Video recensione del binocolo nautico Steiner Navigator 7×50 C

Oggi vorrei presentarvi il nuovissimo binocolo nautico Steiner Navigator 7×50 C. Era da tempo, infatti, che non vedevo una interessante novità nel settore dei binocoli nautici.  Per questo motivo, grazie anche alla collaborazione di Marine Pan Service di Civitavecchia (distributore ufficiale dei prodotti Steiner nautici qui in Italia) ho potuto provare e recensire il nuovissimo Steiner Navigator 7×50 con bussola.
Questo binocolo, foriero di alcune belle innovazioni, costa  610 e gode di dieci anni di garanzia.

L”ho utilizzato per circa un  mese tra  la Toscana e la Liguria e vi confermerò le mie impressioni  all’interno di questa video recensione e del reportage scritto. Iniziamo, ma prima vi ricordo di iscrivervi al mio canale YouTube, premendo sul pulsante.

LEGGI ANCHE LA RECENSIONE SCRITTA!

DATI TECNICI DICHIARATI DALLA CASA MADRE

MECCANICA E SISTEMA DI MESSA A FUOCO

La prima novità che balza all’occhio è il ponte centrale, definito “open -bridge system”. Le mie dita non consentono di apprezzarlo durante la fase di osservazione, ma come potete notare dalle immagini pubblicate e nella video recensione, è perfetto per sostenerlo durante le pause, senza il rischio che possa cadere. In tale frangente penso che la sicurezza sia aumentata.  Devo anche confermare che questo design permette una miglior facilità di utilizzo durante la maggior parte delle situazioni.Il maggior “grip”; inoltre, è consentito grazie alla nuova trama ondulata anti-scivolo dell’armatura di gomma che si è rilevata decisamente robusta.  Il binocolo è protetto da una gommatura speciale, brevettata da Steiner, meglio conosciuta come NBR Long-life. L’ho appoggiato sulla sabbia, sugli scogli, sui muri dei moli e l’ho lasciato esposto a sole e salmastro durante una gita in barca, posso, quindi confermarne la robustezza. Da un punto di vista estetico, inoltre, ha acquisito anche un fascino personalissimo che gli dona autorità e originalità nel settore dei binocoli nautici. L’interno dello scafo ottico è dotato di innumerevoli diaframmi e di parti ben annerite. Mi pare sia stata proferita maggior cura costruttiva rispetto al modello precedente.

Immagine: la nuova armatura di gomma con la nuova trama ondulata per migliorare il grip


Lo Steiner Navigator 7×50 è impermeabilizzato e riempito in azoto ed è in grado di resistere alla pressione dell’acqua sino a cinque metri d

Immagine: Il design del nuovo Steiner Navigator 7×50 rompe gli schemi con il passato

i profondità. Grazie alla tecnologia a due vie è anche possibile mandarlo in assistenza per ricaricare l’azoto che come sapete, seppur non sia volatile come la miscela d’aria, è  puer sempre un gas. Un binocolo nautico deve essere, inoltre, molto robusto, per questo motivo, Steiner ha concepito uno scafo ottico in Makrolon, un particolare policarbonato che è in grado di resistere a urti sino a 11G. I prismi di Porro, inoltre, sono protetti da cuscinetti che assorbono gli urti senza provocare danni e scollimazioni. L’intervallo di temperatura è compreso tra i -20°C e i +70°C.

Il nuovo sistema di aggancio universale della imbracatura è veloce e affidabile, mentre i copri obiettivi sono dotati di un sistema di sgancio rapido che non ha mai fallito nel corso del mese di test. Molto utile e funzionale mi è parsa anche la nuova borsa che facilita, oltretutto, l’estrazione del binocolo, oltre a essere piu’ modaiola.

Per ciò che concerne la messa a fuoco, la profondità di campo di un 7x è pari al suo quadrato, quindi da 49 metri all’infinito tutto è a fuoco, anche se la compensazione visiva è in grado di migliorare tale prestazione. Steiner cita che possa essere utilizzato a partire da 20 metri senza dove rifocalizzare e devo ammettere che nell’uso nautico mi sono sempre piu’ concentrato sui dettagli osservati che sulla fase di messa a fuoco che è ovviamente possibile effettuare ruotando gli oculari. In ogni caso, per i piu’ interessati, ho calcolato una distanza minima di messa a fuoco pari a circa quattro metri.


