Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Lungo vs corto & vintage vs moderno

Telescopi, accessori, montature per l'astronomia
Rispondi
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1989
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Lungo vs corto & vintage vs moderno

Messaggio da Angelo Cutolo » 11/11/2020, 13:59

Approfittando del mio turno di riposo lavorativo e di una serata (quella del 18 settembre scorso) con seeing Antoniadi I stabile, decido di fare una comparativa generale (a due a due) con gli strumenti a mia disposizione nella postazione osservativa di Milano, target Marte.

I contendenti sono:
  • il lungo vintage, Milo model AE-72 76/1400 mm (SYW – Yamamoto), doppietto fraunhofer della seconda metà degli anni ’70 (ottiche Horiguchi) – limite di Dawes teorico 1,64”;
  • il corto moderno, A&M Advanced Telescopes 80/480 di quella che ora si chiama Officina Stellare, tripletto superapocromatico del 2005 (ottiche Lomo) – limite di Dawes teorico 1,33”;
  • il lungo vintage, Optical Newton 200/1650 mm, primario sferico e secondario da 30 mm (ostruzione 15%), databile tra la seconda metà degli anni ’50 e primi anni ’60 – limite di Dawes teorico 0,59";
  • il corto moderno Celestron C8 xlt, primario da 203 mm f/1,95 sferico, secondario sferico e lastra di Schmidt per un rapporto focale effettivo di f/10 (203/2030 mm), ottiche Synta – limite di Dawes teorico 0,58".

Visto che si tratta di un confronto tra strumenti, non userò filtri colorati che possono alterare il loro contrasto "originale".


Apparecchio tutto dopo il tramonto, metto l’apo e il C8 su una Giro3 con doppia morsa e i due vintage in parallelo (la montatura del vecchio newton non ha problemi di portata) e me ne esco con gli amici.

Quartetto 1.jpg
Quartetto 2.jpg
Quartetto 3.jpg
Quartetto 4.jpg

Torno intorno a mezzanotte (gli strumenti dovrebbero essere ben acclimatati) e parto con la verifica della collimazione (usando Mirfak che è bella alta), del newton vintage è collimabile solo il secondario, praticamente come il C8; il primo lo collimo (in non più di 15 secondi) “solo” a 275x poiché al focheggiatore da 23,2 mm (vecchio diametro da microscopia) sono riuscito ad adattargli solo il baader GO 6 mm, mentre il secondo a circa 580x (nagler zoom settato a 3,5 mm) con centriche ben definite e quasi ferme (se il seeing regge, su Marte si gode).
Controllo i due rifrattori velocemente (non avendoli presi a martellate ultimamente, sapevo già essere collimati), il lungo a 233x (baader GO 6 mm) e il corto a 240x (nagler zoom settato a 2 mm), tutto ok, si parte.

Giusto per sfizio, visto che sono in zona, punto n’attimino sigma Cas, una doppia fatta a posta per i piccoli diametri i quali sono già ai massimi ingrandimenti con cui ho verificato la collimazione, primaria di mag 5, secondaria di mag 7,1 e separazione di 3”, in teoria dovrebbe essere facile, ma la loro luminosità sbilanciata complica le cose, per l’apo è stato un po più difficile separarle perché la secondaria cadeva nelle vicinanze del primo anello luminoso della primaria, “slavandomela” non poco, meno problemi per il 76 vintage, visto che la secondaria era un po’ più lontana dal primo anello e meglio “leggibile”.
Nessun problema con i due 200 mm, spazio nero chiaro e definito tra le due componenti.

Marte alle 00:15 circa è poco sopra i 30° di altezza (33,5° per la precisione), dalle parti del meridiano abbiamo grossomodo le aree di Mare Erythraeum, Eden e Niliacus Lacus; l’osservazione durerà fino a circa l’1:15 col pianeta che si alzerà fino ad oltre i 40° e il seeing che migliorerà ulteriormente.
Per non vedere “artificiosamente” con i più “piccoli” quello dovrei vedere con i più “grandi”, nelle osservazioni userò sempre questa sequenza, acro 76 vintage ► newton 200 vintage ► il tempo di passare all’altra montatura e puntare ► apo 80 ► C8; da qui in poi per semplicità li chiamerò, 76, 200, apo e C8.

