Recensione del binocolo stabilizzato Fujinon TS 12×28: leggero e…incredibile!

Share Button

Se dovessi riassumere le mie impressioni in una sola frase, scriverei: “Erano anni che non mi divertivo così.”
Il Fujinon TS 12×28, infatti, è il binocolo che sto usando quotidianamente, il perché lo capirete leggendo questa recensione.

il binocolo Ts 12x28 con la sua custodia

Novità da Fujinon: il binocolo TS 12×28 con 3° di stabilizzazione

Caratteristiche tecniche dichiarate dalla Casa Madre

Formato TS 12×28
Estrazione pupillare 17.5 mm
Campo di vista a 1000 m 73 m
Stabilizzazione giroscopica +3°
Pupilla di uscita 2.3mm
Peso (senza batterie) 420 grammi
Prezzo Novembre Iva inclusa  790 euro
Distributore italiano Terranova SRL www.mhzoutdoor.com

Meccanica e sistema di messa a fuoco

Il nuovo binocolo stabilizzato di casa Fujinon è leggero e compatto: la bilancia elettronica ha stimato un peso di 490 g (con batteria, tappi e cinghia), una vera inezia, infatti, scompare nel mio zaino da trekking o da MTB per rimanervi solo il tempo di una risalita. Rispetto ad altre soluzioni, dotate d’ingrandimenti medio-alti, questa caratteristica è molto utile.

 Gli strumenti ottici stabilizzati evitano l’utilizzo d’ingombranti cavalletti fotografici, ma se il nostro amato binocolo è pesante, dopo qualche minuto le braccia non saranno in grado di sostenerlo.

il binocolo TS 12x28 impugnato da una mano di Piergiovanni Salimbeni, mostra la sua compattezza

Leggero, compatto e …stabilizzato

 Con il Fujinon TS 12×28 questa ipotesi è irrealizzabile: ho fatto alcune escursioni che portavo a termine con binocoli più’ pesanti e devo ammettere di non aver avuto problemi a osservare per lunghi periodi, neppure dopo un paio di ore di cammino o una buona pedalata.

 

Le sue dimensioni non lo classificano nel settore dei binocoli compatti ma dodici ingrandimenti sono utilizzati spesso su binocoli certamente più’ grandi.  Mi pare un’ottima scelta, giacché 12X possono fare la differenza , soprattutto se si è stanchi delle solite osservazioni panoramiche a 8X e si preferirebbero ammirare più’ dettagli dalla cima di una montagna.

Il binocolo è composto da uno scafo di  fiber glass “plastica rinforzata con fibra di vetro” come le più’ attuali soluzioni del mondo outdoor. Ciò’ che definisco “ponte di comando” è sicuramente ampio e a dispetto di alcuni prodotti della concorrenza.
L’idea di inserire una batteria CR2 al litio, al posto delle  mini-stilo, ha consentito di creare uno  spazio nella parte inferiore dello scafo che è essenziale per ottenere una buona presa con i pollici. La protezione spessa di gomma, inoltre, consente di stringere con sicurezza anche la zona laterale dei tubi ottici.  Anche questo è un altro lato positivo: sapere che la meccanica e l’elettronica sono protette da un’abbondante gommatura non può’ che far piacere e consentire di “osare” di più’ durante l’uso outdoor rispetto a molti altri prodotti.

Il Fujinon TS 12x28 su un tappeto di muschio

Seppur sia uno schema ottico, poco classico, l’ergonomia è buona

La protezione di gomma è robusta e sono presenti altri due incavi nella zona del ponte superiore, dove è possibile appoggiare almeno tre dita. Il TS 12×28 è garantito come waterproof ed è in grado di resistere alle infiltrazioni di polvere e sabbia. Non affermo che sia un sommergibile come il TecnoStabi 14×40 o la serie Steiner Marine, ma sono convinto che sia utilizzabile anche sulle barche, dove sarà possibile usufruire della sua potente stabilizzazione.

Il binocolo è dotato di prismi a tetto e fornisce una forma non molto classica, che tuttavia, grazie al buon gusto dei  progettisti,  si è rilevata  moderna e piacevole. E’ arrivato perfettamente collimato.