OTTICA
OBIETTIVI

Gli obiettivi forniscono delle immagini molto nitide e contrastate che sono l’ideale per le osservazioni in mare. La tonalità del bianco è virata leggermente verso il giallo e questo consente una maggior percezione dei dettagli durante le giornate fosche o in presenza di pioggia. Insomma è un prodotto che è stato attentamente concepito per l’utilizzo nautico e per questo è in grado di eccellere.

Immagine: un primo piano sugli obiettivi da 50 mm di diametro

OCULARI
Gli oculari sono molto comodi, grazie al paraluce di gomma morbida che è perfettamente  si abbassa per consentire l’utilizzo ai portatori di occhiali. Il campo visivo a 1000 m è aumentato rispetto al modello precedente, siamo passati da 123 m a 128 m che sono circa 7.3° gradi di campo.

Immagine: i paraluce degli oculari si possono estrarre per facilitare la pulizia delle ottiche

PRISMI
Lo Steiner Navigator è equipaggiato con prismi di Porro di altissima qualità, la pupilla di uscita è perfettamente circolare, si nota soltanto una lievissima vignettatura agli estremi bordi nella parte esterna, decisamente ininfluente soprattutto nelle osservazioni diurne. Il contenimento dei riflessi e della luce diffusa mi è parso ottimo.

LA NUOVA BUSSOLA

Vorrei parlarvi adesso della nuova bussola, Il suo sistema di smorzamento è stato completamente riprogettato per migliorarne la compensazione durante l’utilizzo pratico in navigazione, oltretutto la posizione del pulsante di illuminazione si trova in una posizione piu’ confortevole per garantire l’utilizzo anche con una sola mano. La durata della batteria è eccellente e l’illuminazione è perfetta durante l’utilizzo crepuscolare e di notte.
Mi è parsa, inoltre, una bussola molto precisa che da sola potrebbe essere sufficiente per tutti i benefici che sa apportare. Vi invito, in questo caso, a leggere l’articolo di Binomania riguardante la bussola e i suoi tantissimi pregi.

Immagine: sono visibili la nuova bussola, i tappi che proteggono le vie per il caricamento dell’azoto e il vano impermeabilizzato per le batterie

ABERRAZIONI CROMATICHE E GEOMETRICHE
Passo ora a descrivervi nel dettaglio le aberrazioni di questo binocolo.

ABERRAZIONE CROMATICA AL CENTRO DEL CAMPO
Il nuovo Steiner Navigator 7×50 fornisce delle ottime prestazioni. Pur non facendo uso di ottiche a bassa dispersione, grazie ai bassi ingrandimenti, alla qualità dei vetri e dei prismi, il contenimento di tale aberrazione è pregevole. Si può notare un po’ di cromatismo residuo soltanto durante  condizioni di illuminazione molto critica, dove si percepirà talvolta un lievissimo alone verde-blu intorno, ad esempio, sugli scafi bianchi delle navi o dei fari.

ABERRAZIONE CROMATICA LATERALE
Il cromatismo laterale, si potrà verificare nella parte esterna del bordo del campo, unicamente su soggetti molto contrastati. Questa mi è parsa una prestazione migliore, rispetto al modello precedente.

CURVATURA DI CAMPO
Non è un binocolo dotato di oculari asferici ma la resa ai bordi del campo è prossima alla planeità. Le immagini perdono leggermente il fuoco verso il 90% del campo, fatto che non vanifica l’utilizzo dell’intero campo di vista, poiché’ i dettagli sono facilmente percepibili anche agli estremi bordi del campo.

DISTORSIONE ANGOLARE
Ho illustrato piu’ volte dell’importanza della distorsione angolare nei binocoli e l’effetto palla rotolante (vedesi il Glossario)  perché può migliorare la naturalezza nella fase di panning. Lo Steiner 7×50 presenta un po’ di distorsione angolare a cuscinetto verso i bordi del campo e devo ammettere che seppure io non sia molto sensibile ai binocoli sprovvisti, ho trovato molto piacevole utilizzare questo binocolo.

