Recensione del binocolo stabilizzato KITE OPTICS APC 16×42

PREMESSA

Questa volta descriverò le mie impressioni riguardo un binocolo stabilizzato contraddistinto da un eccellente rapporto prezzo – prestazioni, si tratta del  Kite Optics APC , è disponibile in due diametri:  30 e 42 millimetri e in  quattro formati: 10×30 (980 euro),12×30 (1000 euro), 12×42 (1150 euro) e 16×42 (1200 euro). Io ho deciso di farmi inviare il formato 16×42 che è stato utilizzato sia per osservare il Cielo sia per osservare la Natura.  Tutti i binocoli stabilizzato Kite Optics beneficiano di una garanzia di trent’anni sulle componenti ottiche e meccaniche e di due anni su quelle elettroniche.

 Prima di iniziare vi propongo di iscrivervi  gratuitamente al canale YouTube   e di venire a trovarmi su:

https://www.binomania.it/phpBB3/index.php 

Il forum ufficiale dal 2010

https://www.facebook.com/binomania

La pagina ufficiale di Binomania

https://www.facebook.com/groups/termicienotturni

Il gruppo dedicato alla visione notturna e alle fototrappole

https://www.facebook.com/groups/binocoli

Il gruppo per gli amanti dei binocoli, degli spotting scope e dei telescopi astronomici

https://www.instagram.com/optics_reviews/

La mia pagina Instagram 

https://twitter.com/binomanianews

Tutte le news su Twitter

https://www.termicienotturni.it

Il sito web dedicato alle recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna

PREMI SULLA IMMAGINE  PER VEDERE LA RECENSIONE SU YOUTUBE

 

 

DATI TECNICI DICHIARATI DALLA CASA MADRE

 

Modello

KITE OPTICS APC 16×42

Ingrandimento

16x

Obiettivi (mm)

42

Pupilla di uscita (mm)

2.62

Estrazione pupillare (mm)

14

Valore crepuscolare

N.D.

Distanza minima di messa a fuoco (m)

4

Campo reale  di vista a 1000 m in metri

68 m – 3.9°

Campo apparente (°)

62.4° (Formula classica)

Fattore crepuscolare

25.9

Distanza inter-pupillare

54-74

Regolazione delle diottrie

+-3

Composizione scafo ottico

N.D

Tipo di Prisma

Schmid Pechan 

Impermeabilizzazione

Sì, con azoto grado IPX7

Temperatura di esercizio (°)

-20 + 55°

Dimensioni (mm)

1128×184

Peso (g)

735 senza batterie

Prezzo (Euro Iva Inclusa – Agosto 2022) 

1200 euro

Garanzia

30 anni

Sito di riferimento

www.kiteoptics.com

LA STORIA DI KITE OPTICS

Kite Optics è un’azienda a conduzione familiare  con sede a Jabbeke, in Belgio, vicino alla storica città di Bruges. È stata costituita nel 1992 da Georges De Putter, nato da una famiglia di ottici e di appassionati di Natura. Attualmente è gestita dai figli Sebastien e Nicolas che continuano la tradizione del padre che prevede non solo l’amore per l’ottica ma anche la voglia di proporre alla propria clientela dei prodotti contraddistinti da un ottimo rapporto prezzo-prestazioni. Attualmente la loro gamma prevede innumerevoli strumenti: dai classici binocoli e spotting scope sino ad arrivare ai performanti binocoli stabilizzati della serie APC.  Kite Optics fornisce decine di riserve naturali, istituzioni europee e migliaia di appassionai in tutto il mondo.
I punti di forza dell’azienda belga  sono innumerevoli: dalla ragionata scelta dei prodotti da inserire sul mercato sino alla garanzia trentennale che si fa forte di un reparto interno di riparazione altamente specializzato.

