Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Recensioni di binocoli, suggerimenti, comparative, reportage, consigli per gli acquisti e altro ancora
Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 295
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Westley »

Avevo provato il Kite APC 16X42 in fiera ,ma con quel filo estensibile,inquadravo fuori ,che c'era una porta aperta.
Ci sono stato abbastanza e in diversi orari.
Non lo trovai male, ma altro conto averlo con sé su posti conosciuti per i test.
Penso siano simili ,non superiori al SIG parla il prezzo,poi come dici e ho constatato su forum esteri soprattutto nel contenimento AC.
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 3218
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Ciao WESTLEY, finalmente una voce che dice esattamente come ed in che modo si vede in un SIG SAUER HDX 16x42 vs un CANON 12x36 IS.

Da possessore di un CANON 12x36 IS III e di un CANON 15x50 IS UD ULTRA LOW DISPERSION, ho letto con vivo interesse la tua recensione tecnica del tuo ex HDX 16x42 venduto molto rapidamente.

Se davvero il CANON 12x36 IS III in comparazione con il SIG SAUER 16x42, brilla per qualità ottica, planarità di campo e persino come semplice ed efficace stabilizazione, allora il ben più otticamente nobile CANON 15x50 IS UD, brillerebbe due volte in più per il suo diametro di 50mm senza troncature, per il suo superbo campo piatto, per l'ottimo campo apparente di 66° e la prestazione APO, senza se e senza ma, si qualifica ancora come uno strumento di altissimo livello.

Certo, la stabilizzazione non è da primato, ma sufficiente per quello che serve e moooooolto sincera, senza alcun pendolamento e trascinamento.

Ultimamente troppe recensioni dei nuovi KAMAKURA erano entusiastici per la voce stabilizazione, tralasciando di parlare di campo piano, di correzione solo cromatica e di campo apparente scarso per i 12x.

Men che mai si mette in evidenza che tutti i KAMAKURA da 12x hanno solo 49° di campo apparente e solo i 16x e 20x salgono a 60° di campo apparente.

La causa è molto semplice, i prismi a TETTO integrati nella stabilizazione KAMAKURA, sono davvero molto piccoli e tutti uguali, sia per i 12x che per i 16x e 20x, ne consegue che al calare dell'ingrandimento tipo 12x, ci vorrebbero dei prismi a tetto più grandi per avere 60° di campo apparente, ma il sistema KAMAKURA non ha lo spazio per ospitarli.

A tal riguardo, solo SPECOLA aveva chiarito che il FUJINON 16x28 aveva lo stesso campo reale del 12x28, ma non aveva evidenziato che il motivo risiedeva nella piccolezza dei prismi a TETTO, adeguati per il 16x28 con 60° di campo apparente, ma non adeguati per avere un 12x di pari campo apparente.

Infine, tutti i KAMAKURA hanno due prismi a TETTO + due ROMBOID PRISM che raddoppiano l'assorbimento di luce alla voce prismi e tra aperture non enormi da 42mm e pure troncate e gli enormi ingrandimenti applicati tipo i 16x42 ed i 20x42, non hanno e ne potrebbero avere una enorme luminosità di immagine.

Insomma non è tutto ORO quello che luccica, ma tante buone qualità (vedi ampia stabilizazione e molta leggerezza) e tante ombre, (vedi aperture ridotte in rapporto agli alti ingrandimenti, un campo non piano ed un'ottica solo acromatica). :thumbup: :wave:
Antonello66
Buon utente
Messaggi: 514
Iscritto il: 16/05/2021, 14:43

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Antonello66 »

Un mondo complesso.
Ma questo sistema Kamakura è utilizzato da più produttori?
Mi par di capire che i Canon sono ancora da considerare nella scelta di uno stabilizzato.
In catalogo ha solo il 10x42 IL con riga rossa, presente già da un po’, otticamente leggo che gli altri non sono comunque male.
Avatar utente
T1Z1AN0
Buon utente
Messaggi: 301
Iscritto il: 31/10/2022, 18:12

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da T1Z1AN0 »

Si. Probabilmente questi, ma non ho la certezza: Bresser, Alpen Optics, Kite Optics, Sig Sauer, Vixen, Kenko, Sightron, Sirius.
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 1406
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Samuele »

