Un grande classico

Suggerimenti per l'astrofilo dilettante e evoluto
Rispondi
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Un grande classico

Messaggio da Acronauta »

L'avevo perso durante un trasloco tre anni fa, oggi mi è arrivato da una libreria californiana. E' un libro meraviglioso, poi se uno ha passione per il fai da te è una miniera inesauribile di progetti e di idee (ne metto qui sotto una piccolissima selezione). Alcune parti ricordo che erano state tradotte anche in italiano (Come usare il telescopio, Fotografare con il telescopio, ecc.) mi pare da Walter Ferreri e pubblicate da Cosmo Media, ma il grosso del libro l'ho sempre avuto solo in inglese. Dall'uso pratico del telescopio - siamo nell'era pre-GoTo quando si usavano (ma io li uso ancora :lol: ) i cerchi graduati - alla costruzione dei più diversi schemi ottici (rifrattori di tutti i tipi, riflettori, catadiottrici, montature altazimutali ed equatoriali, strumenti ultraeconomici come il rifrattore fatto con le bombolette spray...) le formule per la fotografia, la costruzione degli oculari (rileggendolo mi è venuta voglia di farmi da me i miei Ramsden invece di cercarli in giro per il mondo col lanternino), il tracciamento di raggi, il dimensionamento dei diaframmi, la lavorazione delle ottiche, il test di Focalult, la costruzione del banco ottico per testare gli obiettivi in autocollimazione, lo star testing, le formule per le Barlow ecc. ecc. ecc.

Per chi volesse ordinarlo ecco il link

http://www.amazon.com/Telescopes-Popula ... 0933346204

e leggete le recensioni...
Allegati
AllAboutTelescopesFrontCover.jpg
AllAboutTelescopesFrontCover.jpg (32.37 KiB) Visto 4764 volte
brown2a.jpg
brown3a.jpg
brown4a.jpg
brown5a.jpg
brown6a.jpg
Avatar utente
tuvok
Buon utente
Messaggi: 961
Iscritto il: 29/12/2012, 13:35
Località: battipaglia (SA) - teana (PZ)

Re: Un grande classico

Messaggio da tuvok »

il bazooka è fantastico! :D
viva la resolution
qa'plà!
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9435
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Un grande classico

Messaggio da -SPECOLA-> »

I libretti da una trentina di pagine Cosmo Media International me li ricordo bene; non sapevo però che fossero stati tradotti da Walter Ferreri.
Non so perché ma avrei detto Cesare Bay.
Nell'usato si trovano ancora oggi, nei mercatini, su eBay e nei mercatini on line.

Immagine Immagine
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Un grande classico

Messaggio da Acronauta »

Ho controllato sulle mie copie, la traduzione è proprio di Ferreri. Peccato che tra tutti e due fossero solo una minima parte del book in inglese, che è molto più ricco.
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9435
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Un grande classico

Messaggio da -SPECOLA-> »

Grazie per la verifica; è vero, il libro originale completo è molto più vasto, bisogna considerare però che nel 1982 quelle traduzioni fossero molto sentite, dato che l'INGLESE allora non era proprio in voga fra tutti, qui nel Ns. Paese.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 4205
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Un grande classico

Messaggio da piero »

ho ancora "come usare il telescopio".....mamma mia....i cerchi di ascensione retta e declinazione....era più il tempo che si passava a puntare che a osservare
ma la vera chicca è qui sotto: il mio primo libro di astronomia con all'interno un appunto di per sé privo di senso, ma avevo 11 aa ed era il primo tentativo embrionale di cercare di fare qualcosa con metodo, qualcosa di "serio" anche se non comprendevo bene cosa e come...l'avrò letto decine di volte sognando un rifrattore da 10 cm.....
L1020037.JPG
L1020038.JPG
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: R: Un grande classico

Messaggio da Acronauta »

piero ha scritto:ho ancora "come usare il telescopio".....mamma mia....i cerchi di ascensione retta e declinazione....era più il tempo che si passava a puntare che a osservare
effettivamente se non hai il telescopio in postazione fissa i cerchi graduati possono diventare una tortura. Se invece fai per benino lo stazionamento al polo, tari una volta per tutte il cerchio di declinazione e non sposti la montatura, allora i cerchi fanno benissimo il loro dovere, in un baleno trovi tutti gli oggetti che vuoi.

