Minox MD 80 Z

Anteprima: Nuovi spotting scopes MINOX MD 60 Z e MD 80 Z

Share Button

La richiesta di molti cacciatori e osservatori della natura di poter utilizzare  sul campo dei  prodotti leggeri, compatti e di alta qualità è stata accolta da Minox che ha lanciato due nuovi  spotting scopes: Lo MD 60Z e lo MD 80 Z .

Gli ingegneri Minox , grazie all’utilizzo di un nuovo sistema di prismi, hanno creato un telescopio terrestre che, a parità di diametro, è più’ compatto del 20% rispetto alla concorrenza. Questi nuovi prodotti ottici sono dotati di un oculare zoom (fisso) che genera un ingrandimento compreso fra i 12x- 40X  MD 60Z) e fra i 20X- 40X (MD 80Z).

Minox MD 80 Z

Minox MD 80 Z

 

L’azienda  tedesca dichiara che i nuovi Minox MD 60 Z e MD 80 Z  sono compost da un sistema ottico di alta qualità in grado di fornire delle  immagini brillanti, ricche di contrasto e con una resa dei colori molto naturale.

Lo scafo ottico è resistente ed impermeabile sino a cinque metri di profondità, il riempimento in azoto previene la corrosione ed evita la formazione di condensa durante le rapide variazioni di temperatura.

Minox MD 60 Z

Minox MD 60 Z

 

Entrambi i modelli sono disponibili a richiesta con un reticolo interno.

 

Binomania riceverà un esemplare di questi modelli nelle prossime settimane per consentire un test approfondito.

 

Caratteristiche tecniche dichiarate dalla Casa Madre

MINOX MD 60 Z MINOX MD 80 Z
Ingrandimento 12-40x 20-60x
Diametro delle lenti 60 mm 80 mm
Campo di vista a 1.000m 59 m – 19 m 40 m – 14 m
Minima distanza di messa a fuoco 3,5 m 7 m
Temperatura di utilizzo -10 / +60°C -10 / +60°C
Waterproof sino  a  5 m sino a 5 m
Dimensioni  310x78x138 mm  385x94x138 mm
Peso 1620 g  2190 g
Prezzo non dichiarato non dichiarato

Written by

Piergiovanni Salimbeni: è nato nel Febbraio del 1975 a Varese, una piccola provincia del Nord Italia, attualmente vive insieme con la moglie e le figlie Ersilia ed Ester a Cugliate Fabiasco- Valganna, una verde ed umida valle situata sulle Prealpi lombarde e confinante con il territorio svizzero. Si è laureato presso la Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico. Esperienze editoriali e nel settore astronomico-naturalistico 1997: Autore della rivista NUOVO ORIONE, fonda, nello stesso anno, insieme con il dott.Raffello Lena il GLR GROUP (Geological Lunar Researches Group) un gruppo internazionale di studi sulla geologia lunare. Attualmente il GLR Group, pubblica una rivista on-line , intitolata Selenology Today 2001: Pubblicazione del libro "OSSERVARE LA LUNA" , inizia un ciclo di conferenze sul tema . 2004-2007- Autore della Rivista di Scienze Astronomiche LE STELLE diretta da Margherita Hack e da Corrado Lamberti. 2005- Fonda il portale BINOMANIA, il primo portale italiano dedicato al mondo dei binocoli 2008-2010 fa parte dello Staff Tecnico della Rivista di Scienze Astronomiche, Coelum, collabora con La Rivista della Natura e con la rivista Fotografare 2011-2012: E'responsabile insieme a Raffaello Braga del nuovo portale Astrotest.it ,dedicato al mondo dell'astronomia e dei telescopi. Collabora, nuovamente, con le riviste di Scienze Astronomiche Nuovo Orione e Le Stelle. Si dedica, inoltre, alla fotografia di paesaggio - http://www.landscapephotography.it organizzando mostre, workshop e corsi individuali. Collabora con l'Oasi Lipu Palude Brabbia (Varese) dove organizza spesso eventi e corsi

You may also like...