FIG.1 – Un panorama del genere è perfetto per osservare con il KITE OPTICS APC 16×42

ACCESSORI IN DOTAZIONE

Sebastien De Putter ha preferito inviarmi un esemplare utilizzato dalla stampa, da tester e dai clienti. Ha voluto mostrarmi le caratteristiche di questo binocolo stabilizzato dopo ore di uso. Per questo motivo non ho ricevuto una scatola sigillata e nuova fiammante  ma una scatola dove erano  presenti oltre al binocolo, una  cover in gomma siliconica di colore verde salvia che tanto ho apprezzato nel corso del test, il tappo copri oculari e quello per coprire gli obiettivi. La dotazione di serie, comunque, prevede una ottima borsa in cordura con vano dotato di cerniera per il trasporto di piccoli accessori, un panno per la pulizia della ottiche, la bretella di alta qualità e un piccolo manuale multi-lingua che propone una sintesi di caratteristiche e suggerimenti sull’utilizzo.

FIG.2 – Gli accessori ricevuti in dotazione da KITE OPTICS

ACCESSORI OPZIONALI

Sul sito ufficiale è possibile acquistare una cover in silicone disponibile in quattro colori. Come anticipato quella di colore verde salvia che ho ricevuto mi è piaciuta particolarmente, anche per la sua capacità di risultare discreta nell’osservazione degli animali più suscettibili.  L’armatura pesa 117 grammi, ha uno spessore medio di 2.5 mm ma nella zona che protegge gli obiettivi raggiunge circa i 5 mm. E ‘stata costruita con una trama a buccia di arancia che aumenta il grip e seppur l’APC 16×42 sia robusto e gommato, la reputo una valida e indispensabile soluzioni per chi usa spesso il binocolo in mezzo alla Natura.  

 

MECCANICA E SISTEMA A FUOCO

Appena lo si impugna, si comprende che la sua forma atipica rispetto a un classico binocolo necessita di un breve  periodo di rodaggio per essere sfruttata alla perfezione. Quello che io descrivo come “ponte di comando” è molto  ampio, è preferibile impugnarlo con due mani ma si gestisce bene anche con una. Le sue dimensioni consentono di spostare le mani e le dita nella posizione preferibile per la gestione della messa a fuoco e della leva che attiva la stabilizzazione. Non conosco la composizione dello scafo ottico che mi pare composto da policarbonato. Il KITE OPTICS APC 16×42 è ben impermeabilizzato, di grado IPX7,  per questo motivo può resistere a una caduta in un metro di acqua sino a  trenta minuti. E’  anche riempito in azoto per prevenire la formazione di condensa interna e scongiurare lo sviluppo di muffe indesiderate.  Beneficia di ottime rifiniture, appare, infatti, curato come un binocolo di fascia superiore. La mia bilancia elettronica ha stimato un peso – senza batterie –  di 718 grammi che diventano circa 900 quando si inseriscono quattro batterie  e la cover sopraccitata. Nella parte anteriore, infatti, sono presenti due vani impermeabilizzati dove è possibile custodire due comuni batterie AA da 1.5V per il funzionamento e altre due di scorta.

FIG.3 – Un particolare sul vano sul lato destra che accoglie le batterie AA che alimentano la stabilizzazione

Descriverò questa soluzione nel paragrafo specifico. Nelle zone laterali sono stati ricavati i vani per l’inserimento della tracolla.  Nella zona inferiore, nei pressi degli oculari, è visibile la dicitura “Japan” e del numero di serie. Anche se ho utilizzato questo binocolo quasi sempre con l’armatura di silicone aggiuntiva, confermo la buona protezione laterale e nella zona degli oculari concessa dalla armatura di serie.  Non è stata prevista la filettatura per il collegamento al treppiede fotografico. Per i miei test con la USAF CHART  (come potrete vedere nell’articolo) ho sfruttato il supporto Berlebach, leggermente inclinato per adattarsi alla zona inferiore del binocolo.

Il binocolo è  sbilanciato verso gli oculari e come sapete è un lato positivo, perché  concede di affaticare meno le braccia e i muscoli del collo poiché non sono costretti a compensare il peso degli obiettivi. 

