Recensione del binocolo Noblex Vector 8×42

Docter è un nome molto noto tra gli appassionati di binocoli e ottiche da mira.
Chi fra voi partecipò all’IWA Outdoor Classic 2018, si ricorderà che tutti i prodotti Docter furono presentati con il nuovo brand “Noblex”.Ricordo ancora la mia sorpresa, quando ricevetti, ad esempio il mio esemplare di oculare astronomico, marchiato ancora Docter ma dentro una scatola “Noblex”.
Prima di parlare del nuovo binocolo Noblex, penso sia utile, fare una breve sintesi storica.

Alcuni di questi strumenti ottici, infatti, sono i diretti eredi della produzione Carl Zeiss Jena. Nel 1952, una parte della società si trasferì a Eisfeld nell’allora Germania dell’Est. In un primo tempo la nuova azienda si dedicò alla produzione di componenti di pre-assembalggio per gli stabilimenti Zeiss Jena.
Nel corso degli anni, però, divenne una delle migliori produttrici di prodotti ottici e industriali di precisione.
Una parte della società si era, inoltre, specializzata nella produzione di ottiche militari per la RDT (Repubblica Democratica Tedesca). Ricorderete, infatti, i mitici binocoli con prismi a tetto della serie NVA: il DF 7×40 e l’EDF 7×40.

Nel 1991 con la riunificazione tedesca l’impianto della Jenoptik Carl Zeiss Jena GMBH fu rilevato da Herr Bernhard Docter. La società si trasformò quindi in Docter Optic Eisfeld Gmbh continuando a proporre binocoli, cannocchiali da tiro e da osservazione, lenti d’ingrandimento e altro ancora.
Purtroppo dichiarò bancarotta nel novembre del 1995.
Parte della sua attività (circa quaranta dipendenti su cinquecentocinquanta) fu acquisita dall’Analytik Jena GmbH, con cui Docter era  in buoni rapporti collaborativi e commerciali.
La mossa si rilevò azzeccata, tanto che un anno dopo, i profitti erano aumentati moltissimo. Nel 2006 la nuova azienda festeggiò l’assunzione del centesimo dipendente.

Il nuovo binocolo Noblex 8×42 con la sua custodia in dotazione



Nel maggio del 2016, Docter Optics è stata rilevata dalla Noblex GmbH, che è una filiale dell’holding di Francoforte VF Capital GmbH che ha iniziato un processo di “re-branding” mantenendo alcuni prodotti di successo, bloccando la produzione di altri e proponendo nuovi strumenti ottici.

Quando mi arrivò in prova il Noblex 8×42 ED, pensai si trattasse della mera copia del Docter ED 8×42 cui era stato modificato il piccolo logo sullo scafo ottico.

In realtà, il nuovo “42 mm” proposto da Noblex è un binocolo completamente nuovo e dotato di un prezzo di vendita decisamente aggressivo pari a 269 euro (Adinolfi Iva inclusa)

Caratteristiche tecniche dichiarate dalla Casa Madre

Colore Nero
Ingrandimento 8 x
Diametro delle lenti 42 mm
Estrazione pupillare dichiarata 19.5 mm
campo di vista lineare 115 m at 1000 m
Fattore Crepuscolare 18.3
Minima distanza di messa a fuoco 2 metri
Peso 670 g
Prezzo (ADINOLFI, Aprile 2019) 269 EURO IVA INCLUSA

 

Il binocolo adotta un design “Open Bridge” anche definito “finestra centrale”, è dotato di due ponti per il collegamento con i due tubi ottici. Il ponte principale che io definisco “di comando”  è abbastanza ampio e include la rotella per la messa a fuoco con la compensazione diottrica integrata.

Scafo ottico a finestra centrale

Presumo che lo scafo ottico sia composto con policarbonato, è leggero, infatti, la mia bilancia ha stimato un peso pari a 659 grammi.
La livrea della gommatura che protegge lo scafo è nera, spicca soltanto il marchio “NOBLEX” sul tubo ottico di sinistra.