Col 76 (che ha una correzione del colore specifica per dare il massimo contrasto su Marte) si vedono le formazioni di albedo maggiori, partendo dalla bianchissima calotta sud e scorrendo il meridiano (un po’ a est, un po’ a ovest), l’area beige chiaro di Noachis e Argyre, poi la parte più scura di Mare Erytraeum, ad est oltre il meridiano, riconosco con fatica la parte chiara che divide Pandorae da Sinus Sabaeus (per apprezzare meglio i deboli contrasti, sono sceso dai 233x del GO 6 mm a 187x con l’ottimo plössl 7,5 mm antares).
Scorrendo verso nord, il terreno si ri-schiarisce incontrando le aree di Chryse e Xanthe, fino ad incontrare le aree più scure di Niliacus Lacus e Mare acidalium.

Col 200 ovviamente cambia la musica (ricordo che a questi rapporti focali, la figura di uno specchio sferico è quasi indistinguibile da quella di una parabola), qui prendo il GO 6 mm, svito il barilotto e lo inserisco nel focheggiatore del newton (col suo adattatore auto costruito), non mi sono mai staccato dai 275x; ritornando sulla calotta, prima di arrivare all’area chiara di Noachis e Argyre, si scorge anche la zona intermedia del Mare Australe (la calotta è di estensione limitata), sul bordo ad ovest del Mare Erythraeum, si riesce a scorgere Solis Lacus e più a nord Tharsis, dalle parti dell’equatore si riescono a distinguere le zone che dividono le aree chiare di Xanthe e Tempe, queste formano appunto un arco scuro che da Mare Erythraeum si connette a Niliacus Lacus.
Il grande contrasto fornito dal 200, mi permette di scorgere la linea chiara di Achillis Pons che divide Niliacus Lacus dal Mare Acidalium.
Insomma dove vedevo un “tinta unita” col 76, col 200 quelle aree si sono divise un svariate tonalità.

Pausetta caffè per resettare il cervello.

Passo ai “corti”.
Nell’apo si vedono quasi le stesse cose viste nel 76, ma soprattutto nei dettagli al limite, con un po’ meno contrasto, ad esempio nel 76 seppur con difficoltà e al limite, la parte chiara che divide Pandorae da Sinus Sabaeus e Sinus Meridiani (ovvero l’area di Deucalionis Regio), con l’apo non c’è stato verso, la vedevo come un’area che semplicemente si schiariva progressivamente da nord verso sud.
In compenso con questo, sono riuscito giocando con gli ingrandimenti da 160x a 240x (sia sempre lodato il nagler zoom 2-4 è parafocale a tutti gli ingrandimenti e pulito ed inciso come un plössl), sono riuscito a scorgere praticamente sull’equatore, uno schiarimento tra SinusSabaeus/Sinus Maridiani (scuro) e la zona (beige) di Moab ed Eden, che con il 76 (a cui sono subito tornato a dare un’occhiata per verificare) non avevo scorto.
Posso imputare questa differenza, alla diversa correzione del colore dei due strumenti, i quali trasferiscono il contrasto in maniera diversa in base al colore, infatti ad esempio su Giove, la fascia equatoriale bianca (la EZ) nell’apo è più bianca rispetto al 76 e i festoni sono blu sull’apo e grigi sul 76.

Con il C8, inizialmente ho usato l'hyperion zoom, poi visto che i 254x li reggeva benissimo, ho continuato col waler zoom 5-8, dove l'ho utilizzato per la gran parte del tempo ad un ingrandimento simile a quello del 200 (circa 275/280x).
Come dicevo, nel C8 praticamente stessa storia che c’è tra apo e 76, il contrasto nello SCT è un po’ minore che nel 200, sostanzialmente si vedono quasi le stesse cose, ma i dettagli al limite nel 200, “scappano” nel C8, un esempio su tutti, la linea chiara di Achillis Pons che divide Niliacus Lacus dal Mare Acidalium nel 200 c’è, nel C8 no e mi restituisce un’unica area di tonalità simile.

Concludendo, quando il seeing decide di collaborare, il diametro comanda sempre ed è solo a parità di diametro o di diametri molto (ma molto) simili, allora l’ostruzione dice la sua, infatti tra il 200 e il C8, le differenze di dettaglio e di contrasto, me le sono dovute andare a cercare col lanternino e passando da un oculare all’altro, per la verifica dettaglio per dettaglio.
Stessa cosa con i due rifrattori, praticamente si vedevano le stesse cose, il 76 era oggettivamente più saturo (è veramente stato fatto per Marte), ma sostanzialmente sono alla pari, in uno non si vedeva uno specifico dettaglio, che nell’altro si vedeva e viceversa per uno specifico diverso dettaglio.