Piccola riflessione alla luce dell’esperienza di Westley.
Nel mercato dell’ottica è abbastanza chiaro e sufficientemente definito cosa le sigle ED o SD vogliono significare, e ad esempio qui ve n’è una dimostrazione .
La mia impressione è che un po’ tutte le aziende siano consapevoli di questo e tendano a rispettarlo, anche perché diversamente il rischio è di incorrere in quello che in Italia costituisce frode nell’esercizio del commercio.
Quindi, quando qualche azienda ricorre a sigle di altro tipo, come HD, SX, HDX o simili, bisognerebbe attivare il campanello d’allarme e procedere con sospetto.
Ovvio che l’uso di vetro a bassa dispersione non è di per sé garanzia di qualità ottica o di sufficiente soppressione del cromatismo residuo, perché la lavorazione ed il progetto ottico sono altrettanto se non più importanti.
Ed altrettanto ovvio è che sarebbe preferibile che le aziende dichiarassero la sigla del vetro utilizzato, con piena trasparenza verso il consumatore.
Ma al di là di questo, il fatto che qualcuno ricorra ad espedienti linguistici per magnificare i suoi prodotti, sa di presa in giro e di scarsa serietà dell’azienda, ergo -se possibile- meglio evitare e rivolgersi altrove :thumbup:
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Se un binocolo è ok, non lo è tale per delle sigle commerciali o meno che siano.
Io ho avuto bisogno di un binocolo stabilizzato quando mi sono serviti ingrandimenti >10x da sfruttare impugnandolo a mano anche in movimento e prova e riprova, ho scartato tutte le varie proposte del mercato fino ad approdare prima al Fujinon Techno Stabi 16x28 e poi al Bresser OIS 16x42 e riferendomi a questi ultimi due:
A) Lato stabilizzazione il confronto con i binocoli stabilizzati Canon IS è veramente imbarazzante (per questi ultimi, intendo...) e non solo per i modelli con ingrandimento di 15x e 18x;
B) Lato ottica, escluso che un binocolo a campo piatto è sempre superiore ad un corrispettivo NON a campo piatto (perchè molto semplicemente ciò non è vero), il confronto a livello del risultato con lo stabilizzatore spento, imbarazzante NON É (attivandolo invece PURTROPPO e francamente un binocolo stabilizzato che mostra micro sfocature e immagini traballanti pure a 10x, sicuramente non è lo strumento che serve a me).
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 4232
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piero »

Westley ha scritto: 31/05/2024, 22:40
@piero per quanto riguarda SRBC 8x42 confermo le tue impressioni con gli interessi ed oltre..
:thumbup:
per quanto riguarda invece lo stabilizzato, da possessore del kite 16x42, con il quale mi torvo benissimo e non nascondo le problematiche di aberrazione cromatica, presenti però solo in certe condizioni (che ancora non ho ben compreso) e non per l'uso che ne faccio io, il tuo riscontro è la riprova (che ho ripetuto fino alla nausea) che gli stabilizzati, più di ogni altri, vanno provati perchè la percezione è davvero molo soggettiva
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 3218
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Io alcuni giorni fa ho potuto provare un FUJINON 12x28 KAMAKURA nel mio negozio di fiducia ad IVREA, presso foto-ottica MERLO.

Subito l'ho mentalmente confrontato con il mio CANON 12x36 IS III con il suo bel campo arioso, piattissimo e luminoso

Stesso ingrandimento del FUJINON 12x28, ma che differenza di visione!

Ebbene, prima pessima impressione un campo che definire claustrofobico significa essere ottimisti.

Ma anche la luminosità di immagine era ben al disotto dell'accettabile.

Mentre la stabilizazione era decisamente buona.

Ma per come io concepisco uno stabilizato, ovvero non un giocattolo elettro-ottico meccanico al cui pulsante di accensione attaccarsi sempre e comunque, ma invece uno strumento ottico-meccanico di primissimo ordine e tutto il resto come utile accessorio, alloro quel 12x28 provato era per me del tutto inaccettabile.

Sarà che grazie a DIO ho ancora una mano fermissima e che osservo sovente con profitto ed a mano libera sia con un grosso 15x70 ACRO, che con il sempiterno TENTO 20x60, sia con binocoli stabilizzati molto più piccoli e leggeri, li uso volentieri anche a mano libera e senza accenderli.

l'accensione la riservo se la ritengo utile e-o necessaria.

Sarà che sono più un osservatore paesaggistico-architettonico a grande distanza, piuttosto che un osservatore naturalistico a brevissima distanza, io do la massima importanza alla qualità ottica, ivi compreso un campo apparente generoso e piatto e per delle lunghe e rilassatissime osservazioni trovo del tutto naturale servirmi di un leggerissimo cavallettino, idem per l'astronomico.

Mentre godo della stabilizazione per improvvise e rapide osservazioni di qualsiasi tipo.

Quindi il giudizio su un binocolo stabilizzato non sarà mai totalmente imparziale, ma filtrato dal tipo di uso e preferenze d'uso personali.

Di sicuro un binocolo stabilizzato otticamente eccellente, rimane eccellente anche se casualmente si esauriscono le batterie, mentre un binocolo stabilizzato di media-bassa caratura ottica tale rimane sia da acceso che da spento. :thumbup: :wave:
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Beh, conti alla mano il FUJINON TECHNO STABI 12x28 ha un campo apparente di circa 50°con la formula lineare (73 m a 1000 m di campo reale), mentre il CANON 12x36 IS III invece con il suo campo visivo reale di 5°, applicando la formula lineare ha 60° di campo visivo apparente (CANON dichiara 55,3° dato che basa il campo visivo apparente sullo standard ISO 14132-1:2002).
12x sono un ingrandimento ancora gestibile a mano, per cui personalmente della stabilizzazione in un binocolo del genere posso anche farne a meno.
Io oltre che per il poco ingrandimento e la scarsa compensazione delle vibrazioni fornita dal suo sistema di stabilizzazione, il CANON 12x36 IS III l'ho scartato anche a causa dello scomodissimo (almeno per me) sistema di attivazione della stabilzzazione: "Lo Stabilizzatore di Immagine è attivo fintanto che si tiene premuto il tasto dello Stabilizzatore di Immagine. Viene disattivato appena si rilascia il tasto".
Riguardo al discorso del campo visivo, il FUJINON TECHNO STABI 16x28 sarebbe stato da confrontare, con i suoi 4° di campo reale e a questo punto la mente mi ritorna al campo visivo dello Swarovski Habicht, un binocolo molto apprezzato dagli appassionati di ottiche superbe.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
T1Z1AN0
Buon utente
Messaggi: 301
Iscritto il: 31/10/2022, 18:12

