Recensione dello spotting scope SWAROVSKI ATC 17-40×56, compatto, leggero e molto performante

BINOMANIA PREMIUM è la nuova modalità per visitare il sito web senza distrazioni pubblicitarie e per beneficiare di alcuni privilegi. Vuoi saperne di più? Clicca qui

PREMESSA

Lo Swarovski Optik ATC 17-40×56 è uno spotting scope compatto che pesa meno di 1000 grammi, perfetto per le lunghe escursioni quando si vuole viaggiare leggeri. Attualmente, nel mese di maggio del 2024 costa 2460 euro, e mi è stato gentilmente fornito in visione da Gianni Brignoli della Armeria Brignoli. Ricordo ai lettori di Binomania che beneficiano dell’abbonamento Premium che Brignoli concede uno sconto speciale ai miei abbonati su tutti i prodotti Swarovski Optik. E’ sufficiente contattarmi per beneficiare del codice sconto.

All’interno di questa video recensione e dell’articolo, potrete leggere le mie impressioni personali e pratiche sul campo, oltre alle caratteristiche, ai pregi e ai difetti di questo strumento ottico made in Austria.

 

Prima di iniziare vi propongo di iscrivervi  gratuitamente al canale YouTube   e di venire a trovarmi su:

https://www.binomania.it/phpBB3/index.php

Il forum ufficiale dal 2010

https://www.facebook.com/binomania

La pagina ufficiale di Binomania

https://www.facebook.com/groups/termicienotturni

Il gruppo dedicato alla visione notturna e alle fototrappole

https://www.facebook.com/groups/binocoli

Il gruppo per gli amanti dei binocoli, degli spotting scope e dei telescopi astronomici

https://www.instagram.com/optics_reviews/

La mia pagina Instagram

https://twitter.com/binomanianews

Tutte le news su Twitter

https://www.termicienotturni.it

Il sito web dedicato alle recensioni di strumenti ottici e digitali per la visione notturna

 

 

DATI TECNICI DICHIARATI DALLA CASA MADRE

Swarovski ATC 17x40x56 Dati Tecnici
Obiettivo 56 mm
Ingrandimento 17-40x
Pupilla di uscita 3,4 – 1,4 mm
Campo visivo a 1000 metri 62 – 34 m
Campo reale (in gradi) 3,52 – 1,93
Campo apparente (in gradi) 57° – 71°
Compensazione diottrica 5 diottrie
Estrazione pupillare 20 mm
Distanza minima per la messa a fuoco 3,4 m
Trasmissione della luce 88%
Temperatura di esercizio -25°C a +55°C
Impermeabilizzazione Fino a 4 metri
Peso 970 g
Lunghezza 258 mm
Prezzo €2460
Negozio di riferimento Armeria Brignoli – Brescia

FORMATI DISPONIBILI

Sono disponibili due modelli di questo piccolo telescopio da osservazione: l’ATC, il cui acronimo significa Angled Telescope Compact, e l’STC, ove la lettera “S” significa  “Straight”, ossia dritto. È disponibile in due colorazioni: verde e arancione.

 

ACCESSORI IN DOTAZIONE

Questo minuscolo spotting scope è consegnato all’interno di una scatola di ottima fattura. Aprendola, si nota una scena naturalistica con un rapace che volteggia sopra le Alpi austriache. La dotazione è decisamente completa: al suo interno, oltre all’ATC 17x40x56 si trova un panno per la pulizia delle ottiche, un manuale multilingua e una cinghia per il trasporto. Non è presente una borsa morbida per il trasporto, ma come vedremo, l’ampia e spessa armatura scongiura eventuali problematiche durante l’utilizzo più intenso all’aperto.

FIG.1 – La scatola che contiene lo Swarovski ATC

Consentitemi ora un approfondimento riguardo alla tracolla e un altro piccolo accorgimento studiato dai progettisti Swarovski.  La tracolla è molto comoda e consente di trasportare lo spotting scope in maniera semplice e immediata; inoltre, si riesce a inserire all’interno di un tascone. Un altro fattore di pregio, che denota la qualità dei particolari, è dato dal tappo copri obiettivo: si inserisce perfettamente all’interno di quello che copre l’oculare, evitando così il rischio di perderlo durante le osservazioni pratiche sul campo.