ALTRE ABERRAZIONI
Nel mero uso astronomico si percepisce un  po’ la coma ai bordi estremi del campo, mentre l’astigmatismo mi pare ben corretto.

Immagine: La nuova borsa è molto funzionale ed esteticamente ben fatta


IMPRESSIONI SUL CAMPO

Come in parte riuscirete a osservare dalle riprese video ho avuto il piacere non solo di testare lo Steiner Navigator 7×50 dai porti toscani e liguri ma anche di godermi un paio di gite molto appaganti, come quella tra Portovenere e le Cinque Terre. Durante la navigazione ho apprezzato tutte le innovazioni di questo binocolo nautico, dalla perfetta ergonomia, dall’alto contrasto ottimizzato dai trattamenti anti-riflessi Steiner, sino a dettagli piu’ piccoli, come ad esempio, il nuovo sistema di aggancio della bretella e la tessitura anti-scivolo della stupenda armatura in gomma.
Il formato 7X, poi, è perfetto per questo genere di osservazioni: le immagini sono nitide, stabilii, grazie alla grande pupilla di uscita che, inoltre, è perfetta per le osservazioni crepuscolari.
La profondità di campo è eccellente e nell’uso prettamente nautico sarà raramente necessario ritoccare il fuoco. La presenza dei prismi di Porro e l’ottima distanza dai tubi ottici generano una tridimensionalità eccellente che mostra i natanti e i dettagli in costa ben staccati tra loro , senza alcun effetto di compressione dei piani.
Da un punto di vista estetico, inoltre, è decisamente molto affascinante e devo ammettere che piu’ di un appassionato di nautica, durante le mie vacanze si è avvicinato per chiedermi informazioni  a riguardo.

PREGI E DIFETTI

  • Robusto e impermeabilizzato in modo egregio
  • Ergonomia migliorata grazie al nuovo sistema a finestra centrale
  • Ottima correzione dell’aberrazione cromatica al centro del campo
  • Ottima correzione dell’astigmatismo e poca coma
  • Immagine fruibili nella quasi totalità del campo di vista
  • Distorsione angolare calcolata con un giusto compromesso

Difetti

  • Non è un binocolo grandangolare anche se è migliorato rispetto ai modelli precedenti
  • Lieve vignettatura ai bordi della pupilla di uscita
  • Un po’ di luce diffusa ai bordi della pupilla di uscita ma inferiore rispetto al modello precedente.
Immagine: Lo Steiner Navigator 7×50 C sulla banchina del porticciolo di Bocca di Magra



IN SINTESI

Il nuovo Steiner Navigator 7×50 mi pare la giusta evoluzione di un modello che già aveva ottenuto molto successo nel suo settore di vendita
. Le innovazioni apportate non sono meri vezzi estetici o di design ma apportano ulteriori benefici nell’utilizzo sul campo.  Ritengo possa essere un binocolo definitivo anche per l’appassionato molto esigente.

 

PREZZI

Prima di salutarvi vi ripeto il prezzo. Lo Steiner 7×50 Navigator con bussola costa 610 euro e gode di dieci anni di garanzia. 


RINGRAZIAMENTI

Ringrazio Mauro Dell’Uomo della Marine Pan Service per aver fornito l’esemplare oggetto di questo test, lasciandomi nel contempo libero di citare le mie impressioni personali.

ATTENZIONE!

Binomania non è un negozio, Nel mio sito web troverete unicamente recensioni di prodotti ottico sportivi, fotografici e astronomici.  Le mie impressioni sono imparziali come è dovere di ogni giornalista e non ho alcuna percentuale di vendita sull’eventuale acquisto dei prodotti. Per questo motivo, qualora voleste acquistare o avere informazioni su eventuali variazioni di prezzo o novità, vi consiglio di visitare il sito ufficiale  di Marine Pan Service, cliccando sul banner che rappresenta l’unica forma pubblicitaria presente in questo articolo. Grazie!

SOSTIENI IL MIO LAVORO DA GIORNALISTA INDIPENDENTE Contribuendo e diventando un sostenitore di BINOMANIA.it, mi aiuterai a mantenere gratuiti tutti i contenuti. Scegli la tua donazione. Grazie anticipatamente