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da T1Z1AN0 »

Beh si può già fare una piccola statistica sui 16x42 Kamakura: 3 possessori soddisfatti ed uno insoddisfatto. Del resto se in un menù trovi 20 pizze…c’è un perchè 8-)
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Io sono soddisfatto anche del FUJINON TECHNO STABI 16x28 e non farei mai cambio con un binocolo stabilizzato CANON IS per i motivi che ho già spiegato e argomentato.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

piero ha scritto: 02/06/2024, 22:18 per quanto riguarda invece lo stabilizzato, da possessore del kite 16x42, con il quale mi torvo benissimo e non nascondo le problematiche di aberrazione cromatica, presenti però solo in certe condizioni [CUT] e non per l'uso che ne faccio io,
Da possessore di un binocolo stabilizzato BRESSER OIS 16x42 e utilizzatore anche di un altro esemplare del mio stesso binocolo, quoto! :thumbup:
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 781
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da vale75 »

Prima dici che 12x sono gestibili a mano libera, quindi a quell'ingrandimento tu non necessiti della stabilizzazione.
Poi dici che il canon restituisce immagini traballanti anche a 10x.
Avrà un destabilizzatore d'immagine si vede.

Il mio 12x36 l'ho usato anche sul traghetto a Istanbul e non ha mai traballato o dato sfuocature.
Sarà perché recente e con poche ore di funzionamento alle spalle, ma a me l'immagine sembra molto ferma.
Provando a vibrare le mani per metterlo in difficoltà, sia ha solo l'impressione di lenti movimenti viscosi.

Barca+telefono+12x36 a mano libera+dito sul pulsante.
Tutti questi tremori imbarazzanti, io non li vedo proprio.
Allegati
Screenshot_20240604-111445~2.png
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Gestibile vuol dire che si può usare anche a mano libera aiutandosi con un appoggio; un po' come i binocoli stabilizzati CANON IS per i quali bisogna sempre apportare dei particolari accorgimenti per ottenere delle immagini sufficientemente stabili, ragion per cui i +/- 0.7°di stabilizzazione di questi ultimi non sono sempre molto soddisfacenti.
Ho già detto a cosa serve a me un binocolo stabilizzato [LINK].
A 12x mi appoggio da qualche parte e problema risolto; cosa non così semplice invece con ingrandimenti > 12x.
Insomma, per essere più chiaro, è facile senza fare confronti oggettivi, ritenere decisamente buona la stabilizzazione di un CANON 12x36 IS III; infatti a CANON piace vincere facile e difatti se non erro, nelle sue corde ci sono anche binocoli stabilizzati da 8x.

Le immagini ferme sono un'altra cosa e a questo proposito i binocoli stabilizzati sono soltanto un compromesso a ciò; le immagini ferme sono quelle di uno strumento montato su un adeguato stativo.

Le immagini traballanti non sempre sono dovute soltanto alle vibrazioni dell'impiego a mano dello strumento; a volte ci si mette pure lo stabilizzatore ottico, vuoi perchè introduce una sorta di artefatti nella visione naturale, vuoi perchè mantenere attivo il sistema dopo poco stanca.

Imbarazzanti sono i numeri che sono dati e non opinioni; poi è chiaro che ognuno basta che sia soddisfatto di quel che sceglie.
Tutto qui.

Imho.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 3218
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Giovanni Bruno »

SPECOLA, non ci hai mai spiegato, ne ovviamente ne avevi l'obbligo, del perché dopo aver comprato e magnificato il tuo FUJINON 16x28, con la stretta pupilla di uscita di 1,75mm, giudicato invece negativamente da ASTRO61 e reso immediatamente, hai poi preso invece anche un KAMAKURA 16x42, scelta decisamente più razionale, grazie alla ben più larga pupilla di uscita di 2,62mm.

A giorni avrò la possibilità di testare anche io il FUJINON 16x28 in arrivo presso foto-ottica MERLO di IVREA e porterò con me il mio CANON 15x50 IS UD APO per una serena comparazione e finalmente saprò come stanno realmente le cose di persona. :thumbup: :wave:
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

In verità io non ho mai magnificato proprio nulla; mi sono sempre soltanto limitato a riportare quella che è la mia esperienza personale, mutuata per altro anche da persone che conosco, cosa che me la fa passare per diciamo così, suffragata.
Il 16x42 l'ho preso semplicemente per il diverso formato, perchè le condizioni osservative sono diverse e variabili (non sono scolpite nella pietra) e anche perchè le osservazioni da queste parti non sono mai solitarie.
C'è poi il discorso di provare di persona le ottiche, che è sempre un piacere ed insegna tante cose; per questo credo proprio che andrò anche oltre al 16x42.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 295
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Westley »

Parlandone su Birdforum a proposito del bagliore, velatura che affligge i SIG SAUER /BRESSER
È emersa questa esperienza.

