L’arte di praticare birdwatching senza filtri: intervista all’ornitologo spagnolo Josè Luis Copete

SOSTIENI IL MIO LAVORO DA GIORNALISTA INDIPENDENTE Contribuendo e diventando un sostenitore di BINOMANIA.it, mi aiuterai a mantenere gratuiti tutti i contenuti. Scegli la tua donazione. Grazie anticipatamente




L’ornitologo spagnolo José Luis Copete  è noto tra gli addetti ai lavori per le sue ricerche sul gufo del deserto e la descrizione delle abitudini dell’allocco del deserto avvenuta cinque anni fa. Al giorno d’oggi, i birdwatchers dei paesi di lingua spagnola apprezzano principalmente i suoi podcast sulle scoperte scientifiche riguardanti il mondo degli uccelli. In questa intervista ci parla dei dialetti regionali degli uccelli, di ciò che distingue i birdwatchers finlandesi da quelli spagnoli e dei suoi avvistamenti a Barcellona nel periodo del lock-down. Nonostante lavori da molti anni come editor fotografico, è convinto che si possa praticare il birdwatching con gioia solo osservando. Ci rivela, inoltre, i suoi luoghi preferiti per il birdwatching in Spagna.

Josè Luis Copete

Ci racconti qualcosa su di te e sul Team Reservoir Birds?

 Tutto è iniziato quando Stefan Riedl, che gestisce Excopesa, il distributore di Zeiss in Spagna, ha chiesto alcuni anni fa a Francesc Kirchner  –  un organizzatore del Delta Birding Festival in Catalogna –  [n.d.r.] di trovare un birder in Spagna che avesse una buona reputazione per diventare Ambassador di Zeiss nel settore del birdwatching.

Per questo motivo Francesc mi ha contattato. Io ho suggerito successivamente di includere nella squadra anche Ferran López e Dani López-Velasco. Ferran lavora al monitoraggio degli uccelli nelle riserve del delta del Llobregat da piu’ di 20 anni ed è il birder spagnolo con la piu’ ampia lista di specie WP – western paleartic – paleartico occidentale – [n.d.r.]
Dani è molto conosciuto a livello internazionale per il suo ruolo di guida per la Birdquest, / viaggiando in tutto il mondo. All’atto pratico siamo tre birdwatcher “rispettati” qui in Spagna – e supponiamo che sia anche così fuori dalla nostra nazione – e, cosa più importante, siamo molto conosciuti all’interno della comunità spagnola, perché abbiamo incontrato la maggior parte dei birdwatchers in ogni angolo della nazione.

Foto: cortesia Josè Luis Copete

Quando hai iniziato con il birdwatching e qual è stato il motivo?

Ho iniziato a praticare birdwatching nel 1981, quando avevo dodici anni. In realtà il mio primo interesse sono stati i rettili: le lucertole e i serpenti. Quando ero bambino trascorrevo innumerevoli ore a spostare le pietre per catturarli. La mia prima guida che ho utilizzato è stata quella sui retti di Europra di  Arnold & Ovenden.

 

Tuttavia un giorno un conoscente di mia madre mi fece visitare una ‘masia’ – il nome catalano della fattoria – [n.d.r.]  a Tiana, un paese non lontano da Badalona, ​​vicino a Barcellona, ​​nella Serra de Marina, dove stava andando a fare un tour di birdwatching. Mi sembrava fantascienza. Non avevo idea di cosa fosse questa attività. Anche quel ragazzo aveva dodici anni, ed era andato lì con dei ragazzi più grandi che stavano addestrando alcuni giovanissimi birdwatchers.
Il primo giorno, andai alle reti per liberare gli uccelli intrappolati, e li guardai tra le mie mani, mentre mettevo gli anelli e leggevo la guida degli uccelli di Peterson.