 

Modello

Peso

Dimensioni ( chiuso)

KITE OPTICS 16×42

 718 g

127 mm x182 mm 

 

Come anticipato, nella parte superiore del ponte di comando sono stati inseriti la leva per l’attivazione della stabilizzazione e la manopola di messa a fuoco. Quest’ ultima  si estende in lunghezza, è poco larga ed  è dotata di una zigrinatura che aumenta il grip. La distanza minima di messa a fuoco che ho calcolato è  inferiore ai quattro metri dichiarati. Con il mio accomodamento visivo, sono stato in grado di mettere a fuoco a circa 3 metri e settanta centimetri.

FIG.4 – Il KITE OPTICS APC 16×42 è impermeabilizzato egregiamente

Da questa distanza è necessario girare la manopola in senso anti-orario di quasi un giro completo per raggiungere l’infinito. Per la sua forma e diametro mi aspettavo una messa a fuoco più disagevole, non c’è molta corsa da gestire in verità, ma se si presta un po’ di accortezza si raggiunge quasi sempre un punto di fuoco univoco. Sull’oculare destro, invece, è presente una classica ghiera zigrinata, priva di blocco di sicurezza e  per la compensazione diottrica pari a + -3.  Si deve utilizzare un po’ di forza per ruotarla e questo scongiura gli spostamenti accidentali. Sono state previste solo tre tacche di riferimento del tipo” + I –“.

 

Modello

Distanza minima di messa a fuoco rilevata

Senso di rotazione

Raggiungiment1o dell’infinito dalla distanza minima

KITE OPTICS APC 16×42

3.76 metri

antiorario

poco meno di un giro completo, 355° ca

STABILIZZAZIONE

Caratteristiche principali

Il binocolo  Kite Optics APC 16×42  è ottimizzato con un sistema di stabilizzazione giroscopica di grado militare che compensa ben due gradi e di funzionare alla perfezione con i prismi a tetto ( in questo caso degli Schmidt Pechan). Questa tecnologia è stata ottimizzata per attivare lo stand-by quando il binocolo è inclinato oltre i 60°. In questo caso il LED, visibile nei pressi della  leva lampeggerà di rosso.  Il sistema si riattiva automaticamente quando l’angolo di inclinazione ritorna ad almeno 40°. Devo ammettere che questo sistema funziona perfettamente e non da alcuni problema osservando il cielo e i rapaci . Si attiva unicamente soltanto   limitate osservazioni terrestri, ad esempio, quando ho tentato di osservare un branco di cervi  nel prato sottostante  che era visibile unicamente dal bordo di una scarpata molto ripida. 

FIG.5 – In questa immagine è visibile il LED che quando si colora di verde, attesta l’attivazione del sistema di stabilizzazione


Prestazioni

Per essere un binocolo da sedici ingrandimenti ingrandimenti, questo sistema di stabilizzazione fornisce delle prestazioni decisamente molto interessanti.  Per quantificare con discreta precisione quanto ho evidenziato, ho inserito due ulteriori test con la USAF CHART che potrete leggere nel paragrafo specifico.  L’attivazione è rapida, gestisce bene anche il panning  e mi ha consentito di percepire dettagli lontani in maniera molto soddisfacente anche se non consente di beneficiare del micro dettaglio disponibile unicamente con lo strumento installato su un cavalletto.

Alimentazione

Come anticipato nella parte iniziale di questo articolo, questo sistema di stabilizzazione è alimentato tramite due comune batterie AA che garantiscono una durata media di 60 ore. Personalmente non sono stato in grado di scaricarlo durante il corso del mio test. Il vano corretto è quello presente sul lato inferiore sinistro dello scafo, il vano a destra serve per trasportare le batterie di scorta. Comprenderete, quindi, che l’autonomia è quasi illimitata. I coperchi sono impermeabilizzati e dotati di una robusta filettatura, consiglio unicamente di prestare un po’ di attenzione durante l’inserimento delle batterie per evitare che cadano sugli obiettivi, graffiandoli o rovinandoli irreparabilmente. Oltre al sistema di stand-by   è presente la funzione autospegnimento che si attiva dopo 90  minuti di utilizzo protratto.