Chi è l'autore di quel libro?
Avatar utente
GiulianoT
Buon utente
Messaggi: 464
Iscritto il: 25/06/2013, 1:01

Re: Un grande classico

Messaggio da GiulianoT »

Grazie per l'utile segnalazione, non lo conoscevo.
Osservo il cielo con: Carl Zeiss Jena Reisenfernrohr E 60/850, Carl Zeiss Jena "Kometensucher" C138/1140, C 110/750, C 80/500 e C 50/540, Zeiss AS80/1200, Zeiss AS135/1750, Losmandy G11, ed una quantità di oculari - soprattutto "vintage" Meade, Vixen, Zeiss, Clavé. Osservo la terra con: Carl Zeiss Jena Jenoptem 10x50 e 8x30 e Asiola 63/420.

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante non ne sogni la tua filosofia.
William Shakespeare, da “Amleto” [atto I, scena IV]
Angelo Cutolo

Re: Un grande classico

Messaggio da Angelo Cutolo »

Io sull'Obice li uso ancora i cerchi, sono abbastanza grandi da permettere una discreta precisione.

Ps.: Anche io ho "Come ossrvare il Cielo", mitico. :D
Avatar utente
Dob
Buon utente
Messaggi: 468
Iscritto il: 21/05/2012, 16:12

Re: Un grande classico

Messaggio da Dob »

Alcune parti ricordo che erano state tradotte anche in italiano (Come usare il telescopio, Fotografare con il telescopio, ecc.) mi pare da Walter Ferreri e pubblicate da Cosmo Media,
Ce li ho tutti e 3 , dal lontano 1982.., le copertine le ha postate Specola, il terzo era "Come montare il telescopio" . Beh, che dire, mitici !
Faber
Buon utente
Messaggi: 968
Iscritto il: 16/06/2012, 17:34

Re: Un grande classico

Messaggio da Faber »

Che ricordi!

Anch'io possiedo il librettino "Come usare il telescopio" di Sam Brown.
La copertina era marroncina e leggendo ho sognato non poco.
Guardando le figure si respirava l'aria piena di entusiasmo degli USA degli anni '50-'60.
Devo vedere dove l'ho messo.
ciao

Fabio
Fabio Bergamin

Osservo con binocolo:
Kowa XD 8.5x44, Shogetsu Kansei 6.5x32
Osservo con telescopio:
Takahashi FC 100 DL., JSO, Telescopi ATM e oculari (Pesanti e leggeri...)
Osservo con microscopio
Leitz SM-LUX; Wild M3
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 4205
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: R: Un grande classico

Messaggio da piero »

Raf584 ha scritto:Chi è l'autore di quel libro?
Era la traduzione italiana di "the sky observer's guide" di R. Newton Mayall, M. Mayall e J. Wyckoff con una prima edizione nel 1966 e una seconda nel 1969 che è quella che io, edita nella collana piccole guide Mondadori; ce n'era anche una analoga sulla luna (che non ho più) e una sulle stelle.
Una chicca per Raf: c'è anche un paragrafo come disegnare gli astri.
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9435
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: R: Un grande classico

Messaggio da -SPECOLA-> »

piero ha scritto:ce n'era anche una analoga sulla luna (che non ho più) e una sulle stelle.
http://www.arar.it/vintage%20astro/mori ... onomia.htm

By Paolo Morini.