 

Mi sono subito appassionato! Convinsi i miei genitori ad acquistare la mia prima guida per uccelli in quell’anno e trascorsi quante più ore possibile a Tiana. Quindi, in realtà ho iniziato la mia avventura come inanellatore e non come birder. Il fatto è che nei miei primissimi anni non potevo ancora comprendere alcune affermazioni dei birdwatchers che venivano alla stazione di inanellamento di Tiana, riguardanti ad esempio la difficoltà di guardare il beccafico in migrazione, quando la mia esperienza mi confermava che era così facile inanellare la specie a settembre mettendo una rete accanto a un fico. Fu durante il 1983 che scoprii più propriamente cosa significasse essere un birder, cominciando a trascorrere del tempo solo a guardare gli uccelli. Ad essere onesto, devo ammettere che la mia prima passione era imparare a conoscere gli uccelli direttamente tra le mie mani, e in secondo luogo i loro canti. Fin dall’inizio mi interessava molto identificare le loro voci, era un giusto motivo per osservare gli uccelli nella foresta di Tiana, per confermare che il canto / richiamo apparteneva alla specie che stavo supponendo. Quelli piu’ comuni erano facili da distinguere. Tuttavia con l’arrivo degli uccelli migratori in primavera e in autunno sentivo più canti, e guardare gli uccelli per confermare ogni suono era il motivo principale del mio interesse nel guardarli. A quel tempo non c’era internet, nessuno archivio digitale con i canti: dovevi impararli direttamente sul campo! Questo, secondo me è stato un ottimo modo per interessarsi agli uccelli. Più tardi, quando ho avuto più amici nel campo del birdwatching, ho combinato entrambe le attività e ho iniziato a essere più interessato a osservare gli uccelli per puro piacere. Per questo motivo, avevo bisogno di imparare i canti sul campo!

Josè…sul campo

Quali sono state le tue esperienze personali di birdwatching durante la pandemia causata dal Covid – 19?

È stato abbastanza difficile, dato che il mio appartamento nella città di Barcellona non offre delle occasioni speciali. Ho mantenuto un elenco delle specie rilevate dal mio balcone durante il rigoroso confinamento di marzo / aprile, arrivando solo a 38. Tuttavia devo dire che ho visto alcune specie interessanti come il falco pellegrino o il tordo blu, e di notte mentre era a letto, ho percepito il richiamo dei fenicotteri e delle oche selvatiche che sorvolavano la città. L’assenza di automobili e il rumore di notte hanno aiutato a rilevare questi stormi nel cuore della notte. A parte queste esperienze durante la stretta reclusione, la pandemia ha interrotto tutti i miei piani di viaggio nel 2020. Ad agosto avrei dovuto essere in Colombia, tuttavia quel viaggio è stato annullato. Quindi, quando abbiamo avuto l’opportunità di uscire grazie ai vari livelli di lock-down che avevamo in Spagna, mi sono concentrato maggiormente sul birdwatching locale.

Hai testato il nuovo binocolo ZEISS SF32 durante il Global Bird Weekend. Quali erano le tue caratteristiche preferite del prodotto e cosa lo rende speciale per te?

Sono varie le caratteristiche principali del nuovo ZEISS SF 32 che mi hanno colpito: E’ così leggero che lo puoi tenere con una mano  senza troppi sforzi ed è molto nitido e luminoso. Sapevo prima di provarlo che era soltanto un 32 mm, tuttavia sono rimasto davvero impressionato dal livello di luce nonostante un centimetro in meno di larghezza rispetto alle normali obiettivi da 42 mm che sono abituato a portare con me sul campo. Lo Zeiss Victory SF32 che possiedo è così leggero e nitido che non ho intenzione di cambiarlo! E davvero spettacolare, sbalorditivo… il miglior binocolo che abbia mai provato. 

Ti interessa anche la fotografia naturalistica. Puoi dirci qualcosa di più su dove si trova il tuo obiettivo e quali sarebbero i consigli che daresti ai principianti della fotografia naturalistica?