La manopola di messa a fuoco (che sposta gli elementi ottici interni) è comoda da utilizzare e abbastanza ampia, mentre la rotella per l’attivazione del sistema di stabilizzazione è in una posizione perfetta per una rapida attivazione. La messa a fuoco è ottima: priva di giochi o impuntamenti. Per passare dalla distanza minima di messa a fuoco (che è di poco superiore ai due metri e mezzo) all’infinito, occorre ruotare il rotore ( in senso orario) di un giro e tre quarti.
La corsa, a partire dai sei metri, invece, è decisamente più’ breve, poco meno di un ottavo di giro. Personalmente l’ho utilizzato per il birdwatching senza particolari problemi, fatto salvo, ovviamente, il diametro di soli 28 mm.

Il Fujinon TS 12x28 su un tronco d'albero

Ben visibile in questa immagine la manopola di messa a fuoco

Sistema di stabilizzazione

Mi ha convinto ed entusiasmato, aspettavo da qualche tempo un binocolo così compatto e leggero che mi consentisse di osservare il panorama, gli animali e il cielo, con una ottima stabilizzazione delle immagini fornite.
E un sistema composto da un meccanismo cardanico a due assi, governato da un piccolo  motore controllato da un driver  esegue il controllo delle vibrazioni ottiche per stabilizzare l’immagine. Il piccolo motore controlla i movimenti dei prismi ottici che sono fissati nel telaietto “porta prismi”, il meccanismo a due assi, invece, compensa le piccole vibrazioni garantendo una stabilizzazione ± 3 ° per una visione morbida e confortevole .

Le vibrazioni sono rilevate da due sensori giroscopici situati nello scafo ottico del binocolo.
Questo genere di stabilizzazione richiede poca energia, è alimentato da una piccola batteria CR2  che consente di raggiungere una autonomia massima di dodici ore e il rumore dei motori è veramente  ridotto minimo. E’ dotato di un sistema di spegnimento automatico dopo dieci minuti di inutilizzo.

un particolare sul pulsante per l'attivazione della stabilizzazione

Il pulsante per l’attivazione del sistema di stabilizzazione e in una zona favorevole

In pratica ha tre grandi pregi:

  1. Consuma poco. Sono riuscito a utilizzarlo per circa quattordici ore (due oltre quanto dichiarato)

  2. I suoi +- 3° di stabilizzazione lo pongono fra i migliori sul mercato ed è ovviamente il migliore nella sua fascia di prezzo.

  3. Stabilizza le immagini perfettamente anche durante la fase di messa a fuoco.

    Uno schema del sistema di stabilizzazione che equipaggia il TS 12x28

    Uno schema del sistema di stabilizzazione che equipaggia il TS 12×28

 

Ottica

Obiettivi
Il binocolo non è stato costruito con ottiche a bassa dispersione, ma la resa cromatica è neutra, forse leggermente calda. Le immagini al centro sono nitide (non come i TOP DI GAMMA, ovviamente) e il contrasto apprezzabile.
Il formato 12×28 è “bello spinto”, quindi, visto il rapporto focale molto aperto e il piccolo diametro, non posso che lodare la qualità ottica di questo prodotto e dei suoi piccoli obiettivi da 28 mm di diametro.

Un particolare sugli obiettivi da 28 mm di diametro del TS 12x28

Gli obiettivi presentano un trattamento multi-strato anti riflesso

Oculari
Sono dotati di paraluci estraibili a rotazione, senza stop-prefissati. Ho misurato un’estrazione pupillare pari a 17 mm, non male per un 12x 28. La distanza inter-pupillare minima è di 55 mm, mentre la massima di 73 mm. Alla minima distanza gli oculari sono divisi da 23 mm di spazio e questo consente l’utilizzo non solo a bambini e adolescenti, ma anche alle persone con una distanza interpupillare piccola, ma con un naso grande.

Il campo di vista non è ampio: 73 m a 1000 m, che sono circa 50° di campo apparente. Non è un binocolo grandangolare, ma non penso che il costruttore sarebbe riuscito a migliorare questa caratteristica mantenendo delle dimensioni così esigue.

