Binocolo PENTAX SD 9×42 WP: leggero e robusto. Test sul campo

BINOMANIA PREMIUM è la nuova modalità per visitare il sito web senza distrazioni pubblicitarie e per beneficiare di alcuni privilegi. Vuoi saperne di più? Clicca qui

PREMESSA

Continuo la mia analisi dei prodotti Sport Optics di Pentax. Questa volta ho scelto per i lettori di Binomania il Pentax SD 9×42 WP. Esibisce  delle caratteristiche interessanti che ho avuto modo di verificare nell’utilizzo sul campo. All’interno di questo articolo e della videorecensione, esporrò, come sempre, le sue caratteristiche salienti, i pregi e i difetti che ho riscontrato durante le osservazioni pratiche. 

E’ possibile acquistare questo binocolo sul sito ufficiale di FOWA a un prezzo di  449.99 euro con garanzia 2+2 (estensibile gratuitamente registrandosi gratuitamente sul sito FOWA)

 

Prima di iniziare vi propongo di iscrivervi gratuitamente al canale YouTube   e di venire a trovarmi su:

https://www.binomania.it/phpBB3/index.php  Il forum ufficiale  di Binomania… dal 2010
https://www.facebook.com/binomania La pagina ufficiale di Binomania
https://www.facebook.com/groups/termicienotturni Il gruppo dedicato alla visione notturna, termica e alle fototrappole
https://www.facebook.com/groups/binocoli Il gruppo per gli amanti dei binocoli e dei cannocchiali da osservazione

https://www.facebook.com/groups/telescopi 

Il gruppo per gli amanti dei telescopi astronomici
https://www.instagram.com/optics_reviews/ La mia pagina Instagram
https://twitter.com/binomanianews Tutte le news su Twitter
https://www.termicienotturni.it Il sito web dedicato alle recensioni degli strumenti per la visione notturna

DATI TECNICI DICHIARATI DALLA CASA MADRE

Caratteristiche Dettagli
Modello  SD 9×42 WP
Prisma A tetto
Ingrandimento 9x
Diametro dell’obiettivo 42 mm
Campo Reale di Vista 6,1 gradi
Campo Visivo 106 m a 1000 metri
Distanza Minima di Messa a Fuoco 2,5 m
Pupilla di Uscita 4,7 mm
Estrazione Pupillare 18 mm
Regolazione Interpupillare Non dichiarata
Tipo di Messa a Fuoco Centrale
Supporto per Treppiede
Dimensioni 14,73 x 12,70 x 5,84 cm
Peso 666 grammi
Distributore italiano FOWA
Dove acquistarlo on-line  

 

ACCESSORI IN DOTAZIONE

Anche in questo caso, avendo ricevuto un binocolo esposto in fiera e inviato alla stampa non ho potuto visionare gli accessori originali in dotazione. Il distributore italiano mi ha informato della presenza di un panno per la pulizia delle ottiche, una tracolla per il trasporto, i paraluce copri-obiettivi che, in questo caso, ho ricevuto insieme alla scatola, e il tappo per gli oculari. Sembra che sia presente anche una borsa in cordura.

 

MECCANICA E SISTEMA A FUOCO

Questo binocolo esibisce un design a finestra centrale, rispetto alla forma più classica con cerniera centrale e ponte ampio.  il Pentax SD 9×42 WP spicca per la leggerezza e per un’ottima ergonomia. La mia bilancia elettronica, infatti, ha stimato un peso pari a  652 grammi, risultando quindi uno dei binocoli più leggeri della categoria. Il binocolo è protetto da una armatura di colore verde abbastanza spessa che reca ai lati i loghi Pentax; nella parte inferiore sono presenti due incavi per inserire i pollici e migliorare così la presa. Grazie alla sua conformazione con una manopola di messa a fuoco molto vicina agli oculari, il binocolo risulta abbastanza bilanciato. Si deve solo inclinare il dito indice per agire sulla messa a fuoco. Tra i dettagli degni di attenzione c’è la presenza di due asole (di metallo) per il collegamento con la tracolla   che insieme alle parti superiori dei ponti non sono protette dall’armatura. Inoltre, è stata inserita la filettatura da 1/4 sul ponte anteriore, vicino agli obiettivi, e questo consente una più rapida facilità di montaggio del supporto per i treppiedi fotografici.

