UAP, rapporto del Pentagono. Fenomeni aerei non identificati. Ecco il documento ufficiale

Vi sembrerà strano trovare tra le pagine di Binomania.it un argomento del genere. In realtà, nel corso degli anni, ho avuto modo di parlare con alcuni appassionati che ipotizzavano o erano fortemente convinti di aver visto “strani oggetti nel cielo” . 

Per questo motivo, so che alcuni tra voi stavano aspettando la valutazione preliminare, rilasciata, poche ore fa, il 25 di Giugno 2021 dal Pentagono.

Pubblico il file pdf originale che potete scaricare premendo sulla immagine e/o cliccando su salva con nome. Vi posso anticipare che gli Stati Uniti non sono stati in grado di dare una spiegazione alla maggior parte dei “fenomeni aerei non identificati”.  Buona lettura a tutti quanti. Sono curioso di conoscere i vostri commenti a riguardo. Buona notte.

 



 

 

 

SOSTIENI IL MIO LAVORO DA GIORNALISTA INDIPENDENTE Contribuendo e diventando un sostenitore di BINOMANIA.it, mi aiuterai a mantenere gratuiti tutti i contenuti. Scegli la tua donazione. Grazie anticipatamente




3 thoughts on “UAP, rapporto del Pentagono. Fenomeni aerei non identificati. Ecco il documento ufficiale

  1. Ciao Piergiovanni,
    Il primo pensiero che mi viene in mente quando leggo di queste cose è:
    – in un epoca in cui la tecnologia permette di riprendere dai satelliti dettagli minuti della superficie terrestre, con una chiarezza sbalorditiva ed a centinaia di km di distanza, com’è possibile che in nessuno dei video circolati in rete si riesca ad apprezzare un oggetto definito e ben riconoscibile?
    Trovo quasi assurdo che ancora nel 2021 il rapporto parli di “limited amount of high quality report”, per cui il mio sospetto è che possa trattarsi di fenomeni non compresi nè conosciuti del nostro mondo, non di mondi alieni.

    1. Ciao Samuele, grazie per il commento. Rimaniamo in attesa di ulteriori informazioni, piu’ avanti dovrebbero definire il modus operandi per studiare tale fenomenologia, che potrebbe anche essere atmosferica?

  2. Personalmente ritengo che parte degli avvistamenti sia davvero qualcosa di non umano. Tecnologia aliena. Sonde oppure veri e propri veicoli con forme di vita non umane. Credo che abitino il nostro pianeta, gli oceani e il sottosuolo, come base o in pianta stabile da molto tempo.
    Ovviamente non ho prova diretta di ciò. Ma le affermazioni concrete di persone affidabili e informate, a vari livelli militari e non, americane e non, che abbiamo ascoltato negli anni e sempre più di recente, fanno propendere per quel tipo di spiegazione.
    Credo inoltre che gli Usa, che sono i principali artefici della comunicazione e dirigono in effetti ciò che veniamo a conoscere, abbiano volutamente insabbiato e mentito sugli ufo da 75 anni e più. Le ragioni sono in prima battuta semplici ossia il predominio militare. Si tratta di tecnologie che se padroneggiate garantiscono la supremazia, e mai una nazione come gli usa vorrebbe che altre potenze se ne appropriassero. Altre ragioni potrebbero esistere, ma qui si va su campi di speculazione davvero illimitata. Per esempio che tipo di interazione hanno questo esseri con la nostra specie? Le fantomatiche storie di rapimenti o abduzioni hanno fondamento? Se lo avessero, raccontarlo al pubblico sarebbe fonte di panico.
    Chi sostiene: ma se sono qui perché non sbarcano all’ONU o alla Casa bianca e si palesano? Beh, è un punto di vista davvero antropocentrico, che si suppone pari a loro. Noi ci presentiamo a un formicaio? Desideriamo condividere con una colonia di api i nostri oggetti e scoperte? Noi siamo al loro cospetto come formiche o api, probabilmente.
    Immagini e video HD esistono, semplicemente non ci vengono ancora mostrati. L’ex DNI John Ratcliffe l’ha detto in una intervista, cioè che esistono un bel po’ di dati multisensore, anche immagini satellitari, su questi oggetti in possesso dell’intelligence.
    La mia teoria è che la ‘politica’ di questi esseri alieni stia cambiando, da una sostanziale indifferenza stanno passando a manifestazioni visive sempre più frequenti. I piloti usa affermano che li incontrano ormai quasi quotidianamente (vedi intervista al pilota Graves su CBS 60minutes, e ulteriori recenti dichiarazioni militari). Dunque gradualmente per non so quale motivo stiamo per incontrarli.
    Gli usa non ammetteranno mai le menzogne dette e quello che sanno. Che potrebbe essere effettivamente sconvolgente e più assurdo di quanto ho ipotizzato qui. Ciò che stanno facendo è una sorta di commedia per salvare capra e cavoli e liberarsi di una palla che scotta: ammettono che qualcosa c’è, aprono il fenomeno a una più larga indagine, e contano di affidare gradualmente agli scienziati l’onere di ammettere che molti ufo sono in effetti non terrestri.

Comments are closed.