FIG.2 – Il tappo copri obiettivo si incastra perfettamente in quello che protegge l’oculare: non lo perderete mai.

ACCESSORI OPZIONALI


Swarovski  Optik offre una serie di accessori opzionali, dal kit di pulizia CSO, al supporto ETS per il fissaggio rapido su alberi e pali, al treppiede CCT in carbonio, fino alla testa per treppiede e all’adattatore per cellulare PA2. È possibile acquistare direttamente questi accessori presso Brignoli.

 

MECCANICA E SISTEMA DI MESSA A FUOCO

Questo spotting scope è decisamente compatto e leggero. La mia bilancia elettronica ha stimato un peso di 1046 g con il tappo copri obiettivo e il tappo copri oculare fissato con un cordoncino, che diventano 1016 g senza i tappi. Presumo che il peso dichiarato  dalla azienda derivi dall’assenza del paraluce, dell’oculare,  in quanto, svitandolo, la mia bilancia ha stimato un peso di 980 g. È lungo circa 26 cm.

Lo Swarovski ATC  17x40x56 è impermeabilizzato, riempito in azoto, e in grado di resistere a una temperatura di esercizio compresa tra i -25 e i +55 gradi, ed è impermeabile fino a 4 metri. Questo spotting scope è protetto da un’ottima armatura in gomma di colore arancione. Il materiale non è particolarmente antiscivolo, ma la sua forma consente di impugnarlo agevolmente per essere utilizzato a bassi ingrandimenti anche a mano libera.

Nella parte laterale, nei pressi del prisma, sono presenti due asole: una consente il fissaggio della cordicella che sostiene il tappo  dell’oculare, l’altra permette l’utilizzo della cinghia per un comodo trasporto. Grazie alla sua leggerezza, si può trasportare facilmente al collo come se fosse un classico binocolo. Nella parte inferiore è stata prevista una filettatura con adattatore 1/4-3/8 per il collegamento con i treppiedi fotografici. Visti la sua leggerezza e il livello di ingrandimento, non è necessario investire in treppiedi molto robusti e pesanti. Personalmente, sono stato in grado di utilizzarlo a bassa ingrandimento sino a circa 20X anche con un semplice monopiede.

 

FIG.3 – L’asola che consente di fissare la cordicella che sostiene il tappo copri-oculare

 

Modello

Peso

Dimensioni ( chiuso)

 Swarovski ATC 17-40×56

1016 senza tappi

28 cm

 

Il sistema di messa a fuoco avviene tramite un’ampia ghiera a collare, simile a quella degli obiettivi fotografici. Questa scelta può piacere o non piacere, ma certamente la messa a fuoco è molto fluida e precisa, senza alcun gioco o tensione. Grazie all’ampio diametro della ghiera, circa 55 mm ,con una larghezza di 43,4 mm, è possibile operare sul sistema di messa a fuoco anche utilizzando i guanti invernali o i guanti da tiro.

La distanza minima di messa a fuoco che ho stimato è di circa tre metri. Da questa distanza, è necessario ruotare la ghiera in senso orario per due giri e un quarto. Non ho notato differenze significative nel raggiungimento della minima distanza tra 14x e 40x. Ricordo ai lettori che questa prestazione dipende anche dal proprio visus

Modello

Distanza minima di messa a fuoco rilevata

Senso di rotazione

Raggiungiment1o dell’infinito dalla distanza minima

 SWAROVSKI ATC 17-40×56 

 2.95 metri

orario

due giri e un quarto

 

 

IL SEMIGUSCIO

Un piccolo paragrafo a parte spetta al cosiddetto semi guscio. E’ fornito in dotazione  e consente di far ruotare l’anello di messa a fuoco liberamente anche quando lo spotting scope è poggiato su superfici morbide. Si fissa tramite la filettatura per il collegamento con il treppiede fotografico, garantendo così un utilizzo agevole in diverse condizioni.
Da un punto di vista ergonomico, devo confermare che entrambi i modelli, angolato e dritto, sono stati progettati per essere appoggiati senza particolari problemi anche su sostegni naturali o improvvisati  sulle superfici.
 In tal caso, preferisco la versione dritta; tuttavia, devo ammettere che anche la versione angolata si appoggia facilmente sopra uno zaino da trekking, un classico sacchetto di sabbia per il tiro o la fotografia naturalistica, o su qualsiasi superficie naturale che consenta un appoggio ottimale. In queste circostanze, molto dipenderà anche dalla vostra esperienza e capacità di gestire uno strumento così compatto senza fare uso di un treppiede.