Immagine
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Francesco
Buon utente
Messaggi: 387
Iscritto il: 01/04/2013, 13:00
Località: Catania

Re: Un grande classico

Messaggio da Francesco »

Trascinato da questo felice astro-biblio amarcord mi è irresistibile l'impulso di citare il mio primo testo di formazione astronomica:
"Astronomia Pratica" di Wolfang Schroeder acquistato a 13 anni per 500 lire, un manuale (entry-level diremo oggi) edito da Longanesi, a mio avviso scritto veramente bene e con grande capacità divulgativa.

Solo a rivederne la copertina e ancor meglio a sfogliarlo un po', mi ritorna immediatamente alla memoria, quasi per riviverlo, un magico vortice di sensazioni forti e profondamente appaganti: come d'incanto mi ritrovo proiettato e immerso in quei silenzi, odori e suoni della notte, diversi per stagione, che quasi inconsapevolmente costituivano la sottile colonna sonora della mia progressiva scoperta dei sentieri stellati mentre via via andavo divorando con puro piacere e curiosità crescente cartine e pagine del libro.

E da quegli ingenui e misteriosi moti dell'anima che vibra stupita al cospetto dell'immenso appena percepito e dell'ignoto appena sfiorato, come ben sapete, cari tutti, non si guarisce più... :violin:

Per questo reputo questo libro uno dei ricordi più belli in assoluto della mia vita e qualcosa da custodire gelosamente e con cura.

...ora che ci penso però è un po' che non lo vedo in giro per casa :think: ...oddio non vorrei che mia moglie :doh: ...
L’ultimo passo della ragione umana è riconoscere che vi è un Mistero con un’infinità di cose che la superano (Pascal)
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: R: Un grande classico

Messaggio da Acronauta »

Io usavo i grafici e le tabelle dei pianeti riportate nel libro per calcolarmi da solo le effemeridi, un esercizio che mi ha insegnato tante cose. Poi riportavo le posizioni sull'atlante del Becvar, altro grande classico.

Inviato dal mio GT-I9000 con Tapatalk 2
Francesco
Buon utente
Messaggi: 387
Iscritto il: 01/04/2013, 13:00
Località: Catania

Re: Un grande classico

Messaggio da Francesco »

Si, anch'io e con quale goduria!
Poi seguendo le relative istruzioni realizzai un astrolabio che mi permetteva fra l'altro di alzarmi la notte a colpo sicuro per andare a beccare quello spicchio di cielo che mi interessava (avevo purtroppo un accesso molto limitato alla volta celeste a causa dell'altissima densità abitativa del quartiere): sgarravo di qualche minuto appena!
Su consiglio della prof. di Geografia generale portai poi questo "lavoretto" all'esame di maturità in quanto davo questa materia, ma con grande disappunto mio e della prof. che era commissario interno, l'esaminatrice esterna molto anziana indirizzò immediatamente e furbescamente l'esame su altri argomenti. Come ebbi modo di intuire e come mi confermò la mia prof. l'esaminatrice volle evitare argomenti di studio che pur in programma non erano da lei evidentemente padroneggiati a sufficienza.
Comunque sia (si lo so è banalissimo) beata gioventù...ma tanto da queste parti noi che abbiamo passato abbondantemente gli "anta" non siamo altro che diversamente giovani... :mrgreen:
:wave:
L’ultimo passo della ragione umana è riconoscere che vi è un Mistero con un’infinità di cose che la superano (Pascal)
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: R: Un grande classico

Messaggio da Acronauta »

Francesco ha scritto:non siamo altro che diversamente giovani... :mrgreen:
:wave:
bella questa definizione! :grin:


Inviato dal mio GT-I9000 con Tapatalk 2
Angelo Cutolo

Re: Un grande classico

Messaggio da Angelo Cutolo »

