Video recensione del binocolo Burris Droptine 8×42

SOSTIENI IL MIO LAVORO DA GIORNALISTA INDIPENDENTE Contribuendo e diventando un sostenitore di BINOMANIA.it, mi aiuterai a mantenere gratuiti tutti i contenuti. Scegli la tua donazione. Grazie anticipatamente




 Il binocolo Burris Droptine 8×42 è un binocolo proposto da un’azienda nata nel lontano 1971, costa 299 euro e gode di una garanzia a vita. Potete vedere la videorecensione oppure leggere l’articolo. Prima di iniziare vi propongo di iscrivervi al canale YouTube e al Gruppo Facebook “Visori termici, visori notturni e fototrappolaggio“. Buona visione e buona lettura

 

 

BURRIS: NASCITA E STORIA 

Negli anni Settanta il fondatore, Don Burris, lavorava in qualità di ingegnere presso una nota azienda di Denver chiamata Redfield., penso che molti tra voi la conosceranno. Nei dodici anni di collaborazione presso Redfield furono create alcune innovazioni, adottate successivamente sul 99% dei cannocchiali da tiro: ad esempio, il primo reticolo montato sul secondo piano focale che non si ingrandiva all’aumentare degli ingrandimenti, oppure i primi cannocchiali da puntamento 4-12x e 6-18X ma anche il cannocchiale a doppio reticolo di compensazione e così via.

Quando Burris inaugurò la sua azienda,  per i primi quattro anni, si concentrò i su anelli e open sight. Successivamente  si dedicò con passione alla produzione di ottiche sportive. Il primo cannocchiale da puntamento fu costruito, infatti, nel 1975 e con le ovvie innovazioni  è ancora un’icona attuale. Dopo la morte di Don Burris, avvenuta nel 1987, l’azienda continuo’ a svilupparsi producendo prodotti molto interessanti: dai primi cannocchiali americani degli anni Ottanta con lenti multistrato, sino ai famosi anelli Zee Rings sino al reticolo Ballistic Plex con compensazione della traiettoria oppure piu’ recentemente una linea premium di binocoli dotati di ottiche ED.

Beretta Holdings la ha acquisita nel 2002. Oggi la produzione comprende cannocchiali da caccia e tattici, mirini con il punto rosso, mirini per i tiratori con l’arco, spotting scopes e ovviamente binocoli. Insomma i lettori che non conoscevano questo marchio avranno compreso il mio interesse di testare alcuni dei loro prodotti.

Immagine: la sede centrale della Burris

 

BINOCOLO BURRIS DROPTINE 8×42 MECCANICA E SISTEMA DI MESSA A FUOCO

La dotazione di serie  del binocolo Burris Droptine 8×42 prevede oltre al binocolo, un panno per la pulizia delle ottiche, una tracolla in neoprene, una borsa in cordura, la cinghia della borsa e una ottima garanzia a vita.

 

Il Burris Droptine 8×42 ha una robusta cerniera centrale, il ponte di comando è ampio, mentre la manopola di messa a fuoco è dotata di una zigrinatura che fornisce maggiore grip durante la fase di focalizzazione.  In realtà, anche l’armatura, peraltro molto spessa, è dotata di un valido sistema antiscivolo, di zigrinature ovunque e di ampie zone con una armatura nera “a buccia di arancia” in grado di aumentare il confort osservativo.  Il binocolo è riempito in azoto e sigillato con O-ring ed è anche impermeabile sino a un metro di profondità oltre a essere antiurto e anti-appannamento.

Il binocolo pesa 753 grammi (senza tappi e cinghie) che sono distribuiti su 15 cm x circa 9.5 cm e mezzo.  E’ presente la filettatura per il collegamento al treppiede fotografico. Ho apprezzato, inoltre, un particolare interessante: il tappo che copre la filettatura è conico e consente di essere ruotato e estratto con maggior facilità rispetto ai classici coperchi piatti.

Immagine: un bel primo piano sul Burris Droptine 8×42

La messa a fuoco mi ha impressionato, in tale fascia di prezzo ci sono spesso sistemi con un po’ di gioco, in realtà il Burris Droptine 8×42 possiede un sistema di messa a fuoco preciso, fluido e con un valido snap test, ossia il raggiungimento di un punto di fuoco su un soggetto sempre abbastanza univoco.

La distanza minima di messa a fuoco che ho misurato è di 185 cm ed è necessario ruotare la manopola in senso anti-orario per poco piu’ di un giro completo per raggiungere l’infinito. Mentre a circa otto metri di distanza è sufficiente apportare una rotazione di pochi millimetri. È presente, inoltre, sull’oculare destro una ghiera anche ‘essa zigrinata ma priva di blocco per la compensazione delle diottrie.

 

 

OTTICA

Obiettivi
Il binocolo non fa uso di ottiche a bassa dispersione, le immagini al centro del campo sono nitide e contrastate, la tonalità è leggermente virata verso il caldo.