FIG.5 – In questa immagine è visibile la leva per l’attivazione della stabilizzazione

 

OTTICA

Obiettivi

Gli obiettivi non sono composti da vetro a bassa dispersione ma li potrei definire acromatici ad alto contrasto. Le immagini fornite sono molto soddisfacenti –  soprattutto analizzando il prezzo di acquisto,  rapporto focale molto aperto e gli ingrandimenti spinti. Anche la nitidezza è pregevole  anche se ovviamente non raggiunge quella dei migliori binocoli classici da 15X presenti sul mercato (e che costano anche decisamente di più). Giudico la  tonalità dei colori abbastanza neutra.   Gli obiettivi non sono  circolari e presentano un particolare taglio nella zona interna, come visibile in questa immagine. Per questo motivo ho provato a misurare il diametro nella zona più larga con il metodo della torcia e della proiezione sul muro. Dopo varie misurazioni la media ottenuta ha rilevato un diametro di circa 38 millimetri. 

 

FIG.6 – Per questo test ho effettuato anche la prova di proiezione con la torcia

 

Oculari

Gli oculari sono definibili come grandangolari, offrono un ottimo campo di vista, 68 metri a mille metri,  ossia circa quattro gradi di campo, 3.9° per la precisione, che sarebbero  62.4° di campo apparente. L’immersione nella scena è decisamente elevata e piacevole. Il diametro degli oculari, inoltre, non è molto grande: 39.35mm nei pressi degli oculari e circa 42.55 mm nei pressi della zona zigrinata. Questa caratteristica mi ha concesso personalmente un ottimo confort, che non avevo  riscontrato, ad esempio, nel Canon 15×50. Alla mia distanza interpupillare di 66mm, infatti, quella tra gli oculari è di 23.66 mm. Sono in grado di “indossare” il binocolo alla perfezione senza che i barilotti degli oculari schiaccino il naso.

FIG.7 – Gli oculari si sono rilevati comodi da utilizzare

I paraluce sono ruotabili, senza un sistema preciso click-stop, il movimento è fluido e non è possibile toglierli completamente. Tuttavia non ho riscontrato alcun problema a pulire la lente di campo degli oculari anche grazie al profilo abbastanza ribassato dei paraluce e al buon diametro  di 21.56 mm. Ho misurato la distanza tra il bordo del paraluce estratto e la lente di campo sono circa 11.40 millimetri. Invito quindi i portatori di occhiali a verificare se siano in grado di inquadrare totalmente il campo di vista, ricordando che è disponibile anche la versione 12×42. Io sono riuscito a farlo ma con i miei occhiali da sole Serengeti che hanno una lente decisamente sottile.  la distanza interpupillare che ho calcolato con il mio calibro digitale è compresa tra 55 mm  e 76 mm. Rispetto a un comune binocolo è necessario spostare direttamente gli oculari. Personalmente sono abituato a sfruttarlo questo sistema, chi ha sempre osservato con i binocoli classici dovrà fare un piccolo periodo di rodaggio.

 

Modello

Diametro lente di campo

Diametro barilotto

Distanza tra gli oculari con una distanza di 66 mm

KITE OPTICS APC 16×42

21.56 mm

39.35mm nei pressi degli oculari e circa 42.55

 23.66 mm

 

Prismi

I prismi  Schmidt Pechan osservati a una certa distanza mostrano un lieve cut-off laterale che dipende dalla forma degli obiettivi frontali. Di contro appoggiando gli occhi all’oculare si percepiscono come perfettamente circolari.  La pupilla di uscita, quando misurata, mostra un diametro di 2.60 mm che sarebbe in linea con i 42 mm di diametro dichiarati  e contrasterebbero la prova ottenuta con la torcia che evidenziava una netta troncatura dell’obbiettivo.