Restituiscili e tieni il tuo Canon12x36 IS III se devi avere un binocolo IS. Lo Zulu6 OIS 16x42 ha grossi problemi di abbagliamento, con riflessi velanti che coprono l'intero FOV. Mi sono sbarazzato del mio e sono tornato a un binocolo 8x42 di buona qualità. Il Canon 12x36 IS III è un buon binocolo IS, ma la visione dell'uccello, anche se è stabile, non è così bella come quella di un 8x42 alpha o di prezzo medio. Da una recensione di Amazon.com di seguito. Ha ragione.

2,0 su 5 stelle alleato pessimo chiarore velante quando il sole è a quasi 90° da te, lo stabilizzatore sembra peggiorare la situazione
Recensito negli Stati Uniti il ​​17 dicembre 2023
Colore: FDE Stile: 16X42 mm
Ero davvero entusiasta di questi, ma con rammarico li ho restituiti . L'aberrazione cromatica è ben controllata e la nitidezza è buona, ma anche il normale sole diurno è sufficiente per provocare un terribile bagliore velante e un'enorme perdita di contrasto, anche quando è quasi completamente perpendicolare al sole. Anche l'equilibrio cromatico tra il lato esposto al sole e quello in ombra cambia notevolmente. Lo stabilizzatore sembra rendere il flare ancora peggiore, provocando bagliori nebbiosi che potevo attivare e disattivare ripetutamente.

Inoltre, i coprioculari dell'oculare sono incredibilmente allentati, un ripensamento così economico, e le lenti dell'obiettivo non sono ben schermate e non sono dotate di copertura. Il cinturino è carino e ha anche sganci rapidi, ma l'attacco finale al binocolo con anelli divisi economici ha un design incredibilmente pigro
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 3218
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Per un osservatore diurno, paesaggistico ed architettonico a grande distanza come me, mi ero sinceramente infatuato di uno stabilizzato 20x42 HDX.

Il leggere che i KAMAKURA hanno anche un grave problema di luce diffusa con il sole a 90° di lato, ha raffreddato ulteriormente la mia voglia di un 20x42 stabilizzato.

Osservando a molti chilometri di distanza avevo bisogno di maggior ingrandimento rispetto al mio CANON 12x36 IS III ed anche del mio CANON 15x50 IS, benché il 15x50 IS mena già parecchio.

Viziato dalle nitidissime immagini terrestri ottenute con dei piccoli MAK + torretta binoculare e dei medi APO + torretta binoculare, con immagini nitidissime e luminose, sebbene un poco macchinosi nel monta e smonta, ho cercato invano un binocolo tipo 30x80 ED con ottiche ED e sopratutto con una messa a fuoco centrale, con zero risultato.

Alla fine terrò il sempieterno CANON 15x50IS e tornerò al binocolone IBIS 20x80ED, con la sua esuberante luminosità ed il suo discreto ma per me ancora bassino ingrandimento.

Ho atteso per anni che uscisse un IBIS tipo 25-30x80ED, ma mi sono rassegnato ai soli 20x perché solo l'IBS 20x80 ED assomma in se sia la per me irrinunciabile messa a fuoco centrale che un'ottica ED discreta per il suo prezzo.

Io non mi faccio il minimo problema a mettere un binocolo su un cavallettino fotografico, il quale in cambio mi concede immagini fermissime, ma soprattutto assoluto relax psico-fisico, ci posso osservare per ore e ritrovarmi più riposato di quando ho iniziato ad osservare. :thumbup: :wave:
Ultima modifica di Giovanni Bruno il 09/06/2024, 7:54, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
T1Z1AN0
Buon utente
Messaggi: 301
Iscritto il: 31/10/2022, 18:12

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da T1Z1AN0 »

Per fortuna il mio Bresser 16x42 non ha questi problemi e me lo sto proprio godendo in questi giorni. Leggero, potente e prestazionale.
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Cit.
Quando si alza il sipario, la fortuna non esiste più.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 295
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Westley »

T1Z1AN0 ha scritto: 08/06/2024, 9:10 Per fortuna il mio Bresser 16x42 non ha questi problemi e me lo sto proprio godendo in questi giorni. Leggero, potente e prestazionale.
Che non lo ha il Bresser ma lo ha il SIG farebbe pensare..
Costa la metà quasi da offerta ,il Bresser.
Così come non lo ha il SIG versione acromatico grigio ma l'HDX si..
Più plausibile che il sistema Kamakura ha limiti fisici di compromessi di spazi , dimensioni prismi, alloggiamento sistema stabi.
Che implica rinunciare a qualcosa tra qualità ottica e stabilizzazione, come giusto che sia, d'altronde la compattezza e maneggevolezza sono le principali qualità.
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