Immagine: il trattamento è multistrato su ogni superficie ottica

Oculari

Gli oculari sono confortevoli, inquadrano un campo di 113 metri a 1000 metri. Circa 6.5° di campo reale e 52 ° di campo apparente. Non è quindi un binocolo grandangolare. Ho apprezzato molto la soluzione di utilizzare i paraluce in metallo rivestito che nell’uso sul campo sono sempre piu’ robusti rispetto a quelli in policarbonato. La distanza interpupillare che ho misurato è compresa tra 78 mm e 57.6 mm, mentre alla distanza inter-pupillare di 65 mm ho rilevato una separazione tra gli oculari di 22.30 mm. Lo reputo un binocolo confortevole. L’estrazione pupillare è di 16.5mm, con i miei occhiali da sole e i paraluce abbassati riesco a inquadrare tutto il campo di vista.

Immagine: gli oculari sono confortevoli


Prismi 

I prismi sono in vetro Bak-4. Beneficiano di un rivestimento con correzione di fase e un rivestimento dielettrico sulle facce del prisma.  Le pupille di uscita sono risultate abbastanza circolari, si nota qualche riflesso ai bordi  in linea  con molta concorrenza in tale fascia di prezzo.

Trattamenti

Il binocolo è anche ottimizzato con un trattamento multi-strato su ogni superficie per aumentare il contrasto e diminuire l’abbagliamento.

 

 

ABERRAZIONI CROMATICHE E GEOMETRICHE

 

Spesso mi accusano di essere un po’ troppo pignolo quando testo i binocoli, in realtà, penso sia molto utile analizzarli in moto oggettivo ma è necessario tenere anche presente la fascia di prezzo e l’economicità dei componenti. Quindi è sempre un fattore negativo sentir parlare di aberrazione cromatica in un binocolo da duemila euro, ma è alquanto normale, notarlo in binocoli economici.

Aberrazione cromatica in asse
Scritto ciò, vi posso confermare che il Burris Droptine mostra un po’ di aberrazione cromatica in asse, piu’ che altro su soggetti a forte contrasto e durante le condizioni di illuminazione più intensa. Osservando il panorama, alberi e foglie. nella maggior parte delle condizioni di illuminazione è presente ma ininfluente.  

Cromatismo laterale
Il cromatismo laterale residuo è presente come lieve alone verde-violetto intorno ai bordi delle immagini piu’ contrastate o in controluce.

Curvatura di campo

Il binocolo Burris Droptine 8×42 non è dotato di campo curvo, tuttavia le immagini sfocano lievemente a partire da circa l’80% dal campo di vista. Rifocheggiando verso i bordi si percepiscono ancora dettagli, sintomo che, almeno nell’uso diurno, il degrado dipende quasi unicamente da questa aberrazione geometrica.

Distorsione angolare
E’ minima, si nota forse un po’ di distorsione di ingrandimento agli estremi bordi del campo.

Immagine: il binocolo durante un test sul campo

 

IMPRESSIONI SUL CAMPO

Non avevo mai osservato in un prodotto Burris prima di oggi: è stata una novità anche per me. L ’azienda di Greeley in Colorado  non propone prodotti comparabili ai migliori Alpha, il loro Top di Gamma, infatti, è situato sotto i 600- 650 euro. Il binocolo Burris Droptine 8×42è un buon prodotto entry-level, costa poco piu’ di 250 euro. Ne ho apprezzato la robustezza, la precisione della messa a fuoco e alcuni particolari come le conchiglie oculari in metallo e il pomello conico della filettatura che sono molto utili sul campo. Al centro del campo è nitido e contrastato e la garanzia a vita potrebbe fare la differenza rispetto ad altri prodotti concorrenti privi anche di alcune delle caratteristiche citate

 

PREGI E DIFETTI

Pregi

  • Robusto e impermeabile
  •  Nitido e contrastato al centro del campo (nella sua fascia di prezzo) 
  •  Manopola della messa a fuoco precisa e fluida
  •  Conchiglie paraluce degli oculari in metallo
  •  Confort osservativo grazie agli oculari di medio diametro

Difetti

  • Campo di vista non grandangolare
  •  Aberrazione cromatica visibile in molte circostanze
  •  Presenza della coma e dell’astigmatismo ai bordi del campo
  • L’armatura spessa non consente di usare i raccordi per i treppiedi universali. Personalmente ho preferito un supporto, tipo Berlebach

 

PREZZO E GARANZIA


Il binocolo Burris Droptine  8×42 costa 299 euro ed è attualmente in offerta presso MHZOutdoor a 269,00 euro. La garanzia è a vita.

Immagine: il binocolo Burris si è rilevato un ottimo prodotto in questa fascia di prezzo. La garanzia a vita è una ragione in piu’ per optare per l’acquisto

 

RINGRAZIAMENTI

  Ringrazio Angelo Pantano di mhzoutdoor.com per aver fornito l’esemplare oggetto di questo test lasciandomi libero di citare le mie impressioni

 

DISCLAIMER

Binomania non è un negozio, Nel mio sito web troverete unicamente recensioni di prodotti ottico sportivi, fotografici e astronomici.  Le mie impressioni sono imparziali come è dovere di ogni giornalista e non ho alcuna percentuale di vendita sull’eventuale acquisto dei prodotti. Per questo motivo, qualora voleste acquistare o avere informazioni su eventuali variazioni di prezzo o novità, vi consiglio di visitare il sito ufficiale  di MhzOutdoor.com, cliccando sul banner che rappresenta l’unica forma pubblicitaria presente in questo articolo. Grazie!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.