Share

Recensione dei binocoli KOWA SV II: economici ma affidabili

mhzoutdoorCome avrete visto nella video recensione sul canale Youtube di Binomania, ho apprezzato particolarmente i nuovissimi binocoli Kowa della serie SV II.
Sono il corretto aggiornamento della precedente serie, in verità gli accorgimenti apportati sono minimi ma abbastanza da renderli più appetibili.

L’armatura in gomma è finalmente di un colore verde molto sobrio e “naturalistico”, mi è parsa anche piu’ spessa e con degli incavi migliori per consentire una presa salda e sicura.

Se vi è piaciuto il video, cosa ne direste di iscrivervi al canale YouTube premendo su questo linK? E’gratis. https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1
Grazie per l’attenzione!

Passo ora a descrivere le caratteristiche tecniche che li accomunano, successivamente,  scriverò le mie impressioni relative all’utilizzo dei tre formati che ho avuto il piacere di utilizzare: 8×32, 10×42 e 12×50.

 

Meccanica e sistema di messa a fuoco

Lo scafo è classico con un’ampia finestra centrale e una cerniera unica. Il ponte di comando è abbastanza ampio, così come la manopola di messa a fuoco. E’impermeabilizzato e riempito in azoto, la messa  a fuoco di tutti e tre gli esemplari si è rilevata abbastanza fluida, ovviamente l’8X è quello con maggiore profondità di campo e quindi pare essere migliore anche nello snap test (andare avanti e indietro per vedere se varia il punto di messa  a fuoco o se, invece, è univoco)

Le distanze minime di messa a fuoco, variano da esemplare ad esemplare a causa del loro ingrandimento, partono da poco meno di 2 metri , nell’8×32, sino ai 5,5 metri del 12×50.

E’ presente una filettatura per il collegamento ai cavalletti fotografici che è utilissima nel caso del 12×50.

 

Aberrazioni
Cromatica:
non sono binocoli con ottiche ED, però nelle normali condizioni di illuminazione il contenimento dell’aberrazione cromatica è abbastanza contenuto.

Cromatismo laterale: presente verso il 70% del campo di vista come alone verde-viola

Curvatura di campo: non hanno oculari asferici, ai bordi il campo è curvo anche se il degrado avviene gradatamente, tra i tre ho apprezzato maggiormente la resa del 10×42, un ottimo mix tra campo apparente e sweet spot (nella fascia di prezzo)

Distorsione angolare: a cuscinetto, l’8×32 visto il campo maggiore la esibisce di più del 12×50. In linea di massima il panning è buono.

Altre aberrazioni
Si nota la coma e l’astigmatismo nell’osservazione dei campi stellari, sempre agli estremi bordi del campo di vista.

 

Utilizzo pratico

Kowa SV II 8×32: Ottimo binocolo per iniziare. Il campo non è molto grandangolare ma la resa è apprezzabile, il contrasto e la nitidezza sono in linea con il prezzo di acquisto, mentre giudico decisamente buona la cura dei particolari: nuova armatura in gomma, assemblaggio e meccanica. Per una cifra di poco inferiore ai 250 euro non penso si possa pretendere di più.

Kowa SV II 10×42: perfetto per iniziare a praticare birdwatching: leggero, il 10X mostra sempre qualcosa in più rispetto ai classici 8X e il campo apparente è di 60°. Potrebbe essere un perfetto regalo per la promozione dei vostri figli e magari potreste anche rubarglielo di tanto in tanto..

Kowa 12×50 SV II: formato particolare, va capito e apprezzato, è una via di mezzo tra il classico 8x 42 e i giganti 15×56. Grazie al peso di circa 700 g, si gestisce bene anche a mano libera o attraverso dei piccoli accorgimenti (appoggiarlo sul bordo delle altane, dei finestrini, contro un albero, etc.etc.) La resa al centro è più che buona, degrada ovviamente un po’ al bordo, ma ci sono 12×50 che costano otto volte tanto. Potrebbe essere un formato interessante per chi non vuole utilizzare un cavalletto, necessita di un binocolo leggero e performante e talvolta vuole alzare gli occhi al cielo non solo per osservare i rapaci ma anche le costellazioni, le galassie più luminosa e la Luna.

Pregi e difetti

Pregi: impermeabilizzazione, cura dei particolari, nuova armatura piu’ affidabile  e sobria. Buon compromesso tra il prezzo di acquisto e le prestazioni.

Difetti: Avrei preferito i tappi copri-ottiche con anello di fissaggio, per il resto, nella loro fascia di prezzo, non posso assolutamente lamentarmi

Prezzi (Giugno 2020 – mhzoutdoor)
Kowa SV II 8×32: 255 euro
Kowa SV II 10×42: 286 euro
Kowa SV II 12×50: 358 euro

Ringraziamenti: Ringrazio mhzoutdoor per aver fornito gli esemplari oggetto di questo test.

Purtroppo a causa del Coronavirus, ho perso il mio lavoro principale. Nonostante questo grave problema che ha colpito me e la mia famiglia, vorrei provare ugualmente a portare avanti questo progetto. Cari lettori, se voleste supportare Binomania, potreste fare la vostra donazione tramite Paypal. Grazie anticipatamente.
Piergiovanni Salimbeni

Piergiovanni Salimbeni: Lavora in qualità di Opinion leader nel settore ottico sportivo da oltre quindici anni. E' l'autore e fondatore di Binomania. Collabora ed ha collaborato, inoltre, con varie riviste italiane: Itinerari e Luoghi, Cacciare a palla, Armi e Tiro, La Rivista della Natura, Nuovo Orione, Le Stelle, Coelum. Appassionato di fotografia di paesaggio, potete vedere le sue fotografie visitando: www.piergiovannisalimbeni.com

You may also like...