FIG.8 – La pupilla di uscita, mostra un po’ di cut-off laterale a sinistra e cio’ dipende dalla forma atipica degli obiettivi frontali

TRATTAMENTO ANTIRIFLESSO

Kite Optics non cita il trattamento anti-riflesso che mi è parso, nell’uso pratico di ottima qualità. Anche la mia solita prova di specchiare il mio volto ha dimostrato una ottima capacità di questo coating di non riflettere la luce in entrata.

 

ABERRAZIONI CROMATICHE E GEOMETRICHE

Inizio con il confermare che non ho notato alcuna differenza di prestazioni tra binocolo con la stabilizzazione attiva e quella spenta.

Aberrazione cromatica al centro del campo

Come anticipato non è un binocolo che beneficia di ottiche a bassa dispersione. Visto l’alto ingrandimento mi aspettavo una maggior visibilità del cromatismo residuo, in realtà, nella maggior parte delle condizioni di illuminazione è decisamente contenuto. Si nota soltanto osservando i rami spogli in controluce che si stagliano su un cielo grigio ma luminoso. In questo caso è possibile osservare un po’ di residuo blu-verde ma nulla che possa in qualche modo togliere dettaglio all’immagine. Un blasonato 12×50 mostrava la stessa quantità di residuo cromatico al doppio del prezzo. Ottima prestazione!

 

Cromatismo laterale

Spostandosi verso il bordo,  a circa il 75% dal centro del campo, il cromatismo laterale inizia a percepirsi come lievissimo alone violetto.

Distorsione angolare

La distorsione angolare a cuscinetto è molto contenuta e visibile unicamente in alcune condizioni verso gli estremi al bordo del campo (osservando pali della luce, bordi di palazzi) 

Curvatura di campo

Questo binocolo fornisce una resa quasi perfettamente piatta sino all’estremo bordo del campo. L’accomodamento visivo nell’uso paesaggistico mi ha sempre portato a beneficiare di una ottima risoluzione anche ai bordi e anche questa mi pare una ottima prestazione, per un binocolo stabilizzato che costa soltanto 1200 euro!

Altre aberrazioni

Nell’uso astronomico, osservando stelle di III magnitudine si nota la presenza di un po’ di coma e di astigmatismo che ho sintetizzato nella tabella qui di seguito.

Modelli

Campo con stelle perfettamente puntiformi ( III magnitudine)

Campo ancora utilizzabile

Campo con stelle distorte

KITE OPTICS APC 16×42

 65%

 15%

 20%

 

 

TEST CON USAF CHART A 35 METRI

Trattandosi di un binocolo stabilizzato ho utilizzato un triplo test di controllo. Oltre alla solita prova che consiste nel compiere tre osservazioni giornaliere (alba- pieno giorno e crepuscolo) ho utilizzato la USAF CHART per verificare il potere risolutivo senza che il  sistema di stabilizzazione fosse acceso, con il sistema di stabilizzazione attivo e con il sistema spento ma con il binocolo fissato sul cavalletto.

FIG.9 – Questa volta il test con la USAF CHART è dato dalla media di molte osservazioni tra stabilizzazione, attiva, spenta e tramite montaggio su treppiede fotografico

Come potete evidenziare dall’immagine pubblicata, la resa tra binocolo a mano libera senza stabilizzazione e con lo stabilizzatore acceso è incredibile. Il potere risolutivo aumenta a dismisura ed è quasi simile alla osservazione statica consentita tramite treppiede fotografico. Di fatto, se con il sistema attivo si percepiva la lettera “4” e a volte le righe verticali e orizzontali, osservando sul treppiede con supporto Berlebach, ho percepito unicamente una miglior facilità di distinguere le righe. Con il treppiede, , talvolta ho percepito anche qualche dettaglio della zona ” 5″, ma la differenza di prestazione su cavalletto è decisamente ininfluente nell’uso pratico, tanto da sentirmi di consigliare questo binocolo per molti generi di utilizzo. Il contrasto è medio alto, con bordi abbastanza netti tra chiaro e scuro e si percepisce maggiormente un po’ di colore spuro blu-violetto.