Parlando di classici (a parte le pubblicazioni dell'UAI che leggevo da mio zio fino a fine anni '80), da '91/92 presi in edicola i fascicoli di "Astronomia" della Fabbri, li presi principalmente per la sezione "Astrocomputer" dove c'erano diversi programmini in basic e visto che a quei tempi lavorando in un ufficio tecnico, potevo disporre di uno dei primi PC con DOS ne aprofittai, a fine opera tutti questi programmini si potevano unire a farne uno che calcolasse le effemeridi.
Astrocomputer.jpg
Naturalmente anche le altre sezioni erano molto interessanti, anche se alcune (ovviamente) molto meno complete e specifiche di quelle dell'UAI, comunque gli articoli erano scritti da signor divulgatori (almeno così li considero io).
Credits.jpg
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Un grande classico

Messaggio da Acronauta »

Li avevo anch'io, erano fatti bene. Li ho persi di vista già da un po' di anni, mi sa che si sono involati anche questi durante un trasloco... :think:
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9435
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: R: Un grande classico

Messaggio da -SPECOLA-> »

Raf584 ha scritto:Io usavo i grafici e le tabelle dei pianeti riportate nel libro per calcolarmi da solo le effemeridi, un esercizio che mi ha insegnato tante cose.
Io invece munito di calcolatrice HP RPN, facevo i calcoli utilizzando il libro Astronomia con il calcolatore tascabile di Aubrey Jones.

Immagine

Più tardi invece, grazie al libro Astronomia con il computer di Jean Meeus , usai il computer...

Immagine
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9435
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Un grande classico

Messaggio da -SPECOLA-> »

Mitica anche l'enciclopedia CURCIO, Astronomia alla scoperta del CIELO.
Immagine
Per quanto riguarda i listati per computer, ci furono anche gli inserti della rivista l'Astronomia "l'Astrobit" ; qualcosa portai persino sul C=64, anche se a precisione non raggiungeva i PC.
Per il Commodore 64 c'era l'incredibile planetario sw SKY TRAVEL, con persino il passaggio 1985-1986 della cometa i Halley!
Immagine Immagine

Immagine Immagine

Immagine Immagine

Sulla rivista di informatica BIT c'era il listato de IL PLANETIERE per C=64, ZX SPECTRUM, APPLE II, ATARI 800 e PC, anch'esso con Halley compresa; inutile dire che me lo sono battuto a manina in tutte le sue versioni. :D
Immagine
http://ready64.it/download/scansioni/sc ... bit_85.zip
http://www.1000bit.it/support/articoli/ ... etiere.pdf

Per i PC invece l'Astronomia proponeva il sofisticatissimo e preciso PLANETARIO, dell'astronomo Piero Massimino*
Immagine
PRIMA per MS-DOS e successivamente per WINDOWS.
* http://ntserver.ct.astro.it/cgiplan/
* http://www.oact.inaf.it/astroutilities/index.php
Ai tempi un vero portento!!

Ritornando ai libri, non posso tralasciare l'ottimo L'ASTRONOMIA PRATICA di A. Ronan Colin; il dagrammatore planetario era per me un must.
Immagine
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
GIANNI54
Messaggi: 14
Iscritto il: 06/09/2023, 20:51

Re: Un grande classico

Messaggio da GIANNI54 »

Che nostalgia . Noi astrofili vintage cresciuti sui libri di Andrenelli Schroeder e Texereau, divoravamo le Piccole Guide Mondadori ,le conoscevamo quasi a memoria. Chi non ricorda l'enorme telescopio costruito dal dilettante americano che osservava da sopra una scala ?
Cfr Come si osserva il cielo pag . 9.
(Vorrei postare la foto ma non so come ridurre il formato.)
Bei tempi.!!
GIANNI54
Messaggi: 14
Iscritto il: 06/09/2023, 20:51

Re: Un grande classico

Messaggio da GIANNI54 »

