Luoghi da visitare: le torbiere del Sebino

SOSTIENI IL MIO LAVORO DA GIORNALISTA INDIPENDENTE Contribuendo e diventando un sostenitore di BINOMANIA.it, mi aiuterai a mantenere gratuiti tutti i contenuti. Scegli la tua donazione. Grazie anticipatamente




La “Riserva Naturale Regionale delle Torbiere del Sebino” tutela un’area umida di Importanza
Internazionale ai sensi della Convenzione di Ramsar.
Le zone umide sono tra gli ambienti più produttivi al mondo, conservano la diversità biologica e forniscono
l’acqua e la produttività primaria da cui innumerevoli specie di piante e animali dipendono per la loro
sopravvivenza.
Esse sostengono numerose popolazioni di uccelli, mammiferi, rettili, anfibi, pesci e invertebrati. Per questo
motivo la Riserva è stata definita Important Bird and Biodiverisity Area (IBA) e riconosciuta dalla normativa
Europea “Natura 2000” come sito ZPS (Zona di Protezione Speciale) ai sensi della Direttiva Uccelli
concernente la conservazione degli uccelli selvatici e come ZSC (Zona Speciale di Conservazione) ai sensi
della Direttiva Habitat relativa alla conservazione degli habitat naturali e semi naturali e della flora e fauna
selvatiche.

Torbiere del Sebino
Torbiere del Sebino: fotografia di Stefano Tiozzo – fotografo documentarista


Le paludi un tempo erano considerate solo come terre improduttive e pericolose a causa della zanzara
anofele, veicolo della malaria. Oggi le paludi sono considerate come preziosi scrigni di biodiversità,
indispensabili per la sopravvivenza di migliaia di uccelli migratori, che hanno la necessità di trovare luoghi in
cui rifugiarsi e ricchi di cibo per recuperare energie durante i loro lunghi viaggi.
Trovandosi nel centro della Pianura Padana, la Riserva riveste un’importanza ecologica ancora maggiore.
Essa, per la sua estensione e la sua unicità, costituisce una vera e propria “oasi” per molti uccelli sia durante
la migrazione autunnale e primaverile, sia durante il periodo estivo della nidificazione, sia in inverno
quando molte specie provenienti dal nord Europa necessitano di acque libere dai ghiacci ove trovare cibo.

Un altro spendido panorama sulle torbiere del Sebino
Un altro splendido panorama sulle torbiere del Sebino. Fotografia di Stefano Tiozzo – fotografo documentarista


Gli uccelli sono la componente più vistosa degli esseri viventi che popolano le Torbiere, ma non bisogna
dimenticare la gran quantità di pesci, anfibi e, non meno importante, di insetti. La Riserva è un sito elettivo
per le libellule ed è possibile osservare qui fino a 30 diverse specie di questi affascinanti predatori alati.
Le Torbiere costituiscono un ecosistema in cui ogni elemento ha una grande importanza ecologica e si
relaziona agli altri, anche quello che ai nostri occhi è meno significativo. Inoltre il valore di questa zona è
amplificato dal contesto morfologico in cui è inserita, l’anfiteatro morenico di Franciacorta e del Sebino e
della sua storia, per le emergenze culturali e artistiche circostanti, tra cui in particolare il Monastero di S.
Pietro in Lamosa. Questo sito cluniacense, il cui nucleo centrale risale all’anno 1000, merita senz’altro una
visita accurata (possibilmente guidata) in modo da poterne apprezzare l’interessante architettura e gli
affreschi, oltre che per conoscerne la storia.

In questa oasi naturalistica è possibile compiere delle salubri passeggiate
In questa oasi naturalistica è possibile compiere delle salubri passeggiate. Fotografia di Stefano Tiozzo, fotografo documentarista


Le Torbiere collaborano al progetto iNaturalist, per esplorare e condividere le tue osservazioni della natura:
https://www.inaturalist.org/projects/torbiere-del-sebino

Sito web ufficiale: https://www.torbieresebino.it/
Sito web ufficiale di Stefano Tiozzo: https://www.stefanotiozzo.com/

 

Segnala a Binomania i luoghi da visitare che preferisci! Scrivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.