Prima osservare..poi fotografare!

Beh, devo dire che consiglierei ai principianti di esercitarsi a identificare gli uccelli piuttosto che scattare fotografie tutto il tempo (cosa che alla fine però non è male). Al giorno d’oggi c’è la moda di guardare gli uccelli attraverso le fotocamere, soprattutto da quando i modelli mirrorless sono accessibili a prezzi ragionevoli per molte persone e non  sono così pesanti. Tuttavia ho visto nelle escursioni e nei viaggi che organizziamo per la nostra compagnia Icaro Birding Experience,  http://www.birdingicaro.com/es/  che molti ragazzi  tra i più giovani scattano solo fotografie per  poi cercare di guardare l’immagine visualizzata sullo schermo. Il più delle volte non stanno guardando l’uccello ma cercano di ottenere un’immagine per ingrandire lo schermo. Non è il modo migliore per conoscere gli uccelli. Il mio consiglio sarebbe quello di osservare gli uccelli con dei buoni strumenti ottici, cercando di concentrarsi sui loro comportamenti, i loro movimenti, come si alimentano etc., etc… e di provare a imparare tutti canti che possono ascoltare. Più tardi, quando avranno acquisito più esperienza, potranno iniziare a fotografare.

Qual è il tuo motivo più eccitante della fotografia di mammiferi (quale mammifero)?

È facile rispondere. Il mammifero che piu’ volevo ammirare in Natura era il Leopardo delle nevi. Per due motivi principali: perché è così difficile da trovare e perché vive in aree remote, normalmente su terreni accidentati, il che aggiunge una componente di mistico alla sua figura. Quindi, quando l’ho visto per la prima volta nel Ladakh, era il 2015, insieme a uno dei membri del nostro team (Dani) è stato uno dei miei migliori momenti vissuti… sul campo.

Ho lavorato come editore fotografico per il “Manuale dei mammiferi del mondo”, dove ho dovuto controllare più di 350.000 immagini di mammiferi. Quindi, dopo dieci anni di controllo e selezione delle immagini di mammiferi (per non parlare di quante ne ho dovuto fare per lo stesso ruolo sull’HBW -Handbook of the Birds of the World – [n.d.r.], posso dire di aver acquisito un po’ ‘di esperienza per comprende quali mammiferi fossero stati fotografati con maestria. Le immagini del leopardo delle nevi sono migliorate molto negli ultimi cinque anni, dopo che sono state organizzate alcune spedizioni fotografiche per questa specie. Per fortuna abbiamo fatto il nostro viaggio lontano dalla folla, in un luogo dove non c’era gente e dove siamo rimasti soli per dieci giorni, senza altri fotografi o turisti. È stata un’esperienza molto bella: trascorrere giornate in montagna cercando di scoprire da soli il leopardo delle nevi sulle creste.

 

Quale sarebbe secondo te una località consigliata per praticare birdwatching in Spagna e quali uccelli si potrebbero vedere?

È difficile menzionare solo un luogo. Vorrei citare alcuni posti molto diversi che sono in cima alla lista di quelli che consiglierei agli stranieri che vengono in Spagna. Uno è l’area steppica vicino a Belchite, perfetta in primavera, quando è possibile osservare stormi di Pteroclidi , ascoltare l’allodola, la calandra, Calandra, la calandrina e la calandrella e i loro stupendi cori all’alba.E’possibile anche vedere l’occhione comune e ammirare alcuni rapaci come l’aquila reale o il nibbio bruno. Ci sono, inoltre, tanti uccelli migratori e tanti migranti, passeriformi, culbianchi, monachelle e altro ancora. Un altro posto che mi sento di consigliare per praticare il birdwatching è l’Estaca de Bares in autunno abbinato a un po’ di seawatching in barca (è il punto più settentrionale della Spagna e della penisola iberica, a una latitudine di 43 ° 47 ′ 38 ″ a nord. Si trova in Galizia. Convenzionalmente, segna l’estremità occidentale del Mar Cantabrico, o Golfo di Biscaglia, nell’oceano Atlantico settentrionale – fonte Wilkipedia).