A maggio del 2022 una persona mi sottopose per email una questione riguardo una cosa che aveva notato con il suo BRESSER OIS 16x42.
Copio e incollo:
...ho notato in alcune condizioni di luce laterale e frontale una fastidiosa luce diffusa nella parte bassa della lente fino quasi a metà...
ci ho ragionato ma non capisco il motivo...
ho pure provato a schermare con le mani e il fenomeno diminuisce...
A questo proposito chiesi di poter verificare insieme quel che costui notava.
Quando pochi giorni dopo ci incontrammo, per lui non fu immediato trovare le giuste condizioni per mostrarmi quella luce diffusa e allora per dirimere la questione circa la possibilità che il suo BRESSER OIS 16x42 avesse qualcosa, gli feci provare il mio e mi confermò che anche quel binocolo stabilizzato si comportava come il suo.
Prima di proseguire oltre, gli feci provare anche due binocoli FUJINON TS 16x28, il mio e un altro esemplare di un appassionato presente anche lui a quell'incontro.
Quello che emerse è presto detto; copio e incollo sempre dallo stesso thread email:
questo fenomeno è a parità di condizioni meno evidente nel fujy...
Espletate quelle verifiche, io e l'altro appassionato provammo il suo BRESSER OIS 16x42 facendoci guidare a puntare determinati soggetti dalla medesima posizione dalla quale il proprietario del binocolo diceva di vedere la luce diffusa.
Per quanto mi riguarda, sono partito pensando al noto problema di abbagliamento dello SWAROVSKI NL PURE e ho notato che in effetti in talune condizioni critiche il campo visivo veniva invaso da luce diffusa, che però non ho trovato per nulla eccessiva, tanto da mettere in discussione la visione del soggetto, nel senso di non vedere nulla prechè si resta abbagliati, oppure no.
Essendo al corrente che anche per quanto riguarda lo SWAROVSKI NL PURE ci sono appassionati che l'abbagliamento lo notano subito e non lo sopportano perchè lo ritengono veramente eccessivo e degradante, mentre altri non lo notano proprio, oppure se lo notano, lo percepiscono in maniera decisamente meno invadente/invalidante, senza dire niente ho chiesto all'altra persona che era con noi, di provare anche lui e dirci cosa vedeva.
Ecco, questo appassionato per prima cosa mise in chiaro di non aver compreso bene di cosa si stesse parlando e che con i suoi binocoli non gli era mai capitato di imbattersi in una luce diffusa in grado di non permettere la visione di qualcosa, durante le sue osservazioni.
Poi, prova e riprova, disse di non riscontrare nessuna luce diffusa nel campo visivo, neanche minima e tutto questo posizionandosi come gli veniva indicato e osservando i medesimi soggetti suggeriti dal proprietario del BRESSER OIS 16x42.
Aggiungo per completezza che io non osservo con gli occhiali, mentre le altre due persone che erano non me, invece sì.
Detto questo, credo che abbia ragione @Westley ma che comunque si tratti di un vero e proprio difetto soltanto per alcune persone e non per tutte, visti i risultati soggettivi.
Insomma, si tratta di un limite dello strumento, che però non è così drastico tanto da poterne dire GIUSTAMENTE, peste e corna.
D'altronde il binocolo perfetto non esiste.
Imho.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 295
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Westley »

Non si riesce a caricare l'immagine scattata della velatura,quindi metto questa interessante discussione a riguardo dove si trova indietro di una pagina.

https://www.birdforum.net/threads/16x-a ... st-4652388
Ultima modifica di Westley il 11/06/2024, 13:08, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
T1Z1AN0
Buon utente
Messaggi: 301
Iscritto il: 31/10/2022, 18:12

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da T1Z1AN0 »

Non c’è bisogno dell’immagine, ti crediamo. Io oltre al 16x42 prenderò anche un Kamakura 20x42, appena me lo procurano.
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

@T1Z1AN0
Quoto e aggiungo che da queste parti come al solito ne arriveranno due. :thumbup:
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 3218
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Molto bene, due 20x42 HDX a due persone che possono facilmente confrontarsi, sarà un test di alto valore predittivo per la media della qualità generale dei 20x42 HDX. :thumbup: :wave:
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Parlo per me che non sono un esperto di nulla, figuriamoci di ottica: A dirimere la questione come al solito ci penserà prima @Piergiovanni. :)
Comunque non è detto che da queste parti saranno degli HDX. ;)
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 295
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Westley »

Metto una nuova esperienza a riguardo per chi nn è iscritto magari...

Sono un recente proprietario del binocolo SIG SAUER Zulu6 FDE HDX OIS 16X42mm.

Come già affermato da altri utenti, è un peccato che la qualità ottica del binocolo e il suo basso livello di aberrazioni e distorsioni cromatiche siano offuscati da una notevole predisposizione al flare e alla perdita di contrasto, che inizia e si diffonde dalla zona di visibilità più bassa. , non appena l'apparecchio viene orientato leggermente in controluce e lo sguardo viene spostato verticalmente verso l'alto. Questo difetto aumenta se si utilizzano le 2 modalità di stabilizzazione.

