Recensione del binocolo OBERWERK DELUXE 8×42

PREMESSA

Il binocolo Oberwerk DELUXE è disponibile in vari formati, questa volta vorrei parlarvi dell’8×42. Mi è stato gentilmente fornito in visione da Oberwerk.eu in collaborazione con Oberwerk.com. Costa 179 euro e beneficia di due anni di garanzia.

 Prima di iniziare vi propongo di iscrivervi  gratuitamente al canale YouTube   e di venire a trovarmi su:

https://www.binomania.it/phpBB3/index.php 

Il forum ufficiale dal 2010

https://www.facebook.com/binomania

La pagina ufficiale di Binomania

https://www.facebook.com/groups/termicienotturni

Il gruppo dedicato alla visione notturna e alle fototrappole

https://www.facebook.com/groups/binocoli

Il gruppo per gli amanti dei binocoli, degli spotting scope e dei telescopi astronomici

https://www.instagram.com/optics_reviews/

La mia pagina Instagram 

https://twitter.com/binomanianews

Tutte le news su Twitter

https://www.termicienotturni.it

Il sito web dedicato alle recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna

 

 

 

DATI TECNICI DICHIARATI DALLA CASA MADRE

 

Modello

OBERWERK DELUXE 8×42

Ingrandimento

8x

Obiettivi (mm)

42

Pupilla di uscita (mm)

4.6

Estrazione pupillare (mm)

18

Valore crepuscolare

N.D.

Distanza minima di messa a fuoco (m)

12

Campo reale  di vista a 1000 m in metri

143m – 8.2°

Campo apparente (°)

65.6° (Formula classica)

Trasmissione di Luce

N.D.

Distanza inter-pupillare

56-74

Regolazione delle diottrie

N.D.

Composizione scafo ottico

N.D.

Tipo di Prisma

Prismi di Porro

Impermeabilizzazione

Sì, con azoto

Temperatura di esercizio (°)

N.D.

Dimensioni (mm)

150×180 

Peso (g)

1040

Prezzo (Euro Iva Inclusa – Agosto 2022) 

179

Garanzia

24 mesi

Sito di riferimento

www.oberwerk.com
www.oberwerk.eu

 

ACCESSORI IN DOTAZIONE

Nella dotazione di serie è compresa una borsa in cordura di colore nero, la tracolla per il binocolo, i tappi, un panno per la pulizia delle ottiche, un manuale con le informazioni basilari riguardanti: caratteristiche tecniche, suggerimenti e primo utilizzo.

Fig.1 – Un primo piano sul binocolo OBERWERK DELUXE 8×42

 

ACCESSORI OPZIONALI

Non sono forniti degli specifici accessori per questo binocolo, tuttavia l’azienda dell’Ohio ha molti supporti (treppiedi, monopiedi e teste) che potrebbero essere utilizzati.  Sul sito internazionale sono suggeriti questi due prodotti:  il monopiede Oberwerk 2000    e il treppiede Oberwerk 3000. Purtroppo, il distributore europeo ha deciso di non importarli.

.

MECCANICA E SISTEMA A FUOCO

Appena lo si impugna si può notare la sua robustezza.  Per essere un prodotto proposto in tale fascia di prezzo beneficia di ottime rifiniture, appare, infatti, curato come un binocolo di fascia superiore.,

Il suo telaio è costruito interamente in alluminio e presenta un fissaggio a tre punti dei prismi, appare quindi come più robusto rispetto alla serie Marine che possiede  un sistema di prismi inclinabili.

Fig.2 – Il binocolo OBERWERK DELUXE 8×42 è decisamente robusto

È composto con prismi di Porro e fornisce un campo di vista grandangolare. Pesa 1038 g (rilevati dalla mia bilancia, senza tappi e tracolla). È impermeabilizzato e riempito in azoto ed protetto da una efficace armatura gommata di colore verde che possiede un discreto grip. Sul lato anteriore del telaio è stata inserita una filettatura per fissarlo ai treppiedi fotografici.
Il ponte centrale è molto ampio, due dita lo sostengono, mentre anulare e mignolo si possono posizionare sul tubo ottico nei pressi dell’obiettivo.  È preferibile utilizzare il dito medio per ruotare la manopola. Grazie alla presenza dei grandi prismi in vetro Bak-4, il peso del binocolo è sbilanciato verso gli oculari e questo – aggiunto alla sua ottima ergonomia – consente di affaticare meno le braccia e le spalle nell’uso protratto. È impermeabilizzato, anche se non ho potuto conoscerne il reale grado ed è riempito in azoto.