 Sarebbe ottimale trascorrere laggiù alcuni giorni  a settembre / ottobre perché quella zona concede le piu’ impressionanti osservazioni dei migratori in Europa, con migliaia di berte, sterne, e molti altri uccelli marini, spesso vicinissimi e con una vista panoramica sul mare che non ha eguali. Infine, poiché è uno dei posti in cui soggiorno regolarmente, consiglierei anche il delta dell’Ebro, soprattutto nei mesi di aprile / maggio.  In questo luogo è possibile ammirare trampolieri, anatre, gabbiani, sterne, passeriformi che si riproducono nei canneti e nelle zone umide.  Ci sono uccelli marini e sulle onde migratorie, uccelli ovunque e ovviamente anche rarità sempre possibili da avvistare in ogni momento.

Foto: cortesia Josè Luis Copete

Hai viaggiato molto negli ultimi anni. Hai riconosciuto dei dialetti “regionali” degli uccelli e riesci a riconoscere gli uccelli locali grazie ai loro canti?

Molte volte è difficile sapere quando si trova il confine tra variazione individuale e dialetto. Tuttavia in alcune specie questo non è particolarmente difficile, come accade con l’ortonalo. Ho trascorso diversi anni a lavorare a un progetto di ricerca su questa specie, nella contea di La Segarra, in Catalogna, dal 2013 al 2018. Il dialetto locale della specie è diverso da quello che si può ascoltare nell’Europa centrale e settentrionale. Non solo: quando con i nostri uccelli locali si tenta di utilizzare la riproduzione con le registrazioni dell’Europa centrale, la loro reazione non è propriamente diretta. Questi canti sono molto diversi rispetto alla riproduzione del canto che abbiamo registrato tra gli uccelli che nidificano nella zona. Quando si usa la riproduzione degli uccelli locali: la reazione è diretta, molto aggressiva, perché identificano i canti registrati come dei veri concorrenti. Non è lo stesso quando, invece, ascoltano il canto dell’ortolano registrato in Germania.

Hai riconosciuto differenze tra gli ornitologi di altri paesi?

Quello che ho visto è più legato alle differenze sociali e culturali. La gente in Spagna è piuttosto eterogenea, poiché corrisponde a una società con lingue, stili di vita, culture e tradizioni diverse. Tuttavia, ho notato che i birders in Finlandia, che considero la migliore comunità di birders al mondo, sono abbastanza simili nel modo con cui vanno sul campo. Molti tra loro usano il finstick, –bastone in legno con all’estremità due rami biforcati che fungono da appoggio per il binocolo – [n.d.r.]  stivali di gomma, abbigliamento simile, etc.,etc. hanno una buona scuola di birdwatching ed è normale incontrare persone di cui  magari non si conosce il nome, ma che sono molto brave sul campo. È abbastanza diverso in Spagna, dove ci sono molti diversi livelli di birdwatching, diverse competenze, poiché non è la stessa cosa osservare in Galizia, l’angolo nord-ovest dove piove molto, o fare pratica in Andalusia dove è abbastanza caldo grazie al paesaggio più mediterraneo. Noi spagnoli siamo anche persone molto piu’ rumorose, gli uccellini spagnoli cantano molto quando sono rilassati. Lontano dalla Spagna ho scoperto invece che le persone, tacciono, durante le osservazioni. È qualcosa di facile da rilevare.

 

Quando pensi alla conservazione della natura, su quali specie hai personalmente in mente di concentrarti?

