Recensione del binocolo Zeiss Victory SF 8×32

Share Button

Finalmente è arrivato!Fu presentato poco prima dell’isolamento da Covid e per settimane potei soltanto presagirne le prestazioni.

Già utilizzatore dello Zeiss Victory SF 8×42, ero molto curioso di saggiare le prestazioni “del piccoletto”, non fosse altro per il suo campo di vista quasi prossimo ai nove gradi. Qualche giorno fa, Bignami.it, distributore italiano dei prodotti Zeiss, mi ha inviato uno dei primi esemplari giunti sul suolo nostrano e ora, dopo averlo provato, sono qui a descriverne le mie impressioni.

Un bel primo piano sullo Zeiss Victory SF 8x32

Un bel primo piano sullo Zeiss Victory SF 8×32

Dati Tecnici visibili sul sito del distributore

Ingrandimento

8 ×

Diametro effettivo della lente

32 mm

Diametro della pupilla di uscita

4.0 mm

Fattore crepuscolare

16.0

Campo visivo a 1.000 m

155 m (465 ft)

Angolo di visione soggettivo

67° Ww

Distanza di focalizzazione ravvicinata

1.95 m (6.4 ft)

Campo di regolazione diottrica

− 4.0 | + 4.0 dpt

Distanza pupilla di uscita

19 mm

Distanza pupillare

54 – 76 mm

Tipo lente

Ultra-FL

Sistema di prismi

Schmidt-Pechan

 

LotuTec | Riempimento di azoto

+ | +

Impermeabilità

400 mbar

Physical

Temperatura d’esercizio

− 30°C | + 63°C (− 22°F | + 145°F)

Lunghezza

152 mm (5.9″)

Ampiezza con una distanza interpupillare di 65 mm

112 mm (4.4″)

Peso

600 g (21.2 oz)

 

Troverete come sempre, all’interno di quest’articolo e sul mio canale Youtube una breve video recensione. Vi prego di iscrivervi al canale e di condividerlo, per farlo crescere, tra amici e appassionati.

Ora, bando alle ciance, entriamo nel vivo della recensione, ma prima se volete, riguardatevi anche l’unboxing.

Meccanica e sistema di messa a fuoco

E’ uno Zeiss Victory SF 8x 42 in miniatura, forse piu’ squadrato ma senza dubbio fascinoso. La finestra centrale è abbastanza ampia da contenere tre dita, mentre l’indice cade alla perfezione sul rotore dotato del sistema smartfocus che si è rilevato ancor più fluido e preciso del formato da 42 mm. Presumo che il minor peso dei componenti da spostare  consentano alla manopola (identica a quella del Victory SF 8×42) di lavorare con maggiore facilità. Seppure la messa a fuoco minima sia dichiarata in due metro e mezzo, ho messo a fuoco a esattamente un metro e ottantacinque centimetri. Da questa distanza per raggiungere l’infinito occorre ruotare la manopola in senso orario di circa 380°.

La manopola di messa a fuoco si è rivelata fluida e precisa

La manopola di messa a fuoco si è rivelata fluida e precisa

GUARDA LA VIDEORECENSIONE!

Il binocolo è leggero, pesa 605 grammi che diventano 690, con tappi e cinghia.  Con i paraluce estratti, è lungo solo quindici centimetri e alla mia distanza inter – pupillare è largo dieci.

Non è il binocolo da 32 mm più compatto che abbia provato ma è senza dubbio leggero e ben bilanciato. Infatti, anche nel Victory SF 8×32, il peso è sbilanciato verso gli oculari (Ergobalance) e questo consente un minor affaticamento quando si regge, sollevando le braccia. Come anticipato, il confort è elevato anche grazie alla perfetta posizione della manopola di messa a fuoco.  Mi sono parsi confortevoli anche i paraluce degli oculari che beneficiano di una struttura interna più robusta, un aggiornamento, apportato tempo fa sulla seconda serie dello Zeiss Victory SF42.
I paraluce sono dotati di quattro stop prefissati (totalmente estratto, altri due click e completamente estratto) che dovrebbero consentire un buon confort nella maggior parte delle condizioni d’illuminazione.

L’estrazione pupillare  mi pare sufficiente anche per i portatori di occhiali. Ho misurato una estrazione pupillare di circa 18 mm, ma sarebbe preferibile provarlo prima dell’acquisto. Come sempre.
Il binocolo è ovviamente impermeabilizzato, riempito in azoto e con una temperatura di esercizio compresa tra − 30°C | + 63°C.

I piccoli (ma molto performanti) obiettivi da 32 mm di diametro

I piccoli (ma molto performanti) obiettivi da 32 mm di diametro

Ottica

Obiettivi
Lo Zeiss Victory SF 8×32 è un binocolo con un’alta qualità ottica. Le immagini sono nitide e contrastate, i colori saturi. Sussiste sempre una lieve tendenza alla tonalità calda, è stato abbandonato il “freddo glaciale” degli Zeiss FL, ma mi piace veramente tanto nell’utilizzo diurno.

Oculari
Gli oculari forniscono un grande campo: 155 m a 1000 m sono ben 8.9° gradi di campo. Sono comodi da utilizzare e il loro diametro consente anche alle persone con una distanza inter-pupillare molto piccola di usarli senza problemi.

Un primo piano sugli oculari grandangolari dello Zeiss Victory SF 8x32

Un primo piano sugli oculari grandangolari dello Zeiss Victory SF 8×32

Prismi
Lo Zeiss SF 8×32 è dotato di prismi di Pechan, la pupilla di uscita dell’esemplare che ho testato è perfettamente circolare e priva di luce diffusa ai bordi.