Gli oculari del Fujinon TS 12x28

Gli oculari possiedono una buona estrazione pupillare e sono comodi anche per chi possiede una piccola distanza inter-pupillare

Prismi
 Il Fujinon TS 12×28 è composto da un sistema ibrido di prismi. Ho chiesto alla manager “sport optics” Renata Pisula le sue caratteristiche e mi è stato confermato, trattarsi di un sistema con prismi a tetto + penta prisma che i progettisti chiamano prismi ausiliari.
La pupilla di uscita è sferica in entrambi gli oculari. Si nota solo un po’ di vignettatura ai bordi. Minima anche perché il campo di vista, come evidenziato, non è molto ampio.

 

Trattamenti

Il Fujinon TS 12×28 è ottimizzato con un trattamento multi-strato e con un trattamento di fase (argento) sui prismi a tetto.

Aberrazioni

Aberrazione cromatica
Nelle normali condizioni d’illuminazione essa è contenuta, quasi assente. Mi pare un ottimo risultato poiché non è dotato di ottiche a bassa dispersione e fornisce un ingrandimento superiore ai classici 8×25- 8×32.  Deduco siano stati utilizzati elementi ottici acromatici di alta qualità.

Osservando i rami in controluce si nota solo un lievissimo accenno di cromatismo residuo, ma solo durante le giornate nuvolose. ì

Cromatismo Laterale
Non l’ho percepito durante le giornate soleggiate, si nota un lieve accenno soltanto osservando dei dettagli in controluce con il cielo nuvoloso. Anche in questo caso è una prestazione pregevole.

Il Fujinon TS 12x28 su un tronco d'albero fra il muschio e l'edera

La protezione in gomma si è rilevata indispensabile per poterne usufruire in mezzo alla Natura

Curvatura di campo
Il binocolo non è dotato di campo piatto, ma le immagini iniziano a “sfocare” verso l’80% dal centro del campo. Provando a rifocheggiare si nota un miglioramento, ciò significa che ai bordi la resa è inficiata quasi unicamente dalla curvatura.

Distorsione angolare
Molto ridotta a cuscinetto, mi è parsa inferiore al 5%

Altre aberrazioni nell’uso astronomico
Nell’uso astronomico la percezione che ho avuto è la seguente: con stelle di bassa magnitudine la resa è apprezzabile quasi sino al bordo del campo, osservando stelle luminose, come ad esempio Vega, interviene un po’ di astigmatismo che rovina la puntiformità stellare verso l’80% del campo ottico.

Prova sul campo

Come avrete compreso dalla premessa  e dall’analisi delle caratteristiche tecniche,  ho apprezzato molto questo binocolo, cosi’ tanto che è entrato nella mia “piccola scuderia”. Ha molti pregi e potrebbe essere veramente un ottimo regalo di Natale, oltre che un utile acquisto.

Il Fujinon TS 12x28 in mezzo alle betulle

Ho fatto e sto facendo molte escursioni in compagnia di questo binocolo. La sua stabilizzazione è ideale per osservare dettagli a medio-lunga distanza

Premesso che non ha un’ottica nitidissima come quella di un 8×32 di alta gamma, esibisce un’ottima leggerezza e un invidiabile sistema di stabilizzazione. Questi due fattori non vanno spesso a braccetto e poter impugnare – anche con una mano – un binocolo così leggero e riuscire a osservare dettagli a lunga distanza come se fosse montato su cavalletto, non ha in sostanza prezzo.

L’ho utilizzato in vari settori d’osservazione: aerei e rapaci, osservazione paesaggistica, osservazione astronomica.  
La stabilizzazione è performante, immediata e  poco esosa di energia. Assuefatto ad altri sistemi che stabilizzano solo 0.8- 1°, sono rimasto stupito, sin dall’inizio, dalle sue prestazioni. Sono arrivato anche a scuoterlo per comprendere sino a che punto potesse fornire un’immagine stabile. Ritengo sia perfetto anche per l’osservazione nautica, marittima e dagli elicotteri. Un vero… piccolo gioiello.

Il formato è un po’ atipico, chi è abituato ai binocoli con lenti di 42 mm di diametro, noterà un netto calo di luce, ovviamente non è stato concepito per un uso crepuscolare. Il suo regno è l’osservazione generica –meglio se diurna, a media-lunga distanza. Possiede uno scafo ottico molto leggero ed è possibile trasportarlo ovunque: nello zaino da trekking, nel tascotto della giacca, nel vano porta-oggetti della propria auto, nella borsa da lavoro…e cosi’ via.