Piuttosto che una specie in particolare, penso più a una comunità di specie legate a un ambiente determinato: gli uccelli che si riproducono nei campi agricoli. Molte specie dipendono da questo habitat e molte di loro hanno subito forti cali. Specie come l’ortolano, il porta-bandiera del recente atlante europeo degli uccelli nidificanti, ne è un buon esempio, poiché ha subito una forte contrazione dell’areale. Anche a causa dell’intensificazione dell’agricoltura, che sta rimuovendo con sempre maggior vigore, le sterpaglie tra i campi, le piantine ai confini e i campi incolti …
Ho cominciato ad avere un’età che mi consente di ricordare quando alcune specie erano molto comuni tra i campi coltivati, ma oggi non lo sono più come una volta, come è accaduto con la quaglia.  Questa costatazione si applica anche alle specie steppiche che si riproducono nei campi di cereali aperti, come la calandra, la gallina prataiola, l’occhione comune, come molti ciconiformi. È di urgenza primaria, invertire questa tendenza.

Raccontaci di più sui podcast e qual è la tua motivazione personale a investire del tempo in questo progetto?

Abbiamo fondato La Radio del Somormujo ( https://laradiodelsomormujo.com/ ) nel 2018. Qui in Spagna non c’erano altri podcast sugli uccelli, dedicati agli ornitologi e agli amanti della natura. Quindi, c’era spazio per provare quel progetto. Abbiamo scoperto che la nostra iniziativa è stata accolta molto bene. E la comunità dei somormujers è cresciuta velocemente!! Penso che sia molto importante diffondere le scoperte scientifiche alle persone interessate agli uccelli seppur dilettanti. Molti di loro non sono a conoscenza di ciò che è stato scoperto. La divulgazione della ricerca scientifica e dei progetti di conservazione è uno dei lavori più gratificanti che puoi fare poiché stai aiutando a promuovere la cultura per la conservazione degli uccelli. Stiamo raggiungendo persone che già praticano birdwatching, semplici amanti della Natura ma anche persone che non sono ancora interessate come noi. Il nostro scopo è parlare degli uccelli in modo garbato, spiegando aneddoti, introducendo qualche volta un po’ ‘di umorismo, per mettere in contatto le persone tra loro. 

Ferran López Sanz e José David Muñoz durante la registrazione di un podcast

Quando parli di scienza in modo molto accademico, molte persone non sono interessate perché sembri troppo distante e borioso. Devi metterti in contatto con loro! E il modo è rendere la comunicazione più vicina al pubblico, non cercare di sembrare troppo scolastico. Siamo molto orgogliosi che il nostro messaggio stia arrivando a più persone. Il nostro podcast è stato scelto questa primavera come uno dei podcast scientifici più interessanti sulla piattaforma spagnola iVoox,. quindi un’iniziativa puramente divulgativa è riuscita a raggiungere ottimi risultati.  Grazie al nostro podcast ho partecipato alcune volte ad alcuni importanti programmi radiofonici in Spagna, come A vivir que son días , dove ho potuto diffondere il  mio messaggio riguardante il birdwatching e la conservazione degli uccelli. Ogni settimana abbiamo girato gratuitamente una puntata del podcast, arrivando ben presto a superare il centinaio.
Il numero di persone che seguono i nostri podcast è notevole, otteniamo oltre 40.000 download. Ci aspettiamo soltanto di poter impostare meglio la struttura quando troveremo uno sponsor che ci possa aiutare, dal momento che questa attività richiede un bel po’ di tempo per preparare il programma ogni settimana, senza sosta.

Chi vuole ascoltare i podcast  potrà sceglier uno dei programmi su https://laradiodelsomormujo.com . Penso valga la pena di imparare un po’ ‘di spagnolo per questo motivo. 

 

N.d.A. Questo articolo è stato tradotto  dal sottoscritto  in collaborazione con lo Zeiss Birding Team. Si ringrazia   la dottoressa Petra.Kregelius-Schmidt per lo scambio di informazioni.

 

Sei un appassionato di birdwatching? Vorresti contribuire a questo spazio con qualche articolo? Contattami

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.