Trattamenti
Anche questo modello beneficia del trattamento multi-strato Zeiss Lotutech che è idrofobico, facilità la pulizia degli obiettivi ed evita che le gocce di acqua si agglomerino.

Lo Zeiss Victory SF 8x32 è compatto, robusto e leggero

Lo Zeiss Victory SF 8×32 è compatto, robusto e leggero

Aberrazioni cromatiche

 Cromatica in asse: direi inesistente a meno di doverla andare a cercare con il classico lanternino.

Cromatismo laterale: questo binocolo è molto ben corretto; laddove lo Zeiss Victory SF 8×42, mostra una lieve cromatica laterale verso l’80% del campo (lieve alone bluetto intorno alle foglie) nello Zeiss Victory SF 8×32 la resa è perfetta. Penso sia uno dei binocoli piu’ corretti che abbia avuto la fortuna di provare

 Curvatura di campo: nell’uso diurno lo potrei definire un binocolo a campo piatto. Il degrado è minimo e ininfluente ed è possibile correggere la minima “ sfocatura” al bordo (verso il 95% del campo) con pochi millimetri di corsa del rotore. Considerando il campo di vista fornito, direi che è una prestazione eccellente.

Distorsione angolare: è leggermente inferiore a quella visibile nello Zeiss SF 8×42. Sono rimasto sorpreso, mi aspettavo un risultato differente.
 

La coma e l’astigmatismo: ho notato solo un po’ di astigmatismo agli estremi bordi del campo nell’osservazione astronomica, direi verso l’85% del campo di vista.

 

Prova sul campo

Come potrete vedere nella videorecensione , mi sono divertito moltissimo , osservando con lo Zeiss Victory SF. Il campo è entusiasmante è un vero piacere osservare con quasi nove gradi di campo, senza grandi compromessi. Ho usato, nella mia carriera di binofilo vari prodotti con campi superiori agli otto gradi, ma raramente erano così corretti per ciò che concerne le aberrazioni geometriche.

Grazie ai 600 g di peso si è trovato a molto agio come binocolo "da escursione"

Grazie ai 600 g di peso si è trovato a molto agio come binocolo “da escursione”

La meccanica è molto buona, è compatto, bilanciato e maneggevole e il campo di vista è veramente ben corretto e consente, anche grazie alla minima curvatura di campo, di inquadrare o scovare “soggetti” che con binocoli dal campo stretto non sarebbe possibile vedere.

Le ottiche sono di alta qualità e onestamente nell’uso diurno, non ho notato moltissima differenza rispetto al mio esemplare di Zeiss Victory SF 8×42 che ho sempre portato con me per un paragone. Se non si avessero grandi esigenze di osservare al crepuscolo o nel fitto del bosco, ritengo che lo Zeiss SF 8×32 potrebbe essere una scelta perfetta.

Uno scatto effettuato sul Monte Poncione durante un test sul campo

Uno scatto effettuato sul Monte Poncione durante un test sul campo

Pregi e difetti

Pregi

  1. Qualità ottica e meccanica in generale
  2. Ampio campo di vista
  3. Messa a fuoco rapida
  4. Ottimo contenimento dell’aberrazione cromatica e della cromatica laterale
  5. Ottimo contenimento del cromatismo laterale
  6. Perfetto bilanciamento

Difetti

  1. Prezzo
  2. Estrazione pupillare da controllare in base agli occhiali da vista utilizzati

 

In sintesi

Lo Zeiss Victory SF 8×32 si è rilevato uno tra i migliori, se non il migliore 8×32 che io abbia provato. Si vanta di un pregevole contenimento dell’aberrazione cromatica, di un grande campo di vista, quasi totalmente corretto e di una messa a fuoco precisa e rapida. E’ bilanciato, maneggevole ma nel frattempo robusto. Gli amanti del marchio potrebbero anche pensare di fare un sacrificio economico per avere uno strumento in grado di dare molte soddisfazioni per gli anni a venire. Come si sa, infatti, un binocolo è come un diamante è per sempre.

Sono entusiasta delle prestazioni del nuovo Zeiss Victory SF 8x32

Sono entusiasta delle prestazioni del nuovo Zeiss Victory SF 8×32

Ringraziamenti

Ringrazio come sempre Achille Berti e Andy de Santis di Bignami.it per aver fornito l’esemplare oggetto di questo test e per avermi lasciato, come sempre, libero di citare le mie impressioni.

L’attuale prezzo di questo binocolo “agosto 2020” è di 2459 EURO.

 

 

 

Piergiovanni Salimbeni Piergiovanni Salimbeni (652 Posts)

Piergiovanni Salimbeni: Lavora in qualità di Opinion leader nel settore ottico sportivo da oltre quindici anni. E' l'autore e fondatore di Binomania. Collabora ed ha collaborato, inoltre, con varie riviste italiane: Itinerari e Luoghi, Cacciare a palla, Armi e Tiro, La Rivista della Natura, Nuovo Orione, Le Stelle, Coelum. Appassionato di fotografia di paesaggio, potete vedere le sue fotografie visitando: www.piergiovannisalimbeni.com


Ti è piaciuto questo articolo? Mi aiuti a sostenere le spese per la gestione del sito e del forum?
Piergiovanni Salimbeni

Piergiovanni Salimbeni: Lavora in qualità di Opinion leader nel settore ottico sportivo da oltre quindici anni. E' l'autore e fondatore di Binomania. Collabora ed ha collaborato, inoltre, con varie riviste italiane: Itinerari e Luoghi, Cacciare a palla, Armi e Tiro, La Rivista della Natura, Nuovo Orione, Le Stelle, Coelum. Appassionato di fotografia di paesaggio, potete vedere le sue fotografie visitando: www.piergiovannisalimbeni.com

You may also like...