 

 

FIG.1 – Il Pentax SD 8×42 WP ha un design definito ” a finestra centrale” o “ponte aperto”

 

Modello

Peso

Dimensioni  

Pentax SD 9×42 WP 652 g 14,73 x 12,70 x 5,84 cm

 

Appare come un binocolo robusto e solido, è impermeabilizzato con una classe JIS 6 ed è riempito di azoto. Il grado di impermeabilizzazione JIS 6 si riferisce agli standard di impermeabilizzazione stabiliti dal Japan Industrial Standard (JIS). Questo grado di impermeabilità indica che il dispositivo è protetto contro i forti getti d’acqua provenienti da tutte le direzioni, il che significa che è progettato per resistere a condizioni di pioggia intensa o schizzi d’acqua senza subire danni. Tuttavia, non è progettato per l’immersione prolungata in acqua. Per costruzione e rifiniture, sembra un binocolo di fascia superiore, anche l’interno del tubo ottico è ottimizzato con una serie innumerevole di diaframmi che contengono la luce diffusa. Non è presente un annerimento totale; ho notato un po’ di  riflettività nei diaframmi, ma l’interno è decisamente ben realizzato.

 

  Box di approfondimento
Grado JIS Descrizione
JIS 0 Nessuna protezione
JIS 1 Protezione contro gocce d’acqua verticali
JIS 2 Protezione contro gocce d’acqua a 15°
JIS 3 Protezione contro gocce d’acqua a 60°
JIS 4 Protezione contro spruzzi d’acqua
JIS 5 Protezione contro getti d’acqua
JIS 6 Protezione contro forti getti d’acqua
JIS 7 Protezione contro immersione temporanea
JIS 8 Protezione contro immersione continua

 

Per quanto riguarda la manopola di messa a fuoco, è abbastanza grande da essere impugnata comodamente anche con i guanti invernali, ha un diametro di 33 mm ed è protetta da una armatura in gomma zigrinata. I movimenti si sono rivelati molto fluidi, sembra anche in questo caso un prodotto di classe superiore. Non ho notato giochi e impuntamenti. La distanza minima di messa a fuoco che ho misurato è di 180 cm, inferiore a quanto dichiarato (2,5 m). Dalla distanza che ho rilevato, è necessario, nel mio caso, ruotare la manopola in senso antiorario di circa 370 gradi, dopodiché si può beneficiare ancora di una corsa che comporta un giro e mezzo in totale. Tra i dieci  metri e l’infinito, la corsa è decisamente breve, tanto che si deve ruotare la manopola di pochissimi millimetri. Ho apprezzato anche la ghiera di regolazione delle diottrie: non è dotata di un sistema di blocco, ma è necessario compiere una decisa flessione per ruotare la grande ghiera zigrinata, tanto che è praticamente impossibile spostarla accidentalmente durante l’utilizzo sul campo. Non ci sono tacche di riferimento, ma i soliti tre simboli: meno, centro e più.

FIG.2 La manopola di messa a fuoco è abbastanza grande, scorrevole, precisa e incastonata sul ponte posteriore

 

Modello

Distanza minima di messa a fuoco dell’esemplare testato

Senso di rotazione

Raggiungimento dell’infinito dalla distanza minima

Pentax 

180 cm anti orario 370 °

 

OTTICA

Obiettivi

 

Anche in questo caso, Pentax non ha utilizzato sigle altisonanti come, ad esempio, la classica “HD” che si può trovare in questa fascia di riferimento. Posso confermare che le immagini sono, nella sua fascia di prezzo nitide e contrastate. La tonalità dei bianchi mi è parsa abbastanza neutra . Gli obiettivi sono incassati all’interno del tubo ottico per circa 12 mm; in questo caso, lo spazio funge sia da piccolo paraluce che da sistema per evitare graffi accidentali. Tirando le somme, potrei dire che, avendo analizzato nel corso degli anni binocoli in questa fascia di prezzo, non noto particolari differenze rispetto a questo binocolo Pentax e molti binocoli definiti HD. Non è ovviamente un binocolo con ottiche a bassa dispersione, come ad esempio il Pentax DCF ED 8×43.