I paraluce di gomma sono ruotabili e non è possibile toglierli totalmente per consentire la pulizia della lente di campo degli oculari. Il loro diametro è pari a 23 mm, mentre l’estrazione pupillare che ho misurato è di 15 mm, forse anche qualcosa di più dato che scostando pochissimo il volto riesco a inquadrare anche tutto il campo di vista. La minima distanza interpupillare è pari a 59 mm. Da questa distanza gli oculari sono separati da circa 20 mm di spazio.

Un primo piano sul “logo del Gufo” amato da molti appassionati in tutto il mondo

La messa a fuoco è interna, la manopola di messa  a fuoco non eccelle in fluidità, ma non ci sono giochi o impuntamenti. L’esemplare che ho testato ha dimostrato di possedere un meccanismo di focalizzazione alquanto in linea con la concorrenza e anche con binocoli dal costo di poco superiore. Mette a fuoco da poco più di due metri e impiega solo un giro di manopola per raggiungere l’infinito. La rotazione avviene in senso anti-orario. Anche la corsa da sei, sette metri è molto rapida per raggiungere soggetti distanti. Questa è una buona performance, adatta anche ai birdwatchers.

Il binocolo è ovviamente impermeabilizzato e riempito in azoto.

 

Obiettivi

Noblex non dichiara che tipo di lenti utilizzi per il suo nuovo 8×42, posso solo confermare che il binocolo presenta una tonalità un po’ calda e una buona nitidezza al centro del campo.

Oculari

Com’era ovvio aspettarsi in tale fascia di prezzo, gli oculari non sono grandangolari: 115 m a 1000, quasi 6.5° di campo, che con la classica formula (Campo apparente= Campo reale x gli ingrandimenti) sono solo 52° di campo, ben al di sotto della definizione di “binocolo grandangolare”.

il binocolo è impermeabilizzato per consentire l’utilizzo sotto la pioggia

 

Trattamenti

Questo binocolo è ottimizzato con i trattamenti Docter che da anni sono un sinonimo di qualità. Comparando il contenimento dei riflessi a un TOP DI GAMMA, si nota un’inferiore qualità, ma non come la differenza di prezzo lascerebbe presagire. Tiene testa- senza molti problemi- anche a binocoli dal prezzo pari al doppio.

 

Aberrazioni

La trasmissione luminosa non è pari a quella di un Top di Gamma, ma si utilizza anche al crepuscolo senza particolari problemi

Aberrazione cromatica

Il Noblex 8×42 mostra un ottimo contenimento dell’aberrazione cromatica in asse. Ai bordi del campo si percepisce un po’ di cromatismo laterale (frange viola e verdi) che è abbastanza comune anche in binocoli molto più costosi. Anche nelle giornate nuvolose, osservando dei rami controluce si possono apprezzare delle immagini prive di aloni spuri, intorno alle sagome dei soggetti/oggetti più luminosi. Penso che potrebbe essere definito senza problemi un binocolo ED o come la moda attuale prevede: dotato di ottiche HD.

Curvatura di campo

Non è un binocolo con campo piatto. Le immagini degradano ai bordi da circa l’80% del campo. Di giorno si riesce a compensare abbastanza bene quest’aberrazione geometrica, mentre di notte le stelline ai bordi del campo, sono inficiate sia dalla curvatura sia dalla coma.

Distorsione
Quell’angolare è presente, a cuscinetto, da circa l’80% del campo di vista, circa il 5%.
Non ho notato distorsione d’ingrandimento.