Allo stesso modo nell'uso notturno con luci nel campo visivo, ad esempio in un paesaggio urbano con sorgenti luminose nell'area osservata, si verificano continui e fastidiosi lampi anulari attorno a ciascuna sorgente luminosa sul bordo inferiore dell'area visiva.

È davvero difficile non riscontrare questi due problemi nell'utilizzo normale, sia all'aperto che al chiuso con luce artificiale intensa.

Possiedo altri 2 binocoli: un Olympus 10x42 EXWPI ed un Vortex Diamondback 12X50, entrambi di qualità ottica che si potrebbe definire medio/bassa. In nessuno dei due è visibile questo tipo di incidente.

A parte quanto descritto, la qualità ottica generale, le modalità di stabilizzazione e la costruzione generale sono molto corrette, sempre al riparo dai difetti sopra citati.

Distinti saluti.

Sì. È un affare killer.
Avatar utente
T1Z1AN0
Buon utente
Messaggi: 301
Iscritto il: 31/10/2022, 18:12

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da T1Z1AN0 »

Si, ma aggiungi che per questo parere negativo, in quel 3d, c’è ne sono 30 positivi che non citi 8-)

Ma la domanda vera è: qual è l’attuale miglior 16x o 20x trasportabile in uno zainetto senza sentirlo?
Se mi dite Ikea compro Ikea 8-)
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Quoto @T1Z1AN0 :thumbup:
Del SIG SAUER ZULU non ho contezza, però per per quanto riguarda il BRESSER OIS 16x42 e il FUJINON TECHNO STABI 16x28 ho già menzionato la mia esperienza; in pratica non sono d'accordo con questo:
Westley ha scritto: 11/06/2024, 15:25 È davvero difficile non riscontrare questi due problemi nell'utilizzo normale, sia all'aperto che al chiuso con luce artificiale intensa.
Quando in particolari condizioni ho visto una velatura, la medesima è stata sempre trasparente.

@Westley , tu il problema in questione (bagliore, velatura) lo hai rilevato/riscontrato nel SIG SAUER 16x42 HDX che hai preso e rivenduto di corsa?
In quello che hai scritto non vi è menzione di ciò.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 295
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Westley »

Nel 3D che ho messo, Tiziano vede 30 recensioni positive...cosa assolutamente FALSA , (1) non 30.
denco ,ha il binocolo ed ha riconosciuto il problema della velatura bagliore proveniente dal basso del FOV
Qui invece per qualcuno è un problema che disturba il futuro/ipotetico acquisto.

"Tanto da dire non mettere ,fa niente ti crediamo..."

Specola si, l'ho scritto e si capisce che ho avuto il binocolo in questione ,per il tempo sufficiente.
Avatar utente
T1Z1AN0
Buon utente
Messaggi: 301
Iscritto il: 31/10/2022, 18:12

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da T1Z1AN0 »

Westley hai ragione, non sono 30, non li ho contati. Ma in 12 pagine di 3d ci sono commenti positivi.
Comunque non devo giustificare i miei acquisti, lo compro anche se i giudizi son pessimi, se a me piace.
Non voglio convincere nessuno.
Buona serata a tutti :thumbup: 8-)
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Westley ha scritto: 11/06/2024, 17:00 Specola si, l'ho scritto e si capisce che ho avuto il binocolo in questione ,per il tempo sufficiente.
Sì OK, ho letto che hai comprato e poi venduto il tuo SIG SAUER 16x42 HDX, però scusa se insisto ma non ho compreso se tu in effetti la velatura/bagliore in questione l'hai effettivamente notata, oppure no, perchè non mi pare di aver letto nulla riguardo a ciò fra le motivazioni di scontento per cui hai ceduto il tuo binocolo.
In caso affermativo, vorrei chiederti se la velatura ti si è presentata trasparente, oppure no.
Per quanto riguarda i binocoli che condividono il sistema di stabilizzazione brevettato da KAMAKURA che possiedo io, la mia esperienza l'ho già riportata.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 9578
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da -SPECOLA-> »

T1Z1AN0 ha scritto: 11/06/2024, 17:46 Comunque non devo giustificare i miei acquisti, lo compro anche se i giudizi son pessimi, se a me piace.
Non voglio convincere nessuno.
Sono perfettamente d'accordo con te. :!: :thumbup:
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVIII). http://www.specola.altervista.org/
rigel
Buon utente
Messaggi: 919
Iscritto il: 31/08/2012, 13:44

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da rigel »

Giovanni Bruno ha scritto: 07/06/2024, 15:55

A giorni avrò la possibilità di testare anche io il FUJINON 16x28 in arrivo presso foto-ottica MERLO di IVREA e porterò con me il mio CANON 15x50 IS UD APO per una serena comparazione e finalmente saprò come stanno realmente le cose di persona. :thumbup: :wave:
Una delle prove importanti che devi fare (anche se a te, che osservi paesaggi, non interessa in modo particolare) è vedere se ci sono differenze sulla facilità di tenere inquadrato, ad esempio, un uccello in volo....perchè finora, in quelli che ho visto io, l'angolo maggiore di stabilizzazione peggiora questa situazione.
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 3218
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Ciao RIGEL, certamente cercherò di fare attenzione a quello che mi hai chiesto se e quando potrò osservare con il FUJINON 16x28.