FIG.3 – Un primo piano sugli obiettivi da 42 mm, da notare il nuovo trattamento anti-riflesso

Oculari

Gli oculari del Pentax SD 9×42 WP forniscono un campo di vista pari a 107 metri a 1000 metri. Questo dato, con la formula classica, consente di ottenere un campo lineare pari a 6,13° che moltiplicato per l’ingrandimento, raggiunge un campo apparente pari a 55°.

Non è quindi un binocolo grandangolare, ma risulta avere un campo apparente leggermente piu’ grande rispetto a vari 8×42 nella stessa fascia di prezzo.

Un altro fattore che apprezzo in questo binocolo è la dimensione compatta degli oculari. Possiede una lente di campo con un diametro di 21,12 mm e un oculare con un diametro di 40,36 mm, il che comporta una facilità di visione anche per chi possiede distanze interpupillari inferiori ai 67 mm. Nel mio caso, con una distanza interpupillare di 66 mm, la distanza tra gli oculari è di circa 23,5 mm, consentendo di indossare il binocolo senza che il mio naso tocchi il bordo degli oculari. I paraluce sono protetti da una gommatura morbida e sono dotati di un sistema di estrazione a rotazione a quattro posizioni. I movimenti sono fluidi, i click precisi e non è possibile rimuoverli completamente per facilitare la pulizia della lente di campo. L’estrazione pupillare dichiarata è pari a 18 mm. Personalmente, ho potuto misurare unicamente la distanza tra il bordo e il paraluce estratto della lente di campo, misurando una distanza di circa 12 mm. Ho notato, tuttavia, che sono in grado di osservare la totalità del campo di vista anche rimanendo con gli occhi leggermente spostati rispetto al bordo estratto del paraluce. Per tale motivo, la stima ottenuta da Pentax potrebbe essere realistica. Ricordo infatti che le aziende del settore dispongono di sistemi di misurazione  più professionali di quelli che posso utilizzare personalmente. La distanza interpupillare è compresa tra i 55 mm e i 74 mm.

FIG.4 – Gli oculari sono comodo ma non abbracciano un campo grandangolare

Prismi

 

Il binocolo fa uso di prismi a tetto in vetro BAK-4 con trattamento definito “ad alta risoluzione e correzione di fase”. Per quanto riguarda la pupilla di uscita, come potete vedere  in queste foto, è risultata perfettamente circolare. La vignettatura ai bordi è letteralmente insignificante. Inoltre, un altro fattore che reputo di pregio in questa fascia di prezzo è l’ottimo contenimento della luce diffusa intorno alla pupilla di uscita, che è ottimale.

FIG.5 – Un primo piano sulla pupilla di uscita

Trattamento anti-riflesso

Il binocolo presenta un  nuovo trattamento multistrato antiriflesso di un piacevole colore verde-giallo sugli obiettivi, che risulta più virato verso il verde violaceo negli oculari. Ribadisco che la tonalità dei colori  mi è parsa neutra a volte virata verso il blu complice spesso il lieve cromatismo residuo che inganna la mia vista.

FIG.6 – Gli obiettivi da 42 mm di diametro con il nuovo trattamento anti-riflesso

 

ABERRAZIONI CROMATICHE E GEOMETRICHE

 

Aberrazione cromatica al centro del campo

Come parrebbe lecito, utilizzando un binocolo non definito “ED”, ci si dovrebbe aspettare una aberrazione cromatica elevata. Non è questo il caso del binocolo Pentax SD 9×42 WP.  Di fatto, nelle normali condizioni di illuminazione, come potrete vedere all’interno del video, analizzando ad esempio delle foglie degli alberi, non si nota praticamente aberrazione cromatica al centro. Tanto è vero che molte altre ditte, forse meno serie, avrebbero utilizzato senza particolari problemi la dicitura “ED”. Nella classica prova del gazebo bianco, si nota comunque un buon contenimento del cromatismo residuo anche sulla sfera metallica, mentre si inizia a percepire aberrazione cromatica verde-viola sulla struttura metallica di colore bianco. L’osservazione del bordo lunare o del profilo di lampioni di fronte alla mia abitazione mostra anche in questo caso un discreto contenimento. Tanto che, se dovessi dare un voto da 5 a 10, direi un buon 6+.