Il Noblex Vector durante una uscita fra i boschi delle Prealpi lombarde

Utilizzo pratico

Dopo la sorpresa del prezzo d’acquisto, che espressi con un :”Wow, un binocolo con “gufetto”  a meno di trecento euro, mi sono dato un certo contegno e ho tentato di recensire il Noblex 8×42  in modo imparziale.
Di questo strumento ottico ho apprezzato non solo il prezzo di acquisto ma anche il design “Open Bridge” e la sua leggerezza. L’estrazione pupillare è buona, così come la nitidezza. Il contrasto in asse è soddisfacente rispetto al suo prezzo di acquisto. I colori sono caldi e vibranti. Alla fine dei conti le uniche caratteristiche che non ho particolarmente apprezzato sono il campo di vista non grandangolare e la messa a fuoco non molto fluida (che però potrebbe migliorare dopo qualche ora di utilizzo, grazie alla distribuzione del grasso sui componenti meccanici).
 Di solito in tale fascia di prezzo ci sono due opzioni: mantenere una buona correzione delle aberrazioni geometriche, utilizzando oculari con campo di vista inferiore ai 60°, oppure, osare, è produrre un binocolo con un campo superiore, ma che presenta quasi sempre  degli evidenti compromessi.
Il Noblex Vector 8×42, in questo caso, ha il pregio di essere un prodotto sobrio. I progettisti non hanno voluto strafare cercando di porsi al Top rispetto alla concorrenza, invece, hanno concepito un prodotto interessante, in una fascia di prezzo molto combattiva ma che attirerà senz’altro molti appassionati.
Da quelli desiderosi di possedere un binocolo “con il logo del GUFO”, a quelli che vorrebbero acquistare un prodotto valido, con un prezzo inferiore ai trecentocinquanta euro, che possa essere soddisfacente nella maggior parte dei settori di utilizzo: caccia, birdwatching, osservazione naturalistica generica.

Un buon acquisto per il cacciatore che vuole investire poco piu’ di 250 euro. Anche i birwatchers trarranno soddisfazione, grazie alla messa a fuoco con una corsa rapida

 Pregi

  • Prezzo di acquisto
  • Design Open Bridge
  • Nitidezza e contrasto al centro del campo migliori di molti prodotti in questa fascia di prezzo
  • Buon contenimento dell’aberrazione cromatica

 

Difetti

  • Campo di vista non grandangolare
  • Messa a fuoco poco fluida

Ben visibile il nuovo brand “NOBLEX”

In sintesi

Il Noblex Vector 8×42 si è dimostrato un buon binocolo nella sua fascia di prezzo, anzi, avrebbe potuto reggere anche un altro passo, nella scalata verso i TOP DI GAMMA. Ha molti pregi, ma anche qualche piccolo difetto, com’è normale aspettarsi nel campo dell’ottica dove vigono i compromessi. E’ adatto anche a un pubblico esigente che richiede un binocolo robusto e impermeabile e che pur non possedendo un campo di vista e una trasmissione luminosa paragonabile a un binocolo di fascia Alpha, si fa forte di un ottimo contenimento dell’aberrazione cromatica al centro del campo e di un contrasto pregevole.

Ringraziamenti

Ringrazio come il solito Michele Adinolfi di www.adinolfi.com, rivenditore ufficiale dei prodotti Noblex per l’Italia.

Ti è piaciuto quest’articolo? 

Binomania consente a tutti gli appassionati di leggere gratuitamente decine di recensioni di prodotti  ottico-sportivi, per questo motivo, se apprezzi il nostro lavoro, potresti  sostenerci Binomania offrendoci un cappuccino attraverso Paypal. In questo modo contribuirai anche tu a mantenere vivo il nostro progetto.
Ti ringraziamo anticipatamente!

Offrici un cappuccino! 

 

Disclaimer. 
Questa recensione è stata pubblicata nel mese di Aprile dell’anno 2019- Si specifica che le impressioni d’uso sono totalmente personali e date dai tester di Binomania in completa libertà, senza vincolo e rapporto commerciale alcuno e sulla base di esperienza comprovata nell’utilizzo di tali strumenti ottici. Per eventuali informazioni, aggiornamenti e/o variazioni sui prezzi, sulle caratteristiche dello strumento, su i punti vendita autorizzati o altre informazioni in genere, si prega di prendere contatto direttamente  con Adinolfi

 

 

Piergiovanni Salimbeni Piergiovanni Salimbeni (532 Posts)

Piergiovanni Salimbeni: Lavora in qualità di Opinion leader nel settore ottico sportivo da quindici anni. E' l'autore e fondatore di Binomania.


Piergiovanni Salimbeni

Written by

Piergiovanni Salimbeni: Lavora in qualità di Opinion leader nel settore ottico sportivo da quindici anni. E' l'autore e fondatore di Binomania.

You may also like...