PROVA SUL CAMPO

Come sempre ho avuto la possibilità di provare sul campo questo binocolo per alcuni giorni, traendone varie impressioni. Le riassumo per settori osservativi.

Birdwatching

Come sapete sono un grande appassionato di rapaci e seppur questo non sia il periodo migliore per ammirarli, devo confessarvi che mi sono divertito moltissimo con questo binocolo. Sedici ingrandimenti, spesso e volentieri sono sufficienti per mostrare soggetti molto lontani come rapaci posati, garzaie oppure per distinguere il volo dei rapaci a lunga distanza. Non sostituisce uno spotting scope ma è valido per le osservazioni a media distanza che non necessitano di ingrandimenti superiori a 20X. Scrivo venti, perché la resa di un binocolo a 16X fornisce dei dettagli simili a quelli visibili in uno spotting scope a un ingrandimento leggermente superiore. La capacità di mettere a fuoco a meno di quattro metri, inoltre, si è rilevata perfetta anche per molte osservazioni che ho effettuato da capanno, dove sono stato in grado di osservare piu’ che il piumaggio di cince e fringuelli, particolari sul becco, invisibile a un semplice 8X.

Fig.10 – Uscire in montagna con un binocolo impermeabilizzato IPX7 dona sempre un certo senso di sicurezza

Osservazione paesaggistica

Un altro settore dove il Kite Optics è molto performante risulta la osservazione del paesaggio a media lunga distanza, un conto è osservare da destra a sinistra uno stupendo panorama ma a bassi ingrandimenti, un conto è iniziare a percepire innumerevoli dettagli. Osservando dalla cima del Monte Sette Termini che da sul lago Maggiore e verso il Piemonte e la Svizzera – Alpi comprese, ho trascorso delle ore molto piacevole, spesso portando con me il binocolo nello zaino durante una escursione con la mia E-MTB Husqvarna. Penso che ogni appassionati di osservazioni terrestri dovrebbe prendere in considerazione un prodotto del genere. La stabilizzazione è molto efficace tanto da consentirmi di percepire le ore dei campanili situati a chilometri di distanza. Il sistema stand-by, inoltre, è perfetto per camminare spostandosi di volta in volta, senza dover ricordarsi di disattivare il sistema di stabilizzazione. Penso che non sia un sostituto del classico 7x-8x ma un vero e proprio binocolo complementare che, risulta la miglior soluzione trasportabile anche nelle lunghe escursioni. la tropicalizzazione IPX7, inoltre, è sinonimo di affidabilità in caso di improvvisi acquazzoni montani.

 

Osservazione venatoria-crepuscolare

In questo settore, mi riferisco a quello venatorio, di solito si utilizza un binocolo compatto e luminoso ad alto ingrandimento e il classico lungo, tuttavia con questo binocolo sono stato in grado di percepire e distinguere tranquillamente un branco di cervi situati a tre chilometri di distanza. Di solito compio questo genere di osservazioni con uno spotting scope tra i 20 e i 25X – con un valido treppiede fotografico.

Anche in questo caso non può sostituire la potenza di un lungo che arriva sino a 50-60X ma di certo risulta più comodo da trasportare e da gestire in alcuni tipi di attività venatoria o di selecontrollo. Non è invece il prodotto più confacente per le mere osservazioni crepuscolari, dove personalmente preferisco ancora i 7×42 o gli 8×56.

Fig.11 – Lo stabilizzatore funziona molto bene e mi ha concesso di osservare un branco di cervi a tre chilometri di distanza