FIG.4 – Come vedrete nel video, il semi guscio si avvita rapidamente alla filettatura da 3/8

 OTTICA

 Obiettivo

Da un punto di vista ottico, Swarovski Optik è rinomata per l’utilizzo di vetri di alta qualità. In questo caso, ci troviamo di fronte a uno strumento ottico che, almeno per quanto riguarda l’osservazione visuale, può essere definito un telescopio  apocromatico. Le immagini sono neutre, nitide e contrastate, con un’ottima resa dei colori e una eccellente trasmissione luminosa in proporzione al suo diametro. Swarovski  Optik dichiara una trasmissione della luce pari all’88%.  

FIG.5 – Obiettivo di alta qualità con prestazioni…apocromatiche

Oculare

L’oculare è integrato nello scafo ottico e non è rimovibile. Avendo posseduto uno Swarovski ATX 95 per qualche anno, mi pare identico all’oculare in dotazione alla serie Top di Gamma. 

Il sistema ottico fornisce un range di ingrandimento compreso tra 17x e 40x, mentre la pupilla di uscita varia da 3,4 mm a 1,4 mm. Di conseguenza, l’ATC 17x40x56  beneficia di un campo visivo a 1000 metri compreso tra 62 metri e 34 metri, il che comporta un campo apparente di 57° a 17x e ben 71° a 40x. Il campo reale di vista è di 3,52 gradi a 17x e di 1,93 gradi a 40x tra i migliori, attualmente, in questo formato con obiettivo da 56 mm.

La compensazione diottrica dell’oculare è di cinque diottrie, mentre l’estrazione pupillare dichiarata è di 20 mm.  Giudico l’estrazione pupillare perfetta per essere utilizzata almeno con i miei occhiali da sole. Ovviamente, tali prestazioni dipendono anche dalla conformazione del proprio viso e dallo spessore eventuale degli occhiali da vista.

La lente di campo ha un diametro di circa 29 mm, che è molto ampio e scongiura gli appannamenti più facili che avvengono con gli spotting scope più economici durante l’inverno, oltre a facilitare la sua pulizia. Il corpo dell’oculare è stato concepito per essere perfettamente utilizzabile con l’adattatore Swarovski PA2, rendendolo un ottimo combo per la tecnica del digiscoping.

 

PRISMA


Anche in questo caso ci troviamo di fronte a un sistema ottico di alta qualità, molto luminoso, trasparente con una pupilla di uscita perfettamente sferica e solo un lieve accenno di riflessi interni, come visibile in questa immagine

 

FIG.6 – Come visibile la pupilla di uscita è perfettamente circolare, a 17x si nota meno riflessi interni che a 40x

Trattamenti anti-riflesso

Anche in questo caso ci troviamo di fronte alla massima tecnologia concessa da Swarovski Optik nell’ultimo periodo. Il piccolo ATC 17-40×56 beneficia di un trattamento multistrato antiriflesso di altissima qualità, con una piacevole colorazione verde a tratti vivace, simile a quella dei binocoli Swarovski.

La mia classica prova di riflessione del viso per verificare quanti dettagli sia in grado di vedere e la lettura dei micro caratteri ha dimostrato sul campo un’ottima qualità di tale rivestimento. Oltretutto, dovrebbe essere ottimizzato anche se non ho trovato riferimenti specifici sul sito ufficiale riguardo a un rivestimento idrorepellente e oleorepellente che evita l’agglomerazione delle gocce d’acqua e facilita la pulizia dell’obiettivo e della lente di campo dell’oculare.

 

ABERRAZIONI CROMATICHE 

 Come sempre, dovendo analizzare le aberrazioni cromatiche ho dovuto fare una media tra quanto evidenziato a bassi ingrandimenti e quando visibile agli alti.