Cromatismo laterale

Per quanto riguarda il cromatismo laterale, anch’esso è sorprendentemente contenuto. Personalmente, ho iniziato a percepirlo verso il 60-70% dal centro del campo, mentre molti binocoli in tale fascia di prezzo mostrano un aumento della aberrazione cromatica laterale subito dopo il centro del campo.

 

Curvatura di campo

Utilizzo ormai nell’uso diurno come test di riferimento un gruppo di case situate a 1250 metri dalla mia abitazione. Porto al centro del campo il portone d’ingresso di una delle case e analizzo l’immagine ai bordi del campo. In questo caso, posso notare che l’immagine inizia a degradare verso il 75% dal centro del campo. Tuttavia i dettagli sono ancora ampiamente leggibili e basta ritoccare leggermente la messa a fuoco per verificare come il degrado ai bordi dipenda quasi totalmente dalla curvatura di campo.

Distorsione angolare

Ho percepito la distorsione a cuscinetto verso il 70% del centro del campo, con una percentuale di circa il 5-7%. Seppur, come sempre, vi confermo di non essere molto sensibile all’effetto “palla rotolante”, devo confermare che l’immagine con questo binocolo è decisamente piacevole.

Altre aberrazioni

Seppur non sia un binocolo specificatamente progettato per le osservazioni astronomiche, ho deciso come sempre di osservare il cielo notturno per verificare la presenza della coma e dell’astigmatismo ai bordi del campo. Ho notato che le stelle iniziano a perdere puntiformità verso il 75% dal centro del campo, al centro sono puntiformi e con un’aberrazione cromatica abbastanza contenuta che si palesa piu’ che altro osservando il bordo lunare dove si nota un lieve alone verde-giallo, violetto. Anche in questo caso i nove ingrandimenti generano una  corretta via di mezzo tra l’8X e i 10x , esibendo un fondo cielo discretamente scuro anche sotto cieli medio inquinati.

Test sulle stelle CM (campo massima nitidezza) CU (campo utilizzabile) CI (Campo inutilizzabile con stelle molto degradate
PENTAX SD 9×42 WP 70%  10% 20%

TEST CON USAF CHART A 35 METRI

 

Se nella osservazione pratica naturalistica si potrebbe anche non percepire la differenza tra un 8x e un 9x, devo confermare che l’analisi con la USAF CHART ha dimostrato che questo binocolo riesce a farmi percepire, come visibile nella immagine le righe  verticali e orizzontali del numero 2 che vedo sempre con un 10x.  Mi è parso che nove ingrandimenti siano  un buon compromesso tra stabilità  nella gestione a mano libera e  la percezione dei dettagli. Inoltre, ho verificato la presenza di aberrazione cromatica anche in asse, con  un lieve alone verde-giallo  e blu sui bordi neri delle righe e degli ovali della carta. 
Questa è sempre una prova molto selettiva per verificare il cromatismo residuo che raramente è ripetibile in natura a meno di metterlo in crisi nella osservazione dei rapaci in controluce.  In questa circostanza, si può  ovviamente notare che non possa fornire le prestazioni ottiche di un binocolo al top della gamma.

FIG. 7 – Il risultato del test con la USAF CHART

PROVA SUL CAMPO

Birdwatching

 

Da alcuni anni utilizzo nelle osservazioni del birdwatching binocoli dotati di un design a finestra centrale. Quindi, in questo caso, sono un po’ di parte perché apprezzo molto tali caratteristiche ergonomiche.  Personalmente sono in grado di inserire tre dita all’interno della finestra centrale e di operare con il dito indice sul rotore di messa a fuoco. La posizione del dito indice è leggermente inclinata ma non poi così scomoda nella pratica. Nell’osservazione dei volatili, ho apprezzato, nelle medie condizioni di illuminazione, la sua nitidezza e un buon contrasto tra soggetto e fondo cielo, anche se ovviamente non può raggiungere la qualità dei prodotti Pentax di fascia alta. Il cromatismo residuo si percepisce unicamente nell’osservazione dei rapaci in controluce, dove ad esempio, osservando le remiganti delle poiane in alcuni istanti si può percepire un lievissimo alone verde-violetto. Vi ricordo, ovviamente, che la percezione del cromatismo residuo è abbastanza soggettiva. Personalmente, ad esempio, riesco a vedere tutto il profilo di un codirosso senza cromatismo residuo, ma  sono in grado di percepirlo leggermente sui rami più illuminati e contrastati. La corsa della messa a fuoco è anche abbastanza breve, soprattutto se i soggetti da osservare sono a distanze superiori ai 10 metri. Anche in questo caso, l’ingrandimento 9x è  molto interessante in quanto consente di ottenere una  buona stabilità delle immagini pur fornendo un dettaglio interessante.

