Microscopio stereoscopico PHENIX SMZ180-LT

Era da un po’ di tempo che avevo il desiderio di testare un microscopio stereoscopico di produzione attuale che non fosse il solito asiatico in bilico tra il giocattolo e lo strumento. L ’occasione è arrivata grazie a Phenix. Nelle scorse settimane, infatti, ho avuto il piacere di provare il modello SMZ180-LT , per questo motivo, vi presento, le mie impressioni pratiche.

Fig.1- In queste due inquadrature è ben visibile lo stereoscopico PHENIX SMZ180-LT

 

DATI TECNICI DICHIARATI DALLA CASA MADRE

Tab – Dati tecnici dichiarati da Phenix Optics Co.Ltd

SUPPORTO

La base di forma molto arrotondata e con un profilo con spessore contenuto si presenta molto comoda all’uso. Possiede un disco con Ø 125mm nero con il lato opposto bianco, la finitura sembra molto resistente ai graffi. 
Il braccio verticale sul quale scorre la parte ottica è a sezione quadrata in alluminio profilato decisamente robusto, l’escursione è buona e permette di osservare oggetti anche molto ingombranti. 
Il faretto per l’illuminazione episcopica è alimentato con una presa da 5,5×2,1 mm. E’ posizionata sulla sommità ed è quindi  fuori dai possibili percorsi compiuti dalle mani durante l’utilizzo dello strumento.  Sempre nella sommità della colonna sono alloggiate le due chiavi a brugola per il serraggio degli oculari. Con gli stessi accessori è possibile muovere la testa per la quale sono previste due posizioni a diverse altezze che consentono di adattarsi  allo spessore del soggetto osservato qualora non sia sufficiente la corsa della messa a fuoco che comunque è di ben 60mm.


ILLUMINAZIONE

Come ormai d’uso comune sui microscopi che non siano giocattoli l’illuminazione è doppia, sia dal basso per osservazioni in trasparenza che dall’alto per i soggetti opachi. Il sistema utilizza LED con potenza sufficiente anche ai massimi ingrandimenti.

Fig.2 -I LED si sono rilevati abbastanza potenti anche ai massimi ingrandimenti

TESTA

E’ la parte principale del microscopio, si tratta di un Greenough classico con un’ottima escursione dello zoom da 0,62 a 5x (con oculari da 10x, quindi otterremo da 6,2x a 50x). La distanza di lavoro  di 110mm consente di lavorare sul soggetto senza rischio di urtare le lenti anteriori.

L’uscita del terzo tubo verticale è abilitata con una levetta che indirizza il 100% dell’immagine proveniente dall’ottica di destra. Come optional è possibile acquistare ottiche aggiuntive sia per l’aumento, 1,5x e 2x, sia per la diminuzione degli ingrandimenti, 0,5x  e della distanza di lavoro.

Gli oculari forniti di serie sono dei 10x -23X grandangolari con diametro 30mm. A pupilla alta con regolazione delle diottrie, i tubi porta oculari sono inclinati a 45°.

Il campo si presenta perfettamente piano senza deformazioni visibili. Di serie troviamo anche un’ottica per la telecamera da 0,5x con filettatura C-Mount.

Fig.3 – La vecchia diapositiva utilizzata durante il test

Ho provato a riprendere una vecchia diapositiva, ormai sbiadita, con l’illuminazione trasmessa, non si percepiscono riflessi interni eventualmente dovuti ad un non corretto trattamento opacizzante dell’adattatore fotografico. L’immagine seguente è di un regolo millimetrico ripreso al minimo ingrandimento di 6.2x e al massimo di 50x

Fig.4 – Particolare sul regolo millimetrico

 

Fig. 5 – Anche in questa immagine, con due scatti eseguiti agli estremi dello zoom, si può notare la notevole escursione e una qualità adeguata alla fascia

 

PREGI E DIFETTI

Pregi

  • Campo perfettamente spianato
  • Assenza di deformazioni
  • Meccanica

Difetti

  • Avrei preferito che il faretto dell’illuminazione episcopica fosse un po’ più basso in modo da limitare il riflesso su oggetti particolarmente lucidi.
Immagine: alcune immagini ottenute con il microscopio stereoscopico PHENIX SMZ180-LT

GIUDIZIO FINALE

Complessivamente il microscopio stereoscopico PHENIX SMZ180-LT si presenta di buona fattura, con finiture adeguate e materiali di buona qualità, la costruzione è ben fatta, il peso di 5,5 Kg. circa contribuisce a renderlo stabile quanto basta per un uso fotografico. Il prezzo consigliato di 1,370$ è in linea con il suo posizionamento in gamma media/alta della produzione asiatica o europea rimarcata. Si può tranquillamente considerarlo uno strumento da lavoro per un laboratorio tecnico che necessita di documentare quanto visionato senza arrivare alla qualità, e ai costi stellari, dei soliti quattro produttori al top mondiale. Un buon acquisto anche per l’amatore evoluto che desidera un prodotto pronto all’uso senza il rischio di sorprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.