Aberrazione cromatica al centro del campo

 

Al centro del campo, l’aberrazione cromatica durante le comuni osservazioni naturalistiche è pressoché invisibile. Sono riuscito a percepire solo un lievissimo accenno durante la prova con il gazebo bianco, ma dipende molto dalle condizioni di illuminazione. Si tratta senz’altro di un prodotto che nell’uso visuale puo’ essere definito apocromatico. Vi invito a vedere il video dove mostro la classica prova effettuata inquadrando il gazebo bianco molto riflettente che ho giardino..sino a quando le rose inglesi di mia moglie non cresceranno.

Cromatismo laterale

Il piccolo ATC si conferma eccellente anche per quanto riguarda il contenimento del cromatismo residuo laterale. L’aberrazione cromatica laterale è evidente soltanto agli estremi bordi del campo, mentre molti spotting scope iniziano a mostrare cromatismo laterale già verso il 40-50%. partendo dal centro del campo. In questo caso, è stato fatto un ottimo lavoro.

ABERRAZIONI GEOMETRICHE

Curvatura di campo

Swarovski Optik è molto nota tra gli appassionati perché produce spesso binocoli e spotting scope con un campo piatto fino al bordo. Anche in questo caso, ho notato che l’ATC 17-40×56 fornisce un campo perfetto fino al bordo sia a 17x che a 40x ingrandimenti. È definibile come un telescopio da osservazione con un campo totalmente piatto.


Distorsione angolare

Ho percepito una leggera distorsione a cuscinetto a partire da circa il 70% dal centro del campo.

 

Altre aberrazioni nell’uso astronomico

Seppur consapevole che un telescopio con un diametro di 56 mm non sia ottimale per l’osservazione astronomica, ho comunque esaminato il cielo stellato per verificare la presenza della coma e dell’astigmatismo. Posso confermare che le immagini stellari risultano perfettamente puntiformi dal centro fino al bordo sia a 17x che a 40x  ovviamente durante tutto il range di ingrandimento

Campo di massima nitidezza (CN)

Campo ancora utilizzabile (CU)

Campo inutilizzabile (CI)

Puntiformità stellare inficiata da

100%

 

 

Nulla, ottima visione

 

 

TEST CON USAF CHART A 35 METRI

Ho voluto compiere un test più esaustivo con la USAF CHART rispetto a quello che sono solito fare con un classico spotting scope da 80 mm utilizzato soltanto sul treppiede. Per questo motivo, ho condotto varie sessioni osservative con la  USAF in tre modalità: osservazione a mano libera, appoggiando lo spotting scope sul un sacco di sabbia che utilizzo per la fotografia naturalistica  per sperimentare una classica osservazione outdoor e ,infine, una sessione osservativa con il piccolo telescopio da osservazione montato sopra un leggero  treppiede fotografico.

È importante notare che l’osservazione visuale a mano libera è sfruttabile soltanto agli ingrandimenti più bassi, ossia 17x. Come potrete notare dalla tabella, sono stato in grado di percepire il numero 6 e, a tratti, le righe orizzontali e verticali. Questa prestazione è molto personale e soggettiva e nel mio caso è di poco superiore a quanto riesco a ottenere con un binocolo 10x, vedete ad esempio la recensione dell’Oberwerk 12×50 che ha mostrato un risultato simile.

Con il telescopio montato sul cavalletto a 17x, è stato possibile percepire con soddisfazione il numero 6 della tabella opposta, mentre a 40x si è raggiunto con soddisfazione il numero 5 sotto la tabella 1, anche se a tratti si poteva percepire il numero 6.

Appoggiando lo spotting scope sullo zaino fotografico, certamente non si ha la possibilità di beneficiare di un supporto stabile come quello fornito dal cavalletto fotografico. Tuttavia, la situazione è decisamente migliore rispetto all’appoggio a mano libera. In tal caso, mediamente sono riuscito a vedere fino alla riga numero 4. Non sono stato in grado di evitare alcune micro vibrazioni, ma questo dipende dalle capacità individuali e da altri fattori.

FIG.7 – Questa volta il test con la USAF CHART si è rilevato piu’ lungo del solito a livello di tempistiche e ottenimento di una media dei risultati

RIFLESSI, IMMAGINI FANTASMA

Lo Swarovski ATC 17-40×56 denota una buona capacità di contenere la luce diffusa durante le osservazioni con luce laterale. 