FIG.8 – Il Pentax SD 8×42 WP durante l’osservazione del Lago Maggiore e delle Alpi piemontesi

Osservazione del paesaggio

 

Non penso sia il suo campo di elezione, tuttavia, nove ingrandimenti e un design a finestra centrale consentono di percepire particolari interessanti del paesaggio. Anche in questo caso, ho apprezzato la percezione minima del cromatismo residuo. Un altro fattore da considerare è che il suo peso contenuto, consente di trasportarlo senza particolari problemi, risultando a volte simile a quello di alcuni binocoli dotati di ottiche da 30 mm di diametro.

 

Osservazione astronomica

Nella osservazione astronomica ho percepito un degrado della puntiformità stellare a partire da circa il 75% dal centro del campo, i bordi del binocolo sono inficiati da un po’ di coma e astigmatismo. Al centro le stelle appaiono nitide e contrastate e il fondo del cielo è abbastanza scuro anche sotto cieli medi inquinati. La presenza di cromatismo residuo si nota principalmente osservando il bordo lunare che palesa un lievissimo alone verde viola. 

Binocolo CM CS CI
Pentax SD 9×42 WP 70 10 20

 

PREGI E DIFETTI

Pregi:

  1. Robusto e impermeabilizzato
  2. Messa a fuoco impeccabile in questa fascia di prezzo
  3. Design a finestra centrale
  4. Leggero
  5. Ingrandimento 9X atipico ma interessante
  6. Messa a fuoco minima a un metro e ottanta
  7. Prismi di buona qualità
  8. Ottima garanzia

Difetti:

  1.  Non ha un campo di vista grandangolare
  2. Presenza di aberrazione cromatica nelle condizioni piu’ critiche
FIG. 9 – Apprezzo particolarmente i binocoli dotati di finestra centrale, questo, poi, è molto leggero

IN SINTESI

 

Ritengo che anche questa volta Pentax sia riuscita a creare un prodotto decisamente interessante. Seppur non raggiunga il contenimento dell’aberrazione cromatica dei più recenti binocoli definiti ED, fornisce delle caratteristiche molto interessanti, come un buona costruzione meccanica (messa a fuoco, impermeabilizzazione), possiede prismi di buona qualità,  una pregevole leggerezza, un design a finestra centrale e un ingrandimento che rappresenta il giusto compromesso tra un binocolo 8x e un binocolo 10x. Personalmente, ritengo che il suo settore di utilizzo principale sia l’osservazione naturalistica, come il birdwatching e l’attività venatoria non crepuscolare.

 

PREZZO E DISPONIBILITA’

E’ possibile acquistare questo binocolo sul sito ufficiale di FOWA a un prezzo di  449.99 euro .

Questo prezzo include una garanzia standard di due anni, ma è possibile estenderla gratuitamente a 4 anni per godere di assistenza nel laboratorio ottico specializzato presso Fowa  che si occupa di ogni riparazione sui prodotti Pentax Sport Optics.

RINGRAZIAMENTI


Ringrazio Alessandro Pistone, il marketing manager di Fowa , per aver fornito l’esemplare oggetto di questo test e per aver permesso di condividere le tue impressioni personali.

 

DISCLAIMER

Binomania non è un negozio, Nel mio sito web troverete unicamente recensioni di prodotti ottico sportivi, fotografici e astronomici.  Le mie impressioni sono imparziali come è dovere di ogni giornalista e non ho alcuna percentuale di vendita sull’eventuale acquisto dei prodotti. Per questo motivo, qualora voleste acquistare o avere informazioni su eventuali variazioni di prezzo o novità, vi consiglio di visitare il sito ufficiale  di Fowa.