Fig.3 – Il peso è sbilanciato verso gli oculari e tale caratteristica diminuisce l’affaticamento di braccia e spalle

 

Modello

Peso

Dimensioni ( chiuso)

OBERWERK DELUXE 8×42

 1038 g

146 mm x180 mm 

 

E ‘stata utilizzata una manopola di messa a fuoco, grande, ottimizzata con una copertura gommata zigrinata che ne facilita, in parte, l’utilizzo. Confermo la distanza minima di messa a fuoco dichiarata, sono riuscito, infatti, a focalizzare un soggetto a circa 12 metri di distanza. Questa è una prestazione che riduce, in parte, la possibilità di osservare soggetti molto ravvicinati, ad esempio quando ci si apposta dentro un capanno fotografico. Di contro, la corsa per raggiungere l’infinito è breve, meno di un 1/8 di giro. È presente, inoltre, una ghiera laterale sull’oculare destro per la regolazione diottrica che si è rilevata precisa, priva di blocco di sicurezza. Sono visibili unicamente i segni “+ 0 – “senza alcun riferimento ai gradi di compensazione.

 

Modello

Distanza minima di messa a fuoco rilevata

Senso di rotazione

Raggiungiment1o dell’infinito dalla distanza minima

OBERWERK DELUXE 8×42

11.8 metri 

antiorario

1/8 di giro c.a.

 

OTTICA

Obiettivi

Il binocolo OBERWERK DELUXE 8×42 non utilizza vetri ED, ma acromatici che potrei definire ad alto contrasto. Le immagini al centro del campo, infatti, sono molto nitide con un contrasto medio alto. La tonalità dei colori è virata leggermente verso il giallo, fattore che personalmente preferisco per aumentare il contrasto durante le giornate fosche.  

Fig.4 – In questa immagine si vedono gli obiettivi acromatici da 42 mm di diametro

Oculari

Sullo scafo ottico del binocolo sono impressi “143 m a 1000 metri”. Da un rapido calcolo (143 /17.45) si evince che questo binocolo inquadra 8.2 gradi di campo che comportano un campo apparente di circa 66 gradi. (65.6). Gli oculari inquadrano, quindi, un campo di vista decisamente grandangolare.  I paraluce si retraggono al di sotto della filettatura che concede l’utilizzo dei filtri astronomici. Sono ruotabili senza sistema click-stop e non si possono svitare per facilitare la pulizia della lente di campo. Quest’ultima è decisamente incassata nella sua cella per evitare urti e danni.  Ho calcolato una estrazione pupillare di circa 14 mm, consiglio quindi ai portatori di occhiali – ove possibile- di verificare il confort osservativo. Il loro diametro è decisamente grande, 47.80 mm e la distanza tra gli oculari – considerando 66 mm di distanza interpupillare – è di  15.50 mm.

Fig.5 – Chi possedesse una distanza interpupillare inferiore ai 65 mm, potrebbe osservare senza estrarre i paraluce

Non si adatta particolarmente ai visi dei bambini e delle persone che possiedono una distanza tra gli occhi un po’ stretta. Personalmente sono riuscito a utilizzarlo con profitto unicamente abbassando i paraluce. In realtà una soluzione l’ho trovata e consiste nello svitare i paraluce, sfruttando le due piccole viti, per poi utilizzare dei paraluce laterali a fetta di salame della FIELDOPTICS che comprai due anni fa da RPOPTIX.

Modello

Diametro lente di campo

Diametro barilotto

Distanza tra gli oculari con una distanza di 66 mm

OBERWERK DELUXE 8×42

23.50 mm

47.80 mm

 15.50 mm

 

Prismi

Come anticipato, il binocolo OBERWERK DELUXE 8×42 è composto da prismi di PORRO in vetro Bak-4. La pupilla di uscita è quasi perfettamente circolare, si nota soltanto uno spigolo nella parte interna laterale, ma nulla che possa inficiare l’osservazione. Anche la vignettatura ai bordi, osservando uno sfondo illuminato è ininfluente. La differenza con strumenti da bancarella da 50 euro si nota moltissimo in tale frangente. Osservando in controluce la pupilla di uscita si percepisce soltanto un po’ luce diffusa ai bordi, ma ho ottenuto risultati peggiori in alcuni binocoli dal prezzo superiore.