Di sicuro ricordo benissimo, forse 20 anni fa, un confronto tra il mio CANON 12x36 IS II, poi diventato di ASTRO61, ed un FUJINON stabilizzato di quell'epoca, forse funzionante con dei giroscopi meccanici di un mio amico, con molta stabilizazione, ma anche con una inerzia, per meglio dire appiccicosità, nel cambiare l'inquadratura da fermo su un soggetto a spostamento su quello successivo.

Sembrava che vi fosse un invisibile elastico da tendere per schiodare la visione dal primo soggetto al secondo soggetto.

Sul piano percettivo-sensoriale era una esperienza molto disturbante.

Ciò detto, non intendo minimamente accomunare la resa tra un vecchio FUJINON a giroscopio ed i nuovi KAMAKURA, che sia ben chiaro, un 20x42 MI ATTIZZA ECCOME, data la mia predilezione per le osservazioni paesaggistiche-architettoniche e vorrei davvero non dover leggere di tanti piccoli lati negativi, a cominciare dai flare riscontrati da altri possessori.

Nella discussione su BIRDFORUM si legge con sufficiente certezza che gli SBIG SAURER HDX, rispetto ai KYTE, sono un poco più leggeri ed hanno una minore aberrazione cromatica, cosa sempre desiderabile, soprattutto per un 20x42 stabilizzato. :thumbup: :wave:
Ultima modifica di Giovanni Bruno il 12/06/2024, 11:13, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 295
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Westley »

-SPECOLA-> ha scritto: 08/06/2024, 22:50 A maggio del 2022 una persona mi sottopose per email una questione riguardo una cosa che aveva notato con il suo BRESSER OIS 16x42.
Copio e incollo:
...ho notato in alcune condizioni di luce laterale e frontale una fastidiosa luce diffusa nella parte bassa della lente fino quasi a metà...
ci ho ragionato ma non capisco il motivo...
ho pure provato a schermare con le mani e il fenomeno diminuisce...
A questo proposito chiesi di poter verificare insieme quel che costui notava.
Quando pochi giorni dopo ci incontrammo, per lui non fu immediato trovare le giuste condizioni per mostrarmi quella luce diffusa e allora per dirimere la questione circa la possibilità che il suo BRESSER OIS 16x42 avesse qualcosa, gli feci provare il mio e mi confermò che anche quel binocolo stabilizzato si comportava come il suo.
Prima di proseguire oltre, gli feci provare anche due binocoli FUJINON TS 16x28, il mio e un altro esemplare di un appassionato presente anche lui a quell'incontro.
Quello che emerse è presto detto; copio e incollo sempre dallo stesso thread email:
questo fenomeno è a parità di condizioni meno evidente nel fujy...
Espletate quelle verifiche, io e l'altro appassionato provammo il suo BRESSER OIS 16x42 facendoci guidare a puntare determinati soggetti dalla medesima posizione dalla quale il proprietario del binocolo diceva di vedere la luce diffusa.
Per quanto mi riguarda, sono partito pensando al noto problema di abbagliamento dello SWAROVSKI NL PURE e ho notato che in effetti in talune condizioni critiche il campo visivo veniva invaso da luce diffusa, che però non ho trovato per nulla eccessiva, tanto da mettere in discussione la visione del soggetto, nel senso di non vedere nulla prechè si resta abbagliati, oppure no.
Essendo al corrente che anche per quanto riguarda lo SWAROVSKI NL PURE ci sono appassionati che l'abbagliamento lo notano subito e non lo sopportano perchè lo ritengono veramente eccessivo e degradante, mentre altri non lo notano proprio, oppure se lo notano, lo percepiscono in maniera decisamente meno invadente/invalidante, senza dire niente ho chiesto all'altra persona che era con noi, di provare anche lui e dirci cosa vedeva.
Ecco, questo appassionato per prima cosa mise in chiaro di non aver compreso bene di cosa si stesse parlando e che con i suoi binocoli non gli era mai capitato di imbattersi in una luce diffusa in grado di non permettere la visione di qualcosa, durante le sue osservazioni.
Poi, prova e riprova, disse di non riscontrare nessuna luce diffusa nel campo visivo, neanche minima e tutto questo posizionandosi come gli veniva indicato e osservando i medesimi soggetti suggeriti dal proprietario del BRESSER OIS 16x42.
Aggiungo per completezza che io non osservo con gli occhiali, mentre le altre due persone che erano non me, invece sì.
Detto questo, credo che abbia ragione @Westley ma che comunque si tratti di un vero e proprio difetto soltanto per alcune persone e non per tutte, visti i risultati soggettivi.
Insomma, si tratta di un limite dello strumento, che però non è così drastico tanto da poterne dire GIUSTAMENTE, peste e corna.
D'altronde il binocolo perfetto non esiste.
Imho.
@specola
scusa, ma mi hai risposto al thread con la tua esperienza...
Ora non ricordi che io ho notato il problema?

