Intervista a Michele Adinolfi, della Adinolfi SRL….non solo Docter

Share Button

Questa settimana ho deciso di intervistare Michele Adinolfi, della Adinolfi SRL, distributore di vari brand del settore ottico sportivo, fra cui Noblex (Docter), Pulsar e Yukon.

Michele oltre a essere un abile manager è anche un grande appassionato, ha messo, spesso e volentieri, a disposizione innumerevoli binocoli per consentirmi di organizzare gli eventi di Binomania, come ad esempio  i  “DOCTER DAYS” organizzati nel 2014.

1. Ciao Michele! Benvenuto su Binomania. Puoi dirci quando è nata
Adinolfi SRL?

Ciao Piergiovanni e buongiorno ai lettori di Binomania;l’azienda venne fondata da papà, Ermanno Adinolfi – l’attuale presidente, e mamma Paola nel1966 ed inizialmente distribuiva prodotti per la caccia, la pesca e lo
sport; negli anni, mio fratello Lorenzo ed io, ci siamo sempre più concentrati per seguire il settore caccia,
tiro e per quelle attività outdoor che impiegano attrezzature compatibili: come i visori notturni Pulsar e Yukon e le mitiche ottiche Docter.

2. Vi siete occupati di ottiche sportive sin dall’inizio?

La famiglia delle ottiche è apparsa nel nostro assortimento negli anni settanta con i primi cannocchiali e binocoli di fascia intermedia, attualmente conosciuti con il marchio Blauoptik, e con la giapponese
Hakko, successivamente Steiner ci selezionò dalla Germania per affidarci la distribuzione in Italia che poi, con l’acquisizione di Steiner da parte di Beretta, venne ovviamente gestita direttamente dalla multinazionale. Da questa esperienza maturò la necessità di distribuire un prodotto nella
fascia alta di mercato, per quegli appassionati che riconoscono nei produttori mitteleuropei e tedeschi, come Docter, i leader mondiali di ottiche per l’osservazione e per l’attività venatoria.

3) Quando avete iniziato a distribuire il marchio Docter?

La collaborazione con Docter risale al 2010, anno nel quale abbiamo dato particolare rilievo alla disponibilità dell’Aspectem, binocolo da osservazione che, anche secondo il parere degli occhi più raffinati, ha prestazioni straordinarie.
Naturalmente la distribuzione si è concentrata anche sui binocoli, cannocchiali e gli storici Docter Sight, mirini olografici ideali per la battuta che Docter iniziò a produrre per prima in Europa e per i quali ancora adesso è leader.

4. Attualmente quali marche trattate e qual è il vostro settore commerciale preponderante?

Il nostro lavoro si sviluppa principalmente attorno alla caccia ed al tiro e si concretizza in: BSA Guns, storica azienda di Birmingham fondata nel 1861 che produce carabine PCP, Gamo, azienda spagnola la cui qualità di produzione di carabine ad aria compressa e pistole a CO2 hanno fama mondiale, GSG German Sport Guns specializzata nel calibro .22 LR, la giapponese Howa per le carabine bolt action e Barnett balestre; queste sono le esclusive per le quali siamo riconosciuti da mezzo secolo presso le migliori armerie in tutta la penisola.
Nelle ottiche l’assortimento prevede come entry-level Blauoptik, marchio conosciuto nella caccia e tiro per la convenienza ed una sorprendente affidabilità; mi riferisco ad un assortimento di cannocchiali,
progettati per le carabine ad aria compressa e per il field target, che trovano anche riscontro positivo dall’ambito venatorio fino al tiro a lunga distanza.
La nostra azienda, distribuendo Gamo, offre anche un assortimento di cannocchiali per le carabine ad aria compressa e binocoli per l’outdoor a marchio Gamo, mentre nell’assortimento Bsa Optics abbiamo appena presentato una linea di cannocchiali per caccia ed il tiro le cui lenti, di produzione giapponese, ne esaltano le caratteristiche di nitidezza mentre la meccanica cinese permette di offrire strumenti affidabili e con un
eccellente rapporto qualità/prezzo. Anche Binomania ha da poco recensito positivamente il binocolo BSA 10×42 HD.

Per il top di gamma ci distinguiamo con Docter che devo imparare a chiamare Noblex, l’azienda infatti è stata acquistata recentemente dal gruppo tedesco Noblex che dà ora il nome ai prodotti, ma senza rinunciare a marchiarli con l’inconfondibile gufetto stilizzato.
Parlando di futuro che è già presente, Pulsar e Yukon fanno la parte del
leone con la tecnologia per la visione notturna digitale che permette osservazioni di buon livello anche a 200 metri e la visione termica con cui Pulsar permette di monitorare fino a 1800 metri! direi che “stupiamo con effetti speciali”.

Una facciata dell'ampio magazzino..

Una facciata dell’ampio magazzino..

5) Utilizzi un binocolo o uno spotting scope nel tuo tempo libero?

Certo, in macchina ho sempre un compatto Docter e quando, visito città d’arte con la mia famiglia, lo sfodero con orgoglio. Un 8×21 vintage…

6) Puoi dirci qual è il prodotto che distribuite e vendete di più?

Considerando che Gamo e Bsa appartengono allo stesso gruppo dinamico e in costante evoluzione, per noi rappresentano il riferimento di maggior rilievo.
In particolare Gamo è un’azienda il cui sito produttivo di Barcellona, anche se produce unicamente carabine e pistole ad aria compressa, rappresenta un’eccellenza nel settore armiero.

7) I lettori di Binomania conoscono a menadito le prestazioni dei binocoli Docter, ma se dovessi consigliare ai neofiti un binocolo economico ma contraddistinto da una buona qualità, quale suggeriresti?

Solaris, questa è una soluzione interessante: Yukon ha infatti realizzato una serie di binocoli prodotti in Bielorussia con caratteristiche di buon livello ed un prezzo accessibile: sembra cucito su
misura per il neofita.
E’ importante ricordare che Yukon, prima di specializzarsi nella produzione di visori notturni con la tecnologia analogia e successivamente la tecnologia digitale, iniziò la sua avventura
aziendale con i binocoli diurni, e a tale proposito caro Piergiovanni faccio uno scoop, perché i primi monocoli Yukon costruiti negli anni ottanta avevano il corpo in legno! Quando ne vidi il cimelio presso la sede Yukon in Bielorussia, non ci potevo credere; un vero gioiello.

8) Puoi dirci se ci saranno delle novità nel settore ottico- sportivo?

Gli scoop continuano: il capo progetto Docter, ora Noblex, sta terminando una nuova gamma di ottiche Made in Japan ma progettate a Jena in Germania; Bsa Optics consoliderà ed arricchirà la gamma con le lenti giapponesi; Yukon è pronta per potenziare la linea di cannocchiali e monocoli digitali con sensori e display sempre più definiti, mentre Pulsar, che vive nel futuro, sta sviluppando cannocchiali e binocoli con telemetro incorporato.
Piergiovanni, penso che questo settore sia sempre in fermento, perché stimolato dagli appassionati dell’osservazione, della caccia, del tiro e della sicurezza per cui abbiamo di fronte infinite novità.

… e grazie per la bella idea di intervistare gli operatori del settore.

Grazie a te per il tempo speso. Ricordo ai lettori che possono visitare i vostri siti web e pagina Facebook
www.adinolfi.com
www.adinolfifulpa.it
https://www.facebook.com/pulsaryukonitalia/

 

 

Written by

Piergiovanni Salimbeni: Lavora in qualità di Opinion leader nel settore ottico sportivo da quindici anni. E' l'autore e fondatore di Binomania.

You may also like...