 8x42, Zeiss Harpya 95, Fuji TS 12x28, Fujinon 16x70, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128, Celestron 8.

Rispondi

Torna a “Il backup del vecchio blog di binomania”