Una differenza percepibile tra i vintage lunghi e i corti moderni c’è ed è la facilità di messa a fuoco, sia nel 76 che nel 200, ho dovuto correggere il fuoco pochissime volte e più per necessità “psicologica” che effettiva.
Nell’apo e nel C8, la sensazione di una controllatina al fuoco era sempre presente e onestamente questo lo trovo “otticamente” normale, l’apo è un f/6 con uno snaptest univoco (c’è uno e un solo punto di fuoco), se non avessi la demoltiplica (e aggiungo, un focheggiatore come il FT), ci vuole nulla a superarlo; il C8 è nativamente un f/1,95 con l’equivalente di una barlow 5,1x, quindi ogni mm di corsa fisica dello specchio corrisponde a 5 mm abbondanti di spostamento del piano focale, quindi anche qui, “i conti tornano”.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

Avatar utente
Andrea75
Buon utente
Messaggi: 1036
Iscritto il: 30/04/2012, 12:24
Località: Milanistan

Re: Lungo vs corto & vintage vs moderno

Messaggio da Andrea75 » 11/11/2020, 18:36

Grazie Angelo, mi hai preceduto: ero effettivamente andato a leggere sull'altro forum ma la discussione interessa certamente anche qui.
Andrea, Milano
Sede operativa della Specola Minima Mediolani: balcone di casa...

L'INDIGNAZIONE E' VIOLENZA; LA VIOLENZA E' SBAGLIATA. SEMPRE.

... lunga vita al sessantino!

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1644
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Lungo vs corto & vintage vs moderno

Messaggio da Giovanni Bruno » 11/11/2020, 19:04

Il confronto tra il C8 ed il lungo newton da 200mm di diametro, mi ricorda i miei confronti tra il mio ex RUMAK INTES MK67 da 150/1800mm ed il mio ex MAK NEWTON INTES MN 61 da 150/900mm ad f6 nativo e con un'ostruzione del 19%.

La risoluzione ed il contrasto del MAK NEWTON era nettamente superiore rispetto al pur eccellente RUMAK MK67.

Stessa cosa tra il mio ex RUMAK INTES MICRO M715 da 180/2700mm ed il mio ex MAK NEWTON MN 76 da 178/1020mm ad f6 nativo

Nessun dubbio in merito, il LUNGO vince sempre. :thumbup: :wave:

piero
Buon utente
Messaggi: 3505
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Lungo vs corto & vintage vs moderno

Messaggio da piero » 13/11/2020, 1:19

complimenti Angelo, sono convinto che queste cose già le sapevi e non sei rimasto sorpreso di nulla ma mi è piaciuto molto il metodo; non dico di rimpiangere i vecchi Antares f/15 ma comunque, almeno sul planetario rimango convinto che davanti a una buona lente non c'è specchio che tenga, ma come sai, non sono certo io quello che meglio può dirlo a ragion veduta.
Non ti rimane che associare lente, lunga focale ad apertura, sei pronto per un Goliath:
https://www.astrottica.it/rifrattori-ac ... -1800.html
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Avatar utente
vincenzo
Buon utente
Messaggi: 1192
Iscritto il: 16/09/2011, 20:07
Località: opera

Re: Lungo vs corto & vintage vs moderno

Messaggio da vincenzo » 13/11/2020, 7:48

Bravo Angelo, sempre un piacere leggerti! Amo queste comparative, spremere strumenti e accessori al limite su un medesimo target e poi, stabilire una s-oggettiva preferenza. Nel 99% dei casi, sono un osservatore solitario e Io ammetto, a volte ne esco davvero "inebriato" e desidererei tanto avere accanto amici sensibili come te, e altri che mi leggono, per condividere pareri e godimenti.
Pratico il "voyeurismo ed il feticismo" con tante (lenti) e confesso la mia passione per le "mature" (lenti) ...

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1989
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Lungo vs corto & vintage vs moderno

Messaggio da Angelo Cutolo » 13/11/2020, 12:29

Grazie a tutti per i complimenti.

Vincenzo sento tanto la mancanza degli eventi con l'associazione, per "noi" (associati) che viviamo di "assembramenti", questa situazione è tra le peggiori che potevano capitarci. :cry:
Pensa che lo sfizio del Ciotto, me lo sono tolto (occasione a parte) per avere più "birra" facilmente trasportabile per le osservazioni pubbliche.

Piero, strumento interessante, ma quando avrò 4 stipendi (anzi insieme con la montatura, più probabilmente 10 stipendi) da spendere (magari quando andrò in pensione :mrgreen: ) preferirei stare sull'f/10, f/12, magari anche accontentandosi (si fa per dire) di soli 200 mm.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

Rispondi

Torna a “Strumentazione astronomica”