Ho elaborato la foto .
Allegati
Ecco la foto scusate la qualità ma è proprio di altri tempi
Ecco la foto scusate la qualità ma è proprio di altri tempi
GIANNI54
Messaggi: 14
Iscritto il: 06/09/2023, 20:51

Re: Un grande classico

Messaggio da GIANNI54 »

Ecco le copertine. Come si osserva il cielo anche nella versione "rilegata"
Allegati
20231228_154710.jpg
GIANNI54
Messaggi: 14
Iscritto il: 06/09/2023, 20:51

Re: Un grande classico

Messaggio da GIANNI54 »

Autori di
come si osserva il cielo
Mayall Mayall Wyckoff,

Le stelle
Zim Baker,

La Luna
Testo successivo in occasione dell'allunaggio scritto da Guido Ruggieri .!!!!

alcuni decenni dopo ,anno 2007, per le edizioni Apogeo venne stampato
Astronomi per passione traduzione di Astronomy hacks dei coniugi Thompson, libro purtroppo oggi introvabile,
Un vero peccato!
bellissimo forse un po' troppo di parte (leggasi dobson!) Ma una miniera di informazioni. Li lessi della passione per la Maratona Messier ,l 'utilizzo delle lenti di barlow anche accoppiate tra loro,le diverse tecniche di utilizzo delle stesse , moltissime informazioni soprattutto pratiche .
Ricordo che per noi "vintage" le barlow erano negli anni 60 sconsigliatissime, è vero oggi sono anche apocromatiche e sicuramente migliori ma ...
Infine vorrei citare sempre a firma dei coniugi Thompson
Un testo che non credo sia stato tradotto ma che reputo interessante ed utile
Illustrated guide to
astronomical wonders.
GIANNI54
Messaggi: 14
Iscritto il: 06/09/2023, 20:51

Re: Un grande classico

Messaggio da GIANNI54 »

Rispolvero un post di dieci anni fa
Riguarda Sam Brown e i suoi manuali pubblicati da Edmund Scientific.
Li ho quasi tutti in inglese, non sono riuscito a trovare la traduzione curata da Walter Ferreri.
Sapete come posso trovarli?
Qualche anima buona li ha scansionati?
Esiste la possibilità di acquistare delle copie ?
Grazie mille per l aiuto.
Gonariu
Buon utente
Messaggi: 110
Iscritto il: 28/06/2021, 23:09

Re: Un grande classico

Messaggio da Gonariu »

Coll'inglese ci ho dovuto aver a che fare per preparare un paio di esami all'università studiando su libri in inglese; pur avendo fatto francese a scuola devo dire che non è così difficile, basta sapere due cosettine di grammatica (ma proprio due!), un vocabolario d'inglese affianco e si può tranquillamente leggere, semmai uno procede più lentamente nella lettura (poi la pronuncia è un caso a parte, colla loro sgangherata ortografia alla fine neanche gli anglofoni ci capiscono molto: affari loro). Otto anni fa circa ho comprato un filtro solare in vetro scontato del 50%, le istruzioni erano solo nella lingua di Shakespeare e me le sono lette come quando ero studente universitario.
GIANNI54
Messaggi: 14
Iscritto il: 06/09/2023, 20:51

Re: Un grande classico

Messaggio da GIANNI54 »

Certo funziona così, bene o male con l 'inglese ci si arrangia, quando poi scopri che esiste una versione italiana,anche per curiosità visto che la fece Walter Ferreri, sei interessato alla stessa. Magari ti farebbe piacere rileggere ciò che hai bene o male capito confronrandoti con chi è più esperto.
Concordo con te che comunque bisogna adeguarsi. Grazie per il tuo intervento.
Antonello66
Buon utente
Messaggi: 492
Iscritto il: 16/05/2021, 14:43

Re: Un grande classico

Messaggio da Antonello66 »

Ora abbiamo anche Google Lens.
Rispondi

Torna a “Libri, video, riviste e siti internet per l'astronomo dilettante”