Osservazione astronomica

La maggior parte dei binocoli stabilizzati che ho provato nella osservazione astronomica possedeva dei lati positivi che spesso erano soffocati da quelli negativi. Ho usato ottimi binocoli 10×30, che stabilizzavano bene , erano leggeri ma mostravano pochi oggetti flebili, di contro ho osservato con dei 15x che concedevano un ottimo campo di vista piatto sino al bordo ma una stabilizzazione mediocre. L’APC 16×42 non sarà il binocolo più corretto al mondo, che mostra le stelle perfettamente puntiformi sino al bordo, ma il suo lavoro lo fa e anche molto bene. AI bordi, come anticipato, si percepisce un po’ di coma e astigmatismo ma è un piacere osservare  a mano libera, perché stabilizza decisamente bene. Le stelle al centro del campo sono abbastanza puntiformi e l’ingrandimento consente di iniziare a percepire qualche oggetto celeste meglio che nei classici 10×50.  La Nebulosa di Orione mostra la sua forma tipica e qualche componente stellare, Le Pleadi sono stupende cosi come le stelle delle Iadi. Il doppio ammasso di Perseo in questo periodo è incastonato in un cielo molto scuro, grazie alla suo posizione allo Zenith. E’ sempre appagante tentare di percepire dettagli con la stabilizzazione spenta che poi, compaiono magicamente con il sistema di stabilizzazione acceso. Giove mostra un disco netto con solo un po’ di cromatismo residuo e i quattro satelliti galileiani. Osservando la luna, invece, si possono ammirare anche a mano libera, non solo i Mari e le catene montuosi ma anche decine e decine di crateri. Onestamente non ho mai trovato necessario utilizzare un cavalletto, semplicemente perché, a tal punto, avrei usato un piccolo telescopio. La piacevolezza di questo binocolo è l’utilizzo profittevole a mano libera.

PREGI E DIFETTI

Pregi

  • Rapporto prezzo prestazioni
  • Ottima stabilizzazione
  • Durata delle batterie e utilizzo di semplice AA
  • Vano integrato per due batterie di scora
  • Contrasto più che buono
  • Buon contenimento dell’aberrazione cromatica per essere un 16X senza vetri ED
  • Mostra più dettagli di qualsivoglia- ultra blasonato binocolo 8×42 al Top della Gamma

Difetti

  • Il punto di fuoco è un po’ critico da gestire a causa della breve corsa e composizione della manopola
  • In alcune situazioni si nota un po’ di aberrazione cromatica
  • Il sistema stand-by preclude le osservazioni oltre i 60° 
FIG.12 – Il KITE OPTICS 16×42, in definitiva, mi è parso un valido binocolo stabilizzato

IN SINTESI

 

KITE OPTICS ha proposto sul mercato un ottimo binocolo stabilizzato: ha un prezzo di acquisto che reputo molto interessante, i due gradi di stabilizzazione hanno dimostrato di saper gestire egregiamente sedici ingrandimenti, oltretutto con un consumo delle batterie veramente irrisorio. E’ robusto, ben impermeabilizzato e con degli oculari comodi anche per chi possiede una distanza inter-pupillare un po’ stretta.  Come confermato nell’articolo non può sostituire il classico binocolo 8×42 ma è in realtà uno strumento complementare che in molte situazioni osservative potrebbe non far rimpiangere l’utilizzo di un telescopio da osservazione, treppiede incluso. Si può sfruttare sia in mezzo alla Natura che per alcuni tipi di attività venatoria, nel tiro sportivo e nella osservazione astronomica. Se dovessi definirlo con una frase direi che è un valido tutto-fare economico e stabilizzato.

 

PREZZO

Il binocolo KITE OPTICS APC 16×42 costa 1200 e beneficia di due anni di garanzia sulle componenti elettroniche e di 30 anni su quelle ottiche e meccaniche.

 

RINGRAZIAMENTI

Io ringrazio Sebastien De Putter di Kite Optics per aver fornito l’esemplare oggetto di questo test, lasciandomi libero di citare le mie impressioni personali.

DISCLAIMER

Binomania non è un negozio, Nel mio sito web troverete unicamente recensioni di prodotti ottico sportivi, fotografici e astronomici.  Le mie impressioni sono imparziali come è dovere di ogni giornalista e non ho alcuna percentuale di vendita sull’eventuale acquisto dei prodotti. Per questo motivo, qualora voleste acquistare o avere informazioni su eventuali variazioni di prezzo o novità, vi consiglio di visitare il sito ufficiale  di Kite Optics .