 

PROVA SUL CAMPO

Come sempre citerò la mia esperienza nei vari settori osservativi.

Birdwatching

Per quanto riguarda il birdwatching, è utile fare alcune riflessioni. Come spesso anticipato, non è possibile gestire a mano libera uno strumento che fornisca oltre dodici ingrandimenti, e anche in questo caso non ho notato eccezioni. Tuttavia, il telescopio è  facilmente trasportabile: si può tenere appeso al collo, nel tascotto della giacca o nello zaino, occupando pochissimo spazio. Nel momento in cui si cerca di osservare a 17x a mano libera, la percezione dei dettagli è simile a quella ottenibile con un binocolo 10x-12x, specialmente per chi risulta più stabile nell’impugnazione.

Il pregio di questo strumento è di poter essere sostenuto con appoggi di fortuna e di poter sfruttare  lo zaino fotografico o il classico sacco di sabbia o di fagioli. Come ho mostrato nella prova della USAF CHART, la risoluzione massima raggiungibile è quasi prossima a quella ottenibile quanto installato su treppiede fotografico, sebbene rimangano delle minime vibrazioni.

FIG.8 – Alla fine dei conti, nell’uso pratico ho preferito sempre viaggiare leggero e sfruttare il mio zaino fotografico o qualche appoggio naturale, in questo caso potrete riuscire a sfruttare abbastanza bene anche 40x

Da un punto di vista meramente ottico e meccanico, questo piccolo telescopio è decisamente performante. Si apprezza innanzitutto il grande campo di vista, soprattutto agli alti ingrandimenti, visto che è possibile beneficiare di un campo apparente superiore ai 70°. Le immagini sono nitide, brillanti, con colori molto fedeli e un’ottima correzione cromatica. I 40 ingrandimenti consentono di mostrare dettagli  interessanti, anche di rapaci lontani. Potrebbe essere uno strumento ideale, ad esempio, se utilizzato dalla cima di una montagna, da una torretta di avvistamento, ma anche per l’osservazione di ungulati, ovviamente non al crepuscolo, sfruttando ad esempio un sacco di sabbia poggiato sul finestrino del fuoristrada.

Per quanto riguarda la tecnica del digiscoping, non posso fornirvi ulteriori informazioni sull’utilizzo con l’accessorio specificatamente progettato da Swarovski, in quanto non ho potuto testarlo. Tuttavia, essendo l’oculare praticamente identico alla serie ATX, non posso che presupporre un ottimo collegamento tra smartphone, adattatore e oculare. I video che vedrete all’interno della recensione su YouTube sono stati effettuati appoggiando a mano libera una mirrorless Olympus OMD E-M5 MARK II con un obiettivo fisso Zuiko 17 mm f1.8.

Osservazione del paesaggio

Anche riguardo all’osservazione del paesaggio, in base alla sua fascia di prezzo non è in grado di competere con un binocolo stabilizzato 18×50, 20×42.  Dove puo’ eccellere è nella osservazioni a medio alti ingrandimenti, data la sua capacità di raggiungere i 40x utilizzando un cavalletto o un supporto naturale molto stabile, seppur non benefici della appagante e rilassante visione con due occhi.

Osservazione crepuscolare

Per quanto riguarda l’osservazione crepuscolare, ho potuto confrontare il telescopio terrestre ATC 17-40×56 con uno spotting scope da 65 mm. Devo dire che l’ATC, pur avendo una trasmissione luminosa pari al 85%, non raggiunge le prestazioni di uno spotting scope di media alta qualità  dal diametro di poco superiore.

Devo confermare, che per essere uno spotting scope da 56 mm diametro, appare spesso come molto luminoso, questo in parte penso possa dipendere dal suo campo di vista molto grandangolare che porta ad avere una scena molto ampia con parvenza di maggiore luminosità.  

Osservazione astronomica

 Nell’osservazione astronomica, non beneficerete certamente di un diametro interessante e ampio con il telescopio terrestre ATC 17-40×56, quindi, è inutile acquistarlo per osservare galassie o ammassi stellari. Tuttavia, come strumento tuttofare, è possibile portarlo con  voi durante le vacanze e beneficiare di ottime visioni naturalistiche di giorno, ma anche della possibilità di esplorare il cielo stellato.