 

TRATTAMENTO ANTIRIFLESSO

Fig.6 – Un primo piano sulla pupilla di uscita

Ottima, come sempre, la cura proferita da Oberwerk per ciò che concerne il trattamento antiriflesso. Mi pare sempre tra i migliori, in tale fascia di prezzo. Si tratta di un trattamento multistrato su ogni superficie ottica che si palesa con un bel colore verde smeraldo. Anche la mia solita prova di specchiare i dettagli del  viso ha dimostrato una ottima capacità di trasmettere la luce senza riflettere, sempre se paragonato al suo prezzo di acquisto.

 

ABERRAZIONI CROMATICHE E GEOMETRICHE

 

Aberrazione cromatica al centro del campo

Non è un binocolo dotato di ottiche ED ma, grazie al basso ingrandimento e alla presenza di prismi di Porro, l’aberrazione cromatica in asse è decisamente contenuta. E’ impercettibile, infatti,  nelle comuni condizioni di illuminazione, si mostra soltanto su soggetti a forte contrasto come un lieve alone verde- viola.

 

Cromatismo laterale

Spostandosi verso il bordo, il cromatismo laterale è più evidente ma mai troppo invasivo.

Distorsione angolare

A partire da circa il 70% dal centro del campo ho potuto percepire un po’ di distorsione angolare a cuscinetto.

Curvatura di campo

Essendo un binocolo economico ma dal campo grandangolare non mi aspettavo di certo di beneficiare di un campo piatto sino al bordo. In realtà il degrado si nota, ma non è poi così eccessivo e parte da circa l’85% dal centro del campo. Il lato positivo è che i soggetti inquadrati rimangono ancora abbastanza percepibili, caso mai si palesa di più il cromatismo laterale. Provando a focheggiare al bordo del campo, inoltre, ho visto che la quasi totalità del defocusing dipende dalla curvatura, sintomo che almeno nell’uso diurno la coma e l’astigmatismo sono meno evidenti. Per un binocolo che costa 170 euro e fornisce oltre otto gradi di campo, mi pare un ottimo risultato.

Altre aberrazioni

Nell’uso astronomico, osservando stelle di III magnitudine si nota la presenza di un po’ di coma e di astigmatismo che ho sintetizzato nella tabella qui di seguito.

Modelli

Campo con stelle perfettamente puntiformi ( III magnitudine)

Campo ancora utilizzabile

Campo con stelle distorte

OBERWERK DELUXE 8×42

 65%

 15%

 20%

 

 

 

 

 

 

TEST CON USAF CHART A 35 METRI

Il test con la USAF CHART ha dimostrato una buona nitidezza e un contrasto deciso nella sua fascia di prezzo. Oltretutto l’aberrazione cromatica visibile è inferiore a quella di molti binocoli con prismi a tetto che si fregiano della sigla ED.

Fig.7 – Il risultato con la USAF chart non si discosta poi molto rispetto ai blasonati Top di Gamma di pari formato

PROVA SUL CAMPO

Come sempre ho avuto la possibilità di provare sul campo questo binocolo per alcuni giorni, traendone varie impressioni. Le riassumo per settori osservativi.

Birdwatching

Non è un binocolo che consiglierei specificatamente per il birdwatching, in tal caso, sarebbe meglio preferire le serie con prismi a tetto Oberwerk SPORT ED, HD e HD II. Di contro, se non si ha la necessità di focheggiare sotto i  dodici metri, questo binocolo propone una buona luminosità, una messa a fuoco corta sino all’infinito e un ottimo contrasto, migliore ad esempio, di molti prodotti con prismi a tetto in tale fascia di prezzo; ovviamente l’ingombro non favorisce l’utilizzo protratto sul campo.

Fig.8 – Ho apprezzato questo binocolo nella osservazione del paesaggio. Poca spesa, tanta resa (al centro del campo)

Osservazione paesaggistica

In questo settore ho apprezzato l’ampio campo di vista che seppur non perfettamente piatto sino al bordo del campo, fornisce una buona proiezione sulla scena.  Eccellente anche il rapporto: ingrandimento e pupilla di uscita che lo rende decisamente confortevole, oltretutto la sua ergonomia consente una presa molto stabile. Il contrasto alto è ottimo anche per osservare dettagli in presenza di un po’ di foschia.

 

Osservazione venatoria-crepuscolare

Se non si hanno esigenze da binocolo al Top della Gamma e non si necessita di focalizzare soggetti sotto i dodici metri, penso sia un ottimo prodotto per questo genere di osservazioni: è più compatto del 10×50 e più grandangolare, luminoso come un eccellente 35 mm di alta fascia, robusto e impermeabilizzato.  Grazie alla presenza dei prismi di Porro, che garantiscono meno dispersione luminosa grazie al minor passaggio aria-vetro, è decisamente più luminoso di un binocolo con prismi a tetto in tale fascia di prezzo. Mi è parso uno strumento valido per il selecontrollo anche da postazione mobile, tipo Jeep o fissa  a una frazione del prezzo sborsato per acquistare un TOP DI GAMMA.

 

Osservazione astronomica

Nell’osservazione astronomica gli 8.2 gradi di campo consentono di osservare la Cintura di Orione e la Nebulosa M42, oppure di inquadrare alla perfezione le Pleiadi o le Iadi. Ovviamente, a causa della distorsione angolare sopraccitata le immagini stellari si deformano a partire da circa il 75% dal centro del campo. Ai bordi, infatti, si puo’ percepire un po’ di coma e astigmatismo. Grazie alla buona luminosità, rispetto alle osservazioni ad occhio nudo, è possibile iniziare ad ammirare il colore di tantissime stelle. In presenza della Luna Piena si osservava ugualmente un piccolo alone luminoso nella zona di M42.  Anche in questo caso le prestazioni sono interessanti, ricordarndoci sempre che si sta parlando di un binocolo entry-level. 

Fig.8 – L’Oberwerk Deluxe 8×42, seppur con qualche ovvia limitazione data dal prezzo di acquisto si è rilevato un binocolo polivalente

PREGI E DIFETTI

Pregi

  • Rapporto prezzo prestazioni
  • Prismi di Porro in vetro Bak-4
  • Campo di vista grandangolare
  • Aberrazioni geometriche contenute in rapporto al prezzo e al campo inquadrato
  • Contrasto più che buono
  • Ottimo trattamento anti-riflesso
  • Può’ luminoso di un  binocolo con prismi a tetto in tale fascia di prezzo a parità di formato

Difetti

  • Messa a fuoco utilizzabile comodamente solo con il dito medio
  • Oculari molto grandi per acconsentire un ottimo confort a chi ha distanze inter-pupillari inferiori a 66-65 mm.
  • Qualche piccolo riflesso fantasma e un po’ di luce diffusa nella classica prova lampione, o osservando la luna piena

 

IN SINTESI

 

Oberwerk ha saputo insediare nella fascia di prezzo compresa tra i 150 e i 200 euro un binocolo con delle ottime doti: è robusto, impermeabilizzato con un campo grandangolare, un ottimo trattamento antiriflesso e una luminosità superiore ai concorrenti con prismi a tetto. Non eccelle per pesi e ingombri e ha una distanza minima di messa a fuoco non eclatante, ma è senz’altro un prodotto valido con un ottimo rapporto prezzo prestazioni e una nitidezza e un contrasto al centro del campo che durante le giornate con condizioni d’illuminazione ottimale non sfigura neppure con i binocoli al Top della Gamma. Consiglierei al costruttore di dotarlo di paraluce laterali opzionali  per migliorare il confort e consentire a tutti gli  appassionati di beneficiare delle sue caratteristiche.

 

PREZZO

Costa 179 euro e beneficia di due anni di garanzia.

 

RINGRAZIAMENTI

Io ringrazio Kevin Busarov di www.oberwerk.com, per le preziose informazioni e Pietro Romagnoni di www.oberwerk.eu per aver fornito l’esemplare oggetto di questo test.

DISCLAIMER

Binomania non è un negozio, Nel mio sito web troverete unicamente recensioni di prodotti ottico sportivi, fotografici e astronomici.  Le mie impressioni sono imparziali come è dovere di ogni giornalista e non ho alcuna percentuale di vendita sull’eventuale acquisto dei prodotti. Per questo motivo, qualora voleste acquistare o avere informazioni su eventuali variazioni di prezzo o novità, vi consiglio di visitare il sito ufficiale  di Oberwerk.