 Grazie all’ottima ergonomia degli oculari è adoperabile anche dai piccoli appassionati.

Il TS 12x20 sopra uno zaino delle Guardie Ecologiche della Provincia di Varese

Un panorama perfetto per sfruttare la stabilizzazione di questo binocolo

Le potenzialità della stabilizzazione si notano non solo per la capacità di stabilizzare dodici ingrandimenti, ma anche per tenere a bada la sua leggerezza. Come risaputo, maggiori sono le dimensioni e il peso, migliore (per poco tempo) è la stabilita’ durante la presa. Provate a sostenere una reflex con un teleobiettivo e poi una fotocamera compatta con ultra-zoom e poi scrivetemi le vostre impressioni.
 Per questo motivo quando s’impugna senza aver attivato la stabilizzazione, si ha la sensazione di essere troppo leggero e poco stabile, ma appena si attiva la magica rotellina, tutte le remore scompaiono e iniziano a comparire: targhe di auto, lancette degli orologi dei campanili, scritte di cartelloni pubblicitari situati a centinaia di metri di distanza, pupille di passeriformi ed altro ancora, tutti dettagli impossibili  da percepire a mano libera con un binocolo da dodici ingrandimenti privo di stabilizzazione. Anche l’osservazione lunare beneficia di questo sistema di stabilizzazione + -3°.
Si percepiscono, ad esempio, con discreta facilità i crateri Ptolemaeus, Aristarchus, Plato, Theophilus, Clavius, i mari e gli apennini lunari. Venere, all’alba mostra la sua piccola falce.

 

Pregi e difetti

Pregi

  • Stabilizzazione (gradi, prestazioni, rapidità di funzionamento, scarsa richiesta di energia, disattivazione dopo dieci minuti di utilizzo)
  • Protezione di gomma
  • Peso
  • Ergonomia
  • Contenimento delle aberrazioni cromatiche

 

Difetti

  • Non sono previsti i tappi per gli obiettivi
  • La ghiera metallica degli obiettivi non consente di appoggiarlo su una superficie ruvida perché potrebbe rovinarsi
Leggero, robusto e stabilizzato: un perfetto compagno di osservazioni

Leggero, robusto e stabilizzato: un perfetto compagno di osservazioni

 

 

In sintesi

Quando scriverete la letterina a Babbo Natale, pregatelo di portarvi questo binocolo! Scherzi a parte… il Fujinon TS 12×28 è un piccolo gioello di elettronica, leggero, affidabile, robusto e dotato di un eccellente sistema di stabilizzazione. Se siete appassionati delle osservazioni senza cavalletto o se desiderate un binocolo tutto- fare sono convinto che sia quello che stavate cercando da tempo.

Ringraziamenti

Ringrazio Renata Pisula per avermi inviato l’esemplare in visione e il distributore italiano”Terranova SRL” che mi ha fornito ulteriori informazioni. Il binocolo è già in vendita in italia sul sito ufficiale del distributore www.mhzoutdoor.com

 

 Ti è piaciuto quest’articolo? 

Binomania consente a tutti gli appassionati di leggere gratuitamente decine e decine di recensioni di prodotti  ottico-sportivi, tuttavia, se apprezzi il mio lavoro, potresti  offrirmi un cappuccino attraverso paypal. Ti ringrazio anticipatamente!

Offrimi un cappuccino!

 

Disclaimer

Questa recensione è stata pubblicata nel mese di Agosto dell’anno 2018-  Si specifica che le mie impressioni d’uso sono date in completa libertà, senza vincolo e rapporto commerciale alcuno e sulla base di esperienza comprovata nell’utilizzo di tali strumenti ottici. Per eventuali informazioni, aggiornamenti e/o variazioni sui prezzi, sulle caratteristiche dello strumento, su i punti vendita autorizzati o altre informazioni in genere, si prega di contattare direttamente Terranova SRL , distributore ufficiale per l’Italia dei prodotti Fujinon

 

 

 

 

 

Written by

Piergiovanni Salimbeni: Lavora in qualità di Opinion leader nel settore ottico sportivo da quindici anni. E' l'autore e fondatore di Binomania.

You may also like...