In questo caso, consiglio vivamente l’uso di un treppiede fotografico per  osservare le costellazioni, gli asterismi e tutto ciò che può essere percepito con un diametro di soli 56 mm. Grazie al campo apparente molto grande a 40x e alla ottima puntiformità stellare sino ai bordi del campo ho apprezzato molti asterismi e alcuni ammassi stellari. Ad esempio, il Doppio Ammasso di Perseo è veramente molto affascinante con questo piccolo telescopio.

Tuttavia, è importante considerare che non si dovrebbe acquistare per un uso astronomico  specifico, dato che con la cifra volta ad acquistarlo  è piu’ conveniente comprare un telescopio con un diametro  più grande e addirittura dotato di montatura equatoriale motorizzata.

FIG.8 – Per le osservazioni astronomiche occasionali e quelle naturalistiche prolungate, consiglio senz’altro un piccolo treppiede con una testa a sfera.

PREGI E DIFETTI

Pregi


– Robusto e compatto
– Oculare con un ottimo campo apparente, soprattutto a 40x
– Tecnologia Swarovision, quindi ottica apocromatica e campo piatto sino al bordo
– Ergonomia ottimale per l’utilizzo in appoggio su sostegni naturali, zaini, bean bag, etc.,etc.
– Range di ingrandimenti totalmente sfruttabile, soprattutto nell’uso diurno
– Ottima meccanica della messa a fuoco e dell’intervallo di ingrandimento dell’oculare
– Di serie è presente un semi guscio che facilita l’appoggio su zaini o bean bag

Difetti


Difficile individuare dei difetti significativi, dato che lo strumento è molto ben curato


– Il prezzo di acquisto potrebbe risultare elevato per alcuni acquirenti

 

IN SINTESI

 

Ritengo che Swarovski  Optik abbia creato l’ATC 17-40×56 per chi ha la necessità di trasportare uno strumento compatto ma di alta qualità che sia in grado di fornire alti ingrandimenti. I piu’ esigenti, inoltre, apprezzeranno  tutte le qualità ottiche e meccaniche che evidenziano il  solito modus operandi dell’azienda austriaca.

Non è ovviamente in grado di competere per luminosità con gli spotting scope   Top di Gamma  da 65 mm di diametro, ma è più compatto. Non offre la stessa percezione del dettaglio a mano libera a 17x come un binocolo stabilizzato 18×50, ma quando usato in appoggio su un cavalletto fornisce 40 ingrandimenti.

Si presta sia all’attività venatoria e all’osservazione naturalistica anche in alta quota,  non al crepuscolo e, come tutti i gioielli, è senz’altro desiderabile, piccolo, affascinante, ma anche molto costoso.

 

PREZZO E GARANZIA


Il prezzo attuale dello spotting scope compatto Swarovski ATC 17-40×56 è di 2460 euro.

RINGRAZIAMENTI

Io ringrazio Gianni Brignoli di Brignoli Armi,  nota armeria bresciana, per aver fornito l’esemplare oggetto di questo test e per avermi lasciato, come sempre, libero e indipendente nel digitare le mie impressioni personali. Vi ricordo che gli utenti premium di Binomania possono beneficiare di uno sconto molto interessante sui prodotti Swarovski , dovete semplicemente contattarmi e richiedere il codice sconto.

 

Se lo avete perso, guardate il mio reportage presso la sua armeria

Video reportage. Una giornata con Gianni Brignoli: ritiro carabina, cannocchiali Zeiss e presentazione del negozio

DISCLAIMER

Binomania non è un negozio, Nel mio sito web troverete unicamente recensioni di prodotti ottico sportivi, fotografici e astronomici.  Le mie impressioni sono imparziali come è dovere di ogni giornalista e non beneficio di alcuna percentuale di vendita sull’eventuale acquisto dei prodotti. Le aziende del settore che inviano i prodotti in prova firmano un patto di imparzialità per cui sono lasciato libero di citare le mie impressioni personali senza alcuna forzatura.  Qualora voleste acquistare o avere informazioni su eventuali variazioni di prezzo o novità, vi consiglio di visitare il sito ufficiale  di Brignoli Armi utilizzando il banner qui in basso che rappresenta l’unica forma di pubblicità presente nell’articolo. Grazie