Ho le foto scattate dagli oculari, ho messo il link di Birdforum, c'è tutto compresa l'immagine,sono sempre io.
Qui non si caricano le immagini,bisogna comprimerle troppo con app specifiche .

Estrapolato dal mio iniziale intervento:

"Gestione del controluce da rivedere seriamente."
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9988
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piergiovanni »

Ho avuto un attimo di tempo per leggere il tutto
Vi posso solo confermare questa mia esperienza, qualche settimana fa, dopo aver testato il KITE OPTICS 18x50 ho ricevuto un paio di email da alcuni appassionati astrofili che notavano luce diffusa e evidente bagliore negli oculari (non presenti nel mio esemplare) a tal punto contattati KITE che mi mise in contatto con il costruttore giapponese.
MI fu detto - fatto ripreso anche su birdforum - che alcuni esemplari presentavano un difetto nell'assemblaggio e che si poteva palesare luce diffusa e anche bagliore verde notturno che è stato risolto sui prodotti successivi.
Molto probabilmente c'è qualche sistema per proteggere dalla luce diffusa nei pressi della scheda elettronica o vicino al treno ottico.
All'atto pratico Kite ha cambiato un paio di prodotti agli appassionati, ma tutti relativi al 18x50
Non ho mai ricevuto lamentele riguardo il 16x42 a parte questo esemplare, non so se possa dipendere da un problema dell'esemplare. La media delle recensioni mondiali è positiva e soltanto qualcuno ha evidenziato il problema. Nella mia recensione ho scritto che:

Fig.5 – La prova con la torcia (proiettando il fascio di luce all’oculare all’obiettivo ha mostrato il cut-off laterale e un po’ di luce diffusa che si percepisce in varie occasioni.

Aberrazione cromatica in asse
Qualsiasi ottica acromatica con un rapporto focale molto aperto mostra aberrazione cromatica sopra gli 8X e ovviamente anche il SIG SAUER ZULU 6 16×42 non ne esente


Cromatismo laterale
Presente, piu’ o meno nella stessa misura e intensità evidenziati per il cromatismo al centro del campo.


Distorsione angolare
Minima quella angolare, si nota un po’ di distorsione di ingrandimento, dato che gli oggetti modificano la loro forma ai bordi del campo, ad esempio la luna si ovalizza un po’.


Altre aberrazioni
Nell’uso astronomico ho notato che si nota un po’ di coma e astigmatismo verso l’80% dal campo di vista. Al centro le stelle di II e III magnitudine sono abbastanza puntiformi, ma non capocchie di spillo come ad esempio in un rifrattore astronomico di alta qualità.



Resta da capire se si tratta di un problema specifico di qualche esemplare o di tutta la gamma. Se fosse identico per costruzione interna al KITE OPTICS 16x42 ci sono vari appassionati qui nel forum che lo possiedono senza aver notato problemi cosi' evidenti.
Ciao a tutti
Piergiovanni Salimbeni - tester e giornalista
Canale Youtube https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Siti Web
Binomania.it-Recensioni di binocoli, spotting scope, telescopi astronomici e altro ancora
https://www.binomania.it

La Rivista della Luna -Missioni, Geologia, Storia, Guida all'osservazione e altro ancora
https://www.rivistaluna.com/

Termicienotturni.it-Recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna
https://www.termicienotturni.it
Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 295
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da Westley »

Il Kite APC 16X42 dovrebbe essere esente,anche perché ho sentito vari amici che lo hanno.
Gli obbiettivi dei SIG e simili sono più esposti e meno protetti,meno incassati dei KITE ,per via della gommatura , anche questo da considerare.
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9988
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Nuovo binocolo stabilizzato SIG SAUER ZULU 6 con nuovi vetri HDX

Messaggio da piergiovanni »

Westley ha scritto: 12/06/2024, 13:25 Il Kite APC 16X42 dovrebbe essere esente,anche perché ho sentito vari amici che lo hanno.
Gli obbiettivi dei SIG e simili sono più esposti e meno protetti,meno incassati dei KITE ,per via della gommatura , anche questo da considerare.
Ciao, io avro' modo di provare il nuovo 20x42, spero a fine mese, ci sarà modo quindi di approfondire la questione e se si tratta di un esemplare specifico o di tutta la gamma. Se fosse tutta la linea completa ne avrebbero venduti ben pochi e questo mi parebbe strano visto che lo usano anche quelli dei reparti militari in America. Ci aggiorneremo senz'altro.
Piergiovanni Salimbeni - tester e giornalista
Canale Youtube https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Siti Web
Binomania.it-Recensioni di binocoli, spotting scope, telescopi astronomici e altro ancora
https://www.binomania.it

La Rivista della Luna -Missioni, Geologia, Storia, Guida all'osservazione e altro ancora
https://www.rivistaluna.com/

Termicienotturni.it-Recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna
https